I due progetti di studenti italiani ai primi posti del Genius Olympiad

L’Italia ha partecipato all’iniziativa con due progetti presentati dalla Fast – Federazione delle Associazioni Scientifiche e Tecniche: i ragazzi hanno conquistato i gradini più alti del podio

Primi posti tutti italiani al Genius Olympiad di Oswego, dove l’Italia ha partecipato con due progetti presentati dalla Fast – Federazione delle Associazioni Scientifiche e Tecniche e dove i ragazzi hanno conquistato i gradini più alti del podio. Tre studenti del Liceo scientifico Q. Ennio di Gallipoli, Alessandro, Gabriele e Roberto, hanno conquistato la medaglia d’oro con il progetto A passo…di lumaca! Utilizzo di un antimicrobico naturale per il miglioramento della self-life di prodotti di 4a gamma. Gli studenti sono riusciti a dimostrare che i metaboliti naturali presenti nella bava di Helix, chiocciola allevata nel Sud-Salento, riducono notevolmente il tasso di crescita di microrganismi specifici e portano significativi vantaggi nella conservazione degli alimenti, senza apportare alcuna alterazione in termini di colore, gusto ed odore.
Medaglia d’argento invece per Sara, Alberto e Marco dell’ITI A. Sobrero di Casale Monferrato per “Il blu di Prussia: un alleato contro la radioattività e l’inquinamento ambientale”, un progetto che punta ad ottimizzare delle metodologie sintetiche per l’ottenimento del blu di Prussia (un pigmento che si utilizza in campo tessile) che garantiscano tempi brevi, buone rese e basso costo di sintesi. I ragazzi hanno avuto la meglio su un migliaio di finalisti e oltre 400 progetti.

Una conferma per qualità della nostra istruzione

Per questo traguardo tutto italiano è arrivato il commento del presidente della Fast Roberto Cusolito: «I due importanti riconoscimenti a giovani scienziati italiani confermano la qualità dell’istruzione in molte scuole d’Italia, ricompensano gli sforzi di docenti motivati e responsabili, stimolando così ragazze e ragazzi a scegliere carriere scientifiche».

Le selezioni

I ragazzi erano stati selezionati alla fine di marzo 2017, nel corso della manifestazione I giovani e le scienze, organizzata dal 1989 sempre da Fast, Federazione scelta come National Organizer dalla Direzione generale Ricerca della Commissione europea, con il compito di selezionare i migliori talenti italiani da inviare a EUCYS – European Union Contest for Young Scientists, finale del Concorso dell’Unione europea dei giovani scienziati. A partire dal 2008, I giovani e le scienze è inserito nel programma di individuazione e valorizzazione delle eccellenze Io merito del MIUR nell’ambito scientifico e tecnologico. L’evento è riservato agli studenti italiani (singoli o in gruppo di non più di 3) tra i 14 e i 21 anni, purché frequentino le scuole secondarie di 2° grado.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Smart e integrata nell’ambiente urbano. L’estetica innovativa della torre Dicecell

L’azienda italiana Calzavara ha creato un’antenna per reti cellulari e sistemi IoT che si adatta allo stile cittadino. Può combinare illuminazione intelligente, una panchina riscaldata, interazione con strumenti digitali informativi e la possibilità di ricaricare smartphone e bici elettriche

Cibo e risorse naturali. Le 6 aree in cui la scienza può salvarci dalla catastrofe

L’Istituto per il cibo, la scienza e la tecnologia di Londra ha definito “chiara ed urgente” la necessità che scienza e tecnologia trovino delle soluzioni ai problemi di coltivazioni sicure e sostenibili