Soluzioni innovative sull’immigrazione. A LUISS Enlabs i Millennials di Techfugees Roma

A Roma la maratona di sviluppo di progetti innovativi sul tema migranti. L’appuntamento è co-organizzato da Codemotion e supportato da Facebook e Unicef Italia

Un’iniziativa internazionale lanciata nel 2015 da Mike Butcher, direttore di TechCrunch, con l’obiettivo di mettere in contatto il mondo tecnologico e quello delle onlus per trovare soluzioni alla crisi dei migranti in Europa. Ecco quest’anno sarà Roma a ospitare la terza edizione di Techfugees. Negli anni scorsi Techfugees Italia (guidato da Benedetta Arese Lucini, Marina Calcagno Baldini e Costanza Gallo) ha organizzato l’iniziativa prima a Roncade (a H-Farm) e poi a Torino. Tra i co-organizzatori di quest’anno c’è anche il team di Codemotion (la più grande conferenza tecnica in Italia e in Europa con un network internazionale di 40.000 developer, con speaker internazionali da tutto il mondo e tutte le principali realtà IT). Due giorni, 31 e 1 aprile a LUISS Enlabs (via Marsala 29h). Su Twitter l’hashtag è #TechfugeesRoma. QUI tutte le info per partecipare.

Techfugees

Millennials

Due giorni di confronto e di sviluppo di soluzioni innovative sul tema migranti. Al centro di questa maratona ci sono i Millennials. Proprio loro sono chiamati a lavorare su progetti che promuovano l’abbattimento di barriere culturali, il miglioramento del flusso di informazioni sia da i migranti che verso di loro, e iniziative di integrazione. A supportare l’evento UNICEF Italia e Facebook. La sfida di #TechfugeesRoma è aperta a tutti: non occorre essere tecnici o professionisti, basta avere voglia di impegnarsi per 24 ore. Sono ammessi gruppi già formati o singoli, che verranno inseriti in gruppi multidisciplina.

L’hackathon nel dettaglio

Venerdì sera, dopo una sessione di kick-off, saranno lanciate le sfide su cui lavorare e alcuni talk di ispirazione. I partecipanti avranno tutta la notte di venerdì e la giornata di sabato a disposizione per completare i progetti, che verranno presentati alla giuria nella serata di sabato.

Progetti imprenditoriali

L’obiettivo di Techfugees Italia è dare avvio a veri e propri progetti imprenditoriali​, che diano risposte concrete e durature a una delle emergenze sociali più sfidanti dell’epoca. I team vinctori avranno per premio crediti da utilizzare come inserzioni pubblicitarie su Facebook, un viaggio presso uno dei suoi uffici, a seconda della tecnologia e delle caratteristiche dell’idea sviluppata, in modo che i vincitori possano confrontarsi con un team di esperti Facebook per ottimizzare la visibilità del progetto e le varie interazioni con la piattaforma social. L’accesso a FBStart, programma globale di Facebook che aiuta le startup a creare e far crescere la propria attività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Missione VITA, Paolo Nespoli torna nello spazio

L’astronauta italiano sarà per la terza volta in orbita attorno alla Terra, per la seconda volta ospite della Stazione Spaziale Internazionale. Il suo compito a bordo della ISS sarà svolgere esperimenti di fisiologia e biochimica per studiare il comportamento della vita nello spazio

Google, Facebook e marketing digitale: così il turismo in Portogallo fa numeri e dà lavoro

Visibilità nelle ricerche online e offerte personalizzate. Ecco come il Paese lusitano ha fatto delle proprie bellezze un business, con un fatturato 2016 di 11 miliardi (e 40 mila posti di lavoro in oltre 4 mila aziende)

Un robot subacqueo ha ispezionato i reattori di Fukushima

Per analizzare l’entità dei danni del terremoto del 2011 nella centrale nucleare di Fukushima, gli scienziati stanno usando un piccolo robot a forma di pesce che ha restituito le prime immagini del reattore

Questa startup di Wylab trova borse di studio per atleti | Usa College Sport

Selezionare borse di studio per atleti nelle università statunitensi, questa la mission del progetto di Deljan Bregasi: «Abbiamo relazioni con 2000 diverse università e possiamo comunicare con migliaia di allenatori di 14 sport diversi»

Come rapire Martina, 5 anni, usando i dati su Facebook. Il video da 200mila visualizzazioni in 24 ore

Matteo Flora ha dimostrato com’è possibile che un profilo Facebook creato dai genitori a una bambina possa rivelare dati preziosi utilizzabili come un’arma da un rapitore. Il video è diventato virale in poche ore