I due progetti di studenti italiani ai primi posti del Genius Olympiad

L’Italia ha partecipato all’iniziativa con due progetti presentati dalla Fast – Federazione delle Associazioni Scientifiche e Tecniche: i ragazzi hanno conquistato i gradini più alti del podio

Primi posti tutti italiani al Genius Olympiad di Oswego, dove l’Italia ha partecipato con due progetti presentati dalla Fast – Federazione delle Associazioni Scientifiche e Tecniche e dove i ragazzi hanno conquistato i gradini più alti del podio. Tre studenti del Liceo scientifico Q. Ennio di Gallipoli, Alessandro, Gabriele e Roberto, hanno conquistato la medaglia d’oro con il progetto A passo…di lumaca! Utilizzo di un antimicrobico naturale per il miglioramento della self-life di prodotti di 4a gamma. Gli studenti sono riusciti a dimostrare che i metaboliti naturali presenti nella bava di Helix, chiocciola allevata nel Sud-Salento, riducono notevolmente il tasso di crescita di microrganismi specifici e portano significativi vantaggi nella conservazione degli alimenti, senza apportare alcuna alterazione in termini di colore, gusto ed odore.
Medaglia d’argento invece per Sara, Alberto e Marco dell’ITI A. Sobrero di Casale Monferrato per “Il blu di Prussia: un alleato contro la radioattività e l’inquinamento ambientale”, un progetto che punta ad ottimizzare delle metodologie sintetiche per l’ottenimento del blu di Prussia (un pigmento che si utilizza in campo tessile) che garantiscano tempi brevi, buone rese e basso costo di sintesi. I ragazzi hanno avuto la meglio su un migliaio di finalisti e oltre 400 progetti.

Una conferma per qualità della nostra istruzione

Per questo traguardo tutto italiano è arrivato il commento del presidente della Fast Roberto Cusolito: «I due importanti riconoscimenti a giovani scienziati italiani confermano la qualità dell’istruzione in molte scuole d’Italia, ricompensano gli sforzi di docenti motivati e responsabili, stimolando così ragazze e ragazzi a scegliere carriere scientifiche».

Le selezioni

I ragazzi erano stati selezionati alla fine di marzo 2017, nel corso della manifestazione I giovani e le scienze, organizzata dal 1989 sempre da Fast, Federazione scelta come National Organizer dalla Direzione generale Ricerca della Commissione europea, con il compito di selezionare i migliori talenti italiani da inviare a EUCYS – European Union Contest for Young Scientists, finale del Concorso dell’Unione europea dei giovani scienziati. A partire dal 2008, I giovani e le scienze è inserito nel programma di individuazione e valorizzazione delle eccellenze Io merito del MIUR nell’ambito scientifico e tecnologico. L’evento è riservato agli studenti italiani (singoli o in gruppo di non più di 3) tra i 14 e i 21 anni, purché frequentino le scuole secondarie di 2° grado.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Grind2energy: dai diamanti non nasce niente, dalla spazzatura nasce energia

In Winsconsin gli scarti alimentari prodotti dai supermercati e dai ristoranti diventano fonte per la produzione di combustibile. Un sistema per abbattere i rifiuti solidi e produrre energia in modo sostenibile

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti