Giulia Lotti

Lug 14, 2015

La bambina che a 11 anni diede nome a Plutone per 5 sterline

La storia di Venetia Burney che nel 1930 suggerì il nome del pianeta misterioso, che in queste ore è sotto i riflettori del mondo in vista del passaggio della sonda New Horizons a poche migliaia di chilometri dalla sua superficie

Sono passati 9 anni dalla partenza della sonda della NASA, New Horizons che martedì 14 luglio, alle 13:49:57 (ora italiana) dopo un viaggio di 5 miliardi di km, è transitata a soli 12.500 km da Plutone. Si tratta del primo incontro ravvincinato con il misterioso corpo celeste. Fino ad oggi infatti, non era mai accaduto che una sonda spaziale si avvicinasse così tanto al pianeta nano. Sui social non si parla di altro, tutti seguono con curiosità e meraviglia gi aggiornamenti della sonda. Forse però non tutti sanno che il nome del pianeta, Plutone, è stato proposto da una bambina di 11 anni.

La “Bambina di Plutone”

Sono passati 85 anni da quando Clyde Tombaugh dell’Osservatorio Lowell in Arizona, scoprì Plutone. La scelta del nome è una storia tutta particolare che parte dal basso. A battezzare il pianeta è stata una bambini di 11 anni, Venetia Burney.
Il 14 marzo 1930, quando il “Times” pubblicò la notizia della scoperta di un nuovo pianeta, ai confini del Sistema Solare, lo zio di Venetia, il chimico Henry Madan, chiese alla piccola Venetia, un po’ per gioco un po’ per curiosità un suo parere sul nome più adatto per il corpo celeste. Lei scelse “Plutone” accostando all’immagine scura e fredda del corpo celeste la figura del’omonimo dio degli inferi. Lo zio, convinto dalla bimba, telefono a Tombaugh che accettò con gioia il suggerimento di Venetia, che ricevette una ricompensa di 5 sterline, niente a confronto della soddisfazione di tutta la vita per aver battezzato il pianeta nano.

pluto
Non si parla spesso di Venetia, e non si trova facilmente sui libri di scuola. Come il suo pianeta, anche lei è rimasta nell’ombra in questi anni, diventando una professoressa di Economia in un college femminile di Londra. Solo nel 2009 in occasione del documentario “Naming Pluto” e in corrispondenza della sua 89esima candelina, Venentia fu intervista e la sua storia fece il giro del mondo. La “Bambina di Plutone” morì il 30 aprile dello stesso anno, felice di aver raccontato la sua storia e di aver rivisto al telescopio il suo pianeta.

256328_5_

C’è anche Pluto su Plutone

Un altro celebre personaggio personaggio che ha preso il nome da Plutone ed è Pluto, il fedele cane della Disney. Una delle curiosità più divertenti è che l’affettuoso personaggio della Disney sembra sia stato “avvistato” proprio in queste ore dalla New Horizons, guardate la foto. Ovviamente si tratta di un bizzarro gioco di luci e colori che nei prossimi giorni troverà una risposta dalle analisi delle immagini spaziali.

plutothumb1