Bambini plusdotati, nasce la rete a sostegno di famiglie e insegnanti

In Puglia è nata l’idea di costruire una rete per sostenere le famiglie in cui ci sono ragazzi ragazzi con un alto potenziale cognitivo

Sono invisibili, di loro non si parla mai o troppo poco: sono i bambini plusdotati. In Italia sono il 5%, uno ogni classe. Negli Stati Uniti d’America si arriva persino all’8% della popolazione scolastica. Un mondo sommerso, spesso non preso in considerazione da chi dovrebbe farlo: la scuola, i centri di neuropsichiatria infantile. In Italia l’unico centro che fa ricerca su questo tema è “LabTalento” dell’Università di Pavia ma ora dalla Puglia è nata l’idea di costituire una rete a sostegno delle famiglie e degli insegnanti che hanno a che fare con ragazzi con un alto potenziale cognitivo. Sono ragazzi che vanno valorizzati, sostenuti, aiutati con docenti altamente qualificati. Una sfida necessaria per non perdere questi bambini.

Leggi anche: 6 cose da sapere sui bambini prodigio (e come riconoscerli)

fde4e992-ea90-11e2-a6d5-005056b70bb8

Primo passo: riconoscere il bambino plusdotato. Non è sempre facile, spesso vengono fatte diagnosi sbagliate, ma anche in Italia il fenomeno esiste. Dal 2010 al 2015 “LabTalento” ha valutato 187 soggetti: di questi 176 sono risultati essere ad alto potenziale. Da notare anche la differenza di genere: 170 maschi e 17 femmine.

Secondo passo: avere una scuola capace di occuparsi e preoccuparsi di questi ragazzi. “Occorre – ha spiegato in un recente convegno a Bari, Maria Assunta Zanetti, direttrice di LabTalento – sensibilizzare gli insegnanti, supportarli con strumenti per la didattica adatti, personalizzati e potenziati. A volte serve un piano di accelerazione del corso di studi, a volte persino un supporto psicologico per far fronte al disturbo emotivo che si crea. Noi agiamo così: dopo aver fatto una valutazione del bambino, prendiamo in carico tutto il nucleo famigliare; poi si affronta il problema a scuola, e in questa fase interveniamo per formare i docenti e dar loro gli attrezzi adatti al bambino ad alto potenziale”. Da qui l’idea di Cittàdeibimbi.it, Confindustria Bari, Asl, Università, Politecnico e Comune di Bari di creare un network di sostegno per le famiglie e le scuole. Una buona riuscita alla scuola primaria non li mette, infatti, al riparo dal fallimento nelle classi successive e in alcuni casi si possono verificare situazioni di underachievement e drop out.

“Gli insegnanti con il bambino plusdotato – hanno spiegato nel corso del convegno tenuto a Bari – dovrebbero adottare semplici accorgimenti per facilitare la loro vita all’interno della classe: congratularsi con lui e incoraggiarlo; non considerare scontate le sue prestazioni; fare in modo che acquisisca un metodo di lavoro adeguato e strutturare un’attività didattica stimolante ed efficace”. Non è da escludere in alcuni casi il salto ad un livello di classe superiore previsto dalla normativa italiana. Le Leggi non mancano. Esiste persino una raccomandazione (la numero 1248) del Consiglio d’Europa sull’educazione dei bambini con talento: sono una risorsa non solo per se stessi, ma per la società dal momento che vi sono casi di geni che hanno contribuito alle ricerche sulla scienza e la medicina già in tenera età.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

6 cose da sapere sui bambini prodigio (e come riconoscerli)

L’Italia è stata ammessa a far parte dell’European Talent Support Network, che tutela le potenzialità dei bambini “gifted”, cioè dei piccoli genii. Ecco l’identikit dei bambini plusdotati e qualche consiglio per i loro insegnanti

A New York c’è un asilo pubblico più selettivo di Harvard

Vengono ammessi solo 50 bambini dalle grandi capacità intellettive, che poi possono proseguire gli studi nell’Hunter College School fino al liceo. Il tasso di selezione dell’Hunter è del 2%: quello di Harvard, nel 2015, è stato 6.2%

Pochi secondi per lavare i denti grazie allo spazzolino record su Kickstarter

Amabrush combatte la noia di dover spazzolare per due minuti la dentatura, è molto più preciso nella pulizia e si collega tramite bluetooth a un’app. Ha raccolto quasi due milioni di euro in pochi giorni con il crowdfunding