Uno lo mangi e uno lo regali a un bimbo meno fortunato: arriva il “gelato sospeso”

L’associazione Salvamamme ha avviato oggi la campagna adesioni per regalare un gelato a un bambino. Nei bar aderenti si potrà lasciare pagato un cono per le famiglie meno fortunate

Regalare un sorriso ai bambini meno fortunati, e offrire loro un gelato. Torna anche quest’anno l’iniziativa “Gelato sospeso 2.0” dell’associazione Salvamamme, che è basata a Roma, ma che ha lanciato la campagna in tutta Italia. Dal 1 giugno al 10 settembre nelle gelaterie che aderiranno all’iniziativa sarà possibile lasciare un gelato “sospeso”, cioè pagare un cono per un bambino che non se lo può permettere. Basterà lasciare la propria offerta in un vaso trasparente dentro il negozio: il gestore emetterà poi il regolare scontrino quando il gelato verrà “ritirato”.

gelato

Questa è la seconda estate dei gelati sospesi. Lo scorso anno aveva avuto un certo successo, con molte condivisioni sui social con l’hashtag #gelatosospeso2.0 e varie centinaia di adesioni da parte di gelaterie e bar in tutto il Paese.

La share economy dei coni comincerà il 1 giugno per concludersi il 10 settembre. Aderire è molto semplice: basta scaricare dal sito e dai social di Salvamamme le locandine da esporre nei vostri punti vendita. E’ importante comunicare l’adesione a Salvamamme in modo che l’associazione possa poi creare una mappa della rete dei gelati solidali. Possono aderire singole gelaterie e aziende.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Smart e integrata nell’ambiente urbano. L’estetica innovativa della torre Dicecell

L’azienda italiana Calzavara ha creato un’antenna per reti cellulari e sistemi IoT che si adatta allo stile cittadino. Può combinare illuminazione intelligente, una panchina riscaldata, interazione con strumenti digitali informativi e la possibilità di ricaricare smartphone e bici elettriche

Cibo e risorse naturali. Le 6 aree in cui la scienza può salvarci dalla catastrofe

L’Istituto per il cibo, la scienza e la tecnologia di Londra ha definito “chiara ed urgente” la necessità che scienza e tecnologia trovino delle soluzioni ai problemi di coltivazioni sicure e sostenibili