Giornata mondiale per la sicurezza in Rete, ecco tutti gli eventi in programma

Si terrà il 7 febbraio presso gli spazi espositivi dell’ex Caserma Guido Reni di Roma: istituzioni e social network saranno presenti con laboratori e attività per informare gli studenti su un uso corretto e positivo del web e degli strumenti digitali

Il 7 febbraio è la Giornata mondiale per la sicurezza in Rete (Safer Internet Day), istituita dalla Commissione Europea per promuove un uso corretto e positivo degli strumenti del web. Quest’anno l’iniziativa è giunta alla sua 14esima edizione, ed ha come slogan “Be the change: unite for a better internet”. L’Italia parteciperà, insieme ad oltre 100 nazioni in tutto il mondo, alla Giornata mondiale per la sicurezza in Rete con una serie di eventi che si terranno negli spazi espositivi dell’ex Caserma Guido Reni (in Via Guido Reni), a partire dalle ore 9,30 di martedì 7 febbraio 2017, dove gli studenti troveranno diversi punti di incontro con istituzioni ed esperti. In concomitanza con il Safer Internet Day, quest’anno, si terrà la prima Giornata nazionale contro il bullismo e il cyberbullismo a scuola dal titolo “Un Nodo Blu – le scuole unite contro il bullismo”. Un’iniziativa lanciata dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca nell’ambito del Piano nazionale contro il bullismo. Tutte le iniziative del #SID2017 si svolgeranno sotto l’egida di Generazioni Connesse, il Safer Internet Centre Italiano, cofinanziato dalla Commissione Europea e coordinato dal Miur.

image-20161021-8845-12fyhwn

Uno spot contro il bullismo

L’obiettivo della giornata del 7 febbraio è far riflettere le ragazze e i ragazzi non solo sull’uso consapevole della rete, ma anche sul ruolo attivo e responsabile di ciascuna e ciascuno nella realizzazione di internet come luogo positivo e sicuro. La giornata si aprirà con i saluti istituzionali del ministro Valeria Fedeli e la presentazione del nuovo spot televisivo contro il bullismo, ideato con la collaborazione delle studentesse e degli studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore “S. Pertini” di Alatri, che sarà in onda proprio dal 7 febbraio sulle reti Rai, Sky, Mediaset, Mtv, Discovery e La7. Sul palco insieme al ministro ci saranno le studentesse e gli studenti protagonisti dello spot. Interverrà all’evento anche la Senatrice Elena Ferrara, prima firmataria del disegno di legge che punta a contrastare il fenomeno del cyberbullismo, di recente approvato dal Senato e ora passato alla Camera dei Deputati.

A seguito degli interventi messi in programma dal Piano Nazionale per la prevenzione del bullismo e del cyberbullismo a scuola e della relativa “Call To Action” per l’anno scolastico 2016/2017, sono stati finanziati progetti per 2 milioni di euro per l’elaborazione di interventi di sensibilizzazione per la promozione di un uso consapevole della rete e la costituzione di una rete nazionale di istituzioni scolastiche per il contrasto del bullismo. La prevenzione dei fenomeni di bullismo e cyberbullismo, ancora, sarà una delle linee prioritarie delle attività previste dal Piano Nazionale di Formazione dei docenti del Miur che, a partire da quest’anno scolastico, vedrà il coinvolgimento di circa 16mila docenti.

SID-2017-logo-with-less-white-space

Gli stand espositivi: chi ci sarà

Durante la kermesse di martedì 7 febbraio si potranno visitare gli stand espositivi che presenteranno le attività fino ad ora svolte nell’ambito della prevenzione del cyberbullismo e proporranno attività di sensibilizzazione per i più giovani. Parteciperanno i rappresentanti dei più noti social network, aziende di comunicazione mobile ed Enti pubblici. Google sarà presente con il progetto “Vivi Internet al Sicuro”, realizzato con la collaborazione di Polizia Postale, di Altroconsumo e dell’Accademia italiana del codice di internet per sensibilizzare gli italiani all’utilizzo del web in sicurezza. Samsung presenterà “Let’s App”, un nuovo progetto per avvicinare i ragazzi al mondo delle applicazioni per dispositivi mobili; l’AICA, Associazione Italiana per l’Informatica e il Calcolo automatico, illustrerà tra gli altri i progetti “Io clicco sicuro” e le “Olimpiadi italiane di informatica”; la Camera dei Deputati informerà i partecipanti sulla proposta di legge sulla prevenzione e il contrasto del bullismo e del cyberbullismo; il CORECOM Lombardia presenterà lo “Sportello Help!Web Reputation Giovani”, volto alla tutela della web reputation e per un uso consapevole e prudente della rete; Facebook sensibilizzerà riguardo gli strumenti e le risorse messi a disposizione dei ragazzi per gestire i propri dati e per fare in modo che possano navigare in totale sicurezza; il Garante per la Protezione dei dati personali parlerà dei progetti avviati dall’Autorità come “La scuola a prova di privacy”, “Social privacy – Come tutelarsi nell’era dei social network” e “Phishing: attenzione ai ‘pescatori’ di dati personali”.

Il concorso fotografico di Canon

Sarà presente, inoltre, Canon Italia con il progetto “Fotografare consapevolmente”, con l’obiettivo di trasmettere alle studentesse e agli studenti le competenze tecniche sulla fotografia e sulle modalità di una condivisone consapevole delle immagini sulla rete. Il Miur, in collaborazione con Canon, lancerà il concorso rivolto a tutte le alunne e agli studenti delle scuole secondarie di II grado denominato “Vita da Studente – Fotografare e condividere consapevolmente”. L’obiettivo del concorso è di raccogliere storie e prospettive originali, spaccati della vita da studente tra i banchi di scuola o in viaggio con i propri compagni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un box di delizie e un kit per la ricetta. L’ecommerce Caciocavallo Impiccato

Dal kit basic a quello gourmet, c’è tutto l’occorrente per preparare il caciocavallo impiccato, inclusa l’asta brevettata per tenerlo sopra una fonte di calore. Prevista a breve anche una rete di Street Food e un carrello-cucina per i ristoranti. Il progetto di Saverio Mancino nei dettagli

Allarme mondiale: il ransomware Petya dilaga bloccando trasporti, centrali elettriche e perfino Chernobyl

L’attacco, forse condotto con “Petrwap” una variante del virus Petya, già nota agli esperti, attacca le macchine Windows. Come già accaduto con Wannacry, anche in questo caso il ransomware utilizza l’exploit EternalBlue rubato alla NSA