300 frasi in 28 lingue per aiutare i rifugiati: in Germania nasce Phrasebook

E’ un frasario online che facilita la comunicazione tra rifugiati e volontari. Pensato per essere stampato e diffuso, è stato creato in modalità crowdsourced da un gruppo di volontari tedeschi

Come si dice “ti voglio aiutare” in arabo? Biddi sa’dak. In dari, che è una variante del persiano parlata in Afghanistan, invece, si dice Mekhaayam shoma ra komak konam. In tedesco, è Ich will Ihnen helfen. Un gruppo di volontari tedeschi sta realizzando un frasario online per i rifugiati: una collezione di frasi utili alle persone che vogliono aiutare i migranti che stanno attraversando l’Europa in fuga dalle guerre. Il progetto Phrasebook è in progress, ma ci sono già 300 frasi in 28 lingue, tra cui l’urdu, il turco, il francese, l’islandese, ed alcuni dialetti curdi. Il frasario è scaricabile e stampabile gratuitamente.

dreamstime_s_8736416

Da Facebook al sito

Tutto è nato dal gruppo Facebook “Berlin refugee help” che raccoglie volontari che fanno accoglienza ai rifugiati in Germania. La lingua è l’ultimo dei muri che un richiedente asilo deve affrontare alla fine del suo viaggio, quando raggiunge la sua destinazione. Non è un ostacolo da poco: come fare a spiegare, ad esempio, il bisogno di cure mediche, o la necessità di un supporto legale? Lo stesso vale per i volontari: offrire aiuto è più semplice se si usano le stesse parole. Gli iscritti al gruppo hanno cominciato a condividere frasi utili per l’accoglienza dei rifugiati in Germania.

Un frasario da stampare e distribuire

Così è stato creato il frasario online: diviso in tre sezioni (generale, medicina e assistenza legale) è uno strumento molto utile sia per i rifugiati sia per chi lavora per aiutarli. Alcuni esempi di frasi? “Ho bisogno di più medicine”, “Sto male quando mi alzo in piedi”, “Come si fa una richiesta di asilo?”. Le necessità maggiori dei migranti riguardano il cibo, l’assistenza medica e quella legale. L’obiettivo è quello di realizzare una versione scaricabile del frasario, che i rifugiati o i volontari possono stampare e utilizzare.

Tutti sono invitati a collaborare

Il progetto del Phrasebook è stato avviato da Nine Yamamoto-Masson, un’artista franco-giapponese che si è trasferita in Germania da piccola: molti dei volontari che da subito si sono attivati per aiutare i migranti hanno loro stessi un background multiculturale. La guida è stata realizzata “dal basso”, da persone che non si sono mai incontrate, ed è in progress. Sul sito del progetto si legge che “tutti sono invitati a collaborare e che iniziative locali per adattare, stampare e distribuire il frasario sono benvenute per aiutare i rifugiati in tutte le parti del paese”.

@carlottabalena

Ti potrebbe interessare anche

120 kg di libri per insegnare a rifugiati e migranti la lingua italiana

Book Cycle da 4 anni invia testi scolastici nei centri di protezione per i migranti, richiedenti asilo e rifugiati. Da maggio anche nelle carceri minorili

Malala compie 18 anni e apre una scuola per 200 ragazze in fuga dalla Siria

Il premio Nobel per la pace 2014 Malala Yousafzai ha inaugurato, il giorno del suo 18esimo compleanno, una scuola in Libano per ragazze siriane rifugiate

4 domande sugli studenti immigrati e una storia che fa riflettere

I figli degli immigrati hanno un ritardo scolastico superiore agli italiani ma nelle aule non ci sono risorse. Tuttavia hanno grandi potenzialità, come dimostra l’esperienza di Herni, immigrato dell’Albania, che nel 2009 è stato premiato dal Presidente della Repubblica tra i migliori studenti d’Italia

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

DevSecOps: lo sviluppo software agile attento alla sicurezza

Sviluppatori, esperti di sicurezza, reparto IT: tutti devono collaborare per creare software davvero sicuro. Un concetto che si concretizza nel DevSecOps, un modo moderno e veloce per arrivare dall’idea alla produzione senza correre rischi