Ecco il robot che aiuterà i bambini a combattere l’obesità

3 docenti della Seconda Università di Napoli hanno progettato un robot interattivo contro l’obesità nei minori. Funziona con l’immedesimazione del bimbo col suo “giocattolo”

Si chiama “You” e aiuterà i bambini obesi o con problemi di alimentazione. Addio alle noiose campagne d’educazione alimentare, ai sacchettini di plastica con le carote e i pomodorini all’intervallo, ora ad insegnare ai nostri ragazzi una corretta alimentazione, ci pensa un robot. Sì, perché “You” è una di quelle magnifiche macchine che possono aiutare gli educatori a mettere in atto delle strategie per combattere alcuni fenomeni, come quello dell’obesità. L’idea è di tre docenti della Seconda Università di Napoli che con un gruppo di studenti hanno progettato questo “giocattolo” interattivo contro l’obesità nei minori. Siamo di fronte ad un’invenzione che potrà sicuramente entrare a far parte della medicina innovativa o anche dell’educazione 2.0.

Robot-You

Paolo Cotrufo e Stefania Cella, professori di psicologia, hanno chiesto la collaborazione di Rosanna Veneziano che si è occupata del design con la collaborazione dei ragazzi del corso di social design per l’innovazione. Il risultato nato grazie alla partecipazione di Antonio Basilicata, Daniele Caccavale e Clarita Caliendo, ha conquistato l’attenzione del mondo della ricerca: “You” è stato pensato come un compagno con il quale il bambino si relazione ogni giorno. Il meccanismo studiato è quello dell’identificazione. Attraverso un’app, il piccolo in sovrappeso nutre il robot selezionando le quantità e la tipologia degli alimenti che egli stesso ha assunto. “You” reagisce alle informazioni ricevute attraverso segnali luminosi, espressioni del viso o frasi relative alle proprie sensazioni, come ad esempio “ho mangiato tanto” o “mi sento gonfio” o ancora “basta fermo, ho voglia di muovermi”.

Il bambino ha anche un bracciale che registra i principali parametri metabolici e l’attività fisica svolta. Inoltre questo bracciale rileva la vicinanza con altri bambini, stimolando occasioni di gioco collettivo grazie a premi accumulati attraverso una sana alimentazione e una corretta attività fisica. Una risposta concreta e innovativa ad un problema che non riguarda solo gli Stati Uniti d’America, ma anche l’Italia. Secondo i dati del 2014, raccolti dal sistema di sorveglianza del ministero della Salute, i bambini in sovrappeso nel nostro Paese sono il 20,9% e quelli obesi il 9%. Un fenomeno che si registra maggiormente nel Sud Italia e nel Centro. Le abitudini alimentari di questi ragazzi e non solo di loro sono spesso dettate da comportamenti errati: il 31% fa una colazione sbilanciata; il 41% dei genitori dichiara che i propri figli assumono abitualmente bevande zuccherate e o gassate. Basta andare nelle scuole per tradurre in volti, invece, quel 52% che fa una merenda abbondante.

Di fronte a questi dati il robot inventato dai professori e dai ricercatori della Seconda Università di Napoli, è una risposta che non ha solo l’obiettivo di educare il bambino ad una corretta alimentazione ma lo aiuta ad autoregolarsi, stimolando il riconoscimento della sazietà e della fame. Un importante passo della tecnologia social nel settore dell’educazione e della sanità: un’altra dimostrazione di come l’innovazione può sposare diversi settori e essere a servizio del bene comune.

Ti potrebbe interessare anche

Piacere, mi chiamo iCub: ecco il cucciolo di robot che cambierà il mondo

Il 28 Marzo 2015 è prevista la presentazione a 200 bambini di Genova: l’iniziativa è nata per avvicinare i ragazzi alla tecnologia

A Pisa 400 professori vanno a scuola di robotica

Oltre 400 docenti toscani hanno intrapreso un corso di formazione di robotica educativa all’Istituto di biorobotica della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa

Alla RomeCup 2015 non abbiamo vinto, ma imparato una cosa importate

Arianna Moro, studentessa di 17 anni di Ostuni, racconta l’emozione e gli sforzi ripagati dalla partecipazione alla RomeCup 2015, e insegna anche come fare la Buona Scuola tutti i giorni

Con Muzo puoi creare il silenzio (e riprodurre oltre 1000 ambienti sonori)

Questo device promette di aiutarci a creare una bolla di silenzio perfetta. Grazie al suo campionario di suoni è in grado di riprodurre oltre 1000 ambienti sonori. In più è dotato di Anti-Vibration Technology per eliminare ogni disturbo proveniente dall’esterno

Cryptodrop blocca i ransomware di Windows (ma ha imparato da Linux)

Un sistema elaborato da quattro ricercatori americani è riuscito a individuare 492 tipi di ransomware sulla stessa piattaforma bloccandoli. È un nuovo approccio alla sicurezza informatica