I ragazzi di “Ma Basta” aprono il crowdfunding per creare centri d’ascolto anti-bullismo

Sostenuto da studenti di 14-15 anni, il movimento “Ma Basta” si batte per estirpare il bullismo dalle scuole: ora ha aperto una campagna su Eppela per finanziare centri d’ascolto e scatole per la raccolta di segnalazioni anonime

Parte oggi la campagna di crowdfunding sulla piattaforma Eppela di  MaBasta!, Movimento Anti Bullismo Animato da Studenti Adolescenti, creato dagli studenti della 1° A dell’Istituto Galilei Costa di Lecce. La campagna punta a raccogliere 5 mila euro che serviranno per  creare un centro di ascolto digitale e per far continuare l’azione dei “bulliziotti”, studenti che si impegnano in prima linea per contrastare il fenomeno del bullismo a scuola.

MABASTA!

La campagna di raccolta fondi si concluderà il 26 luglio. Il progetto fa parte di FastUP School, l’iniziativa per la promozione della cultura digitale nelle scuole italiane, nata dalla firma del protocollo d’intesa tra Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della RicercaFastweb ed Eppela. “MaBasta! è forse la prima associazione informale contro il bullismo che si muove dal basso: realizzata da ragazzi 14 e i 15 anni. “Il nostro impegno – scrivono gli studenti – si rivolge soprattutto a tre categorie: le vittime del bullismo, i bulli e le bulle e gli spettatori: ovvero tutti coloro che assistono in silenzio a episodi di violenza fisica e psicologica”.

Il crowdfunding, del valore di 5 mila euro, servirà per creare un centro di ascolto digitale, un esercito di “bulliziotti”: studenti che sono contrari ai soprusi e che  saranno formati attraverso dei tutorial online, e delle “bullibox” in ogni scuola: scatole simili ad urne o cassette della posta, nelle quali vittime e spettatori potranno imbucare (anche in forma anonima) segnalazioni di episodi o di situazioni sospette. Se gli studenti del Galilei Costa raggiungeranno, tramite la raccolta online, la metà dell’obiettivo economico preposto (ovvero 2.500 euro), riceveranno la restate parte da Fastweb, sulla base di quanto previsto da FastUP SchoolQui per saperne di più sulla campagna di crowdfunding e sulle ricompense corrisposte.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

“Ciao Bullo”, la canzone anti-bullismo fatta da una classe di Lesmo vince il Leone d’Argento

A Lesmo, nella provincia di Monza e Brianza, una classe ha inventato una canzone contro le prepotenze: ha conquistato la Biennale di Venezia

“Ma Basta!”, il movimento anti-bullismo creato a Lecce da 14 studenti

Dall’istituto tecnico “Galilei Costa” di Lecce si alza la voce di 14 studenti per dire no a bullismo e cyberbullismo. Per diffondere il loro movimento stanno usando la rete: un sito e una pagina social

Negli Stati Uniti arriva il primo avvocato-robot al mondo. Ed è gratuito

Il robot, che si chiama DoNotPay, in realtà è un’intelligenza artificiale in forma di chatbot e offre consulenza gratuita a chi non può permettersi un legale in carne e ossa. Nei due anni di sperimentazione ha contestato 375mila multe per il parcheggio

McDonald’s firma una linea di abbigliamento e la consegna a casa con UberEats

La famosa catena di fast food ha pensato per il 26 luglio a una campagna per celebrare il Global Delivery Day: in quella data chi ordinerà con UberEats si verà recapitare a casa un articolo con riferimento al marchio del Big Mac

I vincitori della prima edizione: “Siamo cresciuti grazie a Start To Be Circular”

Grazie alla call di Fondazione Bracco la startup Orthoponics ha acquisito le giuste competenze per conquistare il mercato. Scadenza il 3 di novembre. In palio un premio del valore di 10.000 euro e l’ingresso nell’incubatore SpeedMiUp

Botnet, Microsoft combatte Fancy Bear in tribunale

Per fronteggiare l’offensiva cibernetica che si presume giunga dalla Russia, a Redmond hanno scelto un’arma non convenzionale. I cyber-criminali sono colpiti a suon di carte bollate, e la loro botnet smantellata in tribunale