Bambole scienziate per avvicinare i bambini al tech

C’è la programmatrice, la geek, la scienziata, la ricercatrice: vengono vendute con un kit per un esperimento STEM da fare a casa. E stanno per diventare una serie tv su Netflix

Sono la risposta agli stereotipi sulle bambole “belle e stupide” e per certi versi anche alla recente campagna sollevata in rete da una giovane dipendente della Isis Wenger che chiedeva con un hashtag “Come deve apparire un ingegnere?”, visto che lei era stata scambiata per una modella. Le bambole appena lanciate dalla MGA Entertainment, la stessa azienda che produce le Bratz, sono belle, ma soprattutto impegnate nei settori STEM (scienza, tecnologia, ingegneria, matematica). C’è la scienziata accessoriata con le provette, la programmatrice con il laptop, la ricercatrice con i libri di fisica e la geek con lo skateboard hi-tech. Insomma, se cercate una bambola casalinga, cambiate scaffale. Non è tutto: con la bambola viene venduto anche un kit per un esperimento da fare a casa, in modo che i bambini possano riprodurre la stessa attività della bambola e appassionarsi alla sua materia.

dolls

Foto: Mashable

La linea di nuove bambole si chiama Project Mc² ed è in vendita da oggi nelle catene Walmart, Toys ‘R’ Us, Amazon, Kmart, Joann Fabrics e Crafts. Quello che la MGA Entertainment intende fare, è “veicolare, tra le ragazze, il messaggio che essere intelligenti è cool, e suscitare interesse verso le materie STEM” ha detto a Mashable il Ceo dell’azienda Isaac Larian. In altre parole si spera di avvicinare le bambine alle materie scientifiche attraverso il modello delle bambole.

A differenza delle famose Bratz, che erano bambole con vestiti eccentrici e trucco pesante, l’ultimo prodotto della MGA Entertainment si è concentrato quanto più possibile sulla vita reale: “Volevamo che il gruppo di ragazze sembrasse reale. Così ogni bambola è diversa dalle altre, sia per altezza, sia per carattere, sia per i tratti somatici”.

Se dai giocattoli si passa poi alla tv, il messaggio che dovrebbe far avvicinare le bambine alla scienza è ancora più forte: il brand Project Mc², infatti, è stato ripreso per girare una serie televisiva su Netflix in cui un gruppo di quattro ragazze – identiche alle bambole – vengono scelte per prendere parte a una organizzazione top-secret.

dolls-3

Foto: Mashable

DOLLS2

Foto: Mashable

Ti potrebbe interessare anche

La protesi fatta con i Lego che aiuta i bambini disabili (giocando)

Arriva dalla Svezia IKO, un sistema di protesi modulabili e personalizzabili con i Lego direttamente dal bambino che le indossa. E’ stato realizzato nell’Istituto di design di Umeå

Miss Tinkidoo: «Con i giocattoli digitali avviciniamo i bambini alla tecnologia»

Sonia China, fondatrice della startup Tinkidoo, racconta come è riuscita ad avvicinare i bambini alla tecnologia attraverso il gioco con un approccio didattico che si ispira al “metodo Montessori” nell’era digitale

Con i giocattoli intelligenti i bambini imparano prima

[email protected] Digitales 3.6” è il progetto dell’Università Federico II per stimolare l’apprendimento dei bambini nella scuola d’infanzia.

Baroni all’università: “Questo è mio, questo è tuo, questo è coso”

L’indagine di Firenze dimostra che i feudi sono ancora troppi ma anche che l’Abilitazione scientifica nazionale funziona: costringe i baroni a esporsi più che in passato, mettendoli all’angolo

L’app che trova e ti mette in contatto con l’avvocato giusto | JustAvv

Il ceo Mariano Spalletti entra nel dettaglio della piattaforma online che dà la possibilità agli utenti di trovare l’avvocato adatto per risolvere ogni tipo di problema legale