400mila euro alla startup delle ripetizioni online (e 12 nuovi posti di lavoro)

Tre studenti universitari di vent’anni hanno creato, pochi mesi fa, un sito per aiutare i loro coetanei a superare con successo gli esami, dando la possibilità di cercare e prenotare il tutor più affine alle proprie esigenze

La startup che rivoluziona il mondo delle ripetizioni si chiama Tutored, e ne avevamo già parlato qui, ha chiuso in tempi record il fundraising da 400 mila euro aperto alla fine di gennaio. La startup ad oggi valutata circa 2 milioni di euro e l’aumento di capitale da 400 mila Euro è stato sottoscritto da LVenture Group, Club Italia Investimenti 2, Club Digitale, Telematica Finanziaria, 272 Holding, MFM Group, RePlanet.

tutored

I prossimi passi

Grazie a questo nuovo investimento Tutored ha intenzione di migliorare il servizio e allargare la propria community. L’obiettivo è quello di aprire il loro servizio di ripetizioni online in tutte le principali città universitarie italiane. Ma le sorprese non finiscono qui. I fondatori strizzano l’occhio alla possibilità di aprirsi anche al mercato tedesco e accennano anche ad altre iniziative che verranno rivelate in primavera.

La crescita attesa

Il team di giovanissimi startupper romani ha un’età media 23 anni e già un grande traguardo alle spalle. Infatti durante il programma d’accelerazione presso LUISS ENLABS, conclusi appena due mesi fa, Tutored ha raggiunto ottimi risultati. La startup conta una crescita di utenti superiore al 97% al mese, i costi di acquisizione sono stati sensibilmente ridotti e l’aumento del numero di prenotazioni e lezioni è stato del 100% mensile

La soluzione di Tutored

“L’idea è nata in questo modo: essendo tutti e tre studenti universitari, abbiamo pensato bene di trovare la soluzione a un problema che sentivamo in prima persona – ha commentato Gabriele Giugliano, CEO di Tutored – Riuscire a prendere 30 ad un esame non è semplice. Spesso non basta studiare i libri di testo indicati. Occorre sapere in anticipo gli argomenti prediletti dai professori, provare gli esercizi dei testi d’esami passati. Così abbiamo creato Tutored: una piattaforma che mette in contatto studenti che hanno già passato un esame, in una determinata facoltà, con uno specifico professore con altri studenti che si apprestano a dover “subire” la stessa sorte!”

12 nuovi posti di lavoro in azienda

Centinaia di brillanti studenti di Roma, Milano, Torino, Pavia e Firenze durante questa sessione invernale hanno guadagnato grazie alle proprie abilità e competenze aiutando studenti più piccoli a migliorare la loro preparazione agli esami.

“Sapere di aver aiutato tanti ragazzi a trovare un lavoro part time per arrotondare che premia la loro bravura nello studio è una soddisfazione immensa, soprattutto in un momento di crisi come questo” come aggiungono Nicolò Bardi e Martina Mattone “il nuovo investimento ci permetterà di dare un lavoro fisso a più di 10 persone, tra attuali e nuovi collaboratori”.

 “Siamo felici e orgogliosi della fiducia che i nostri investitori ci hanno dimostrato e continueremo a lavorare sodo per ottenere risultati ancora più importanti e offrire ai nostri utenti un servizio da 30 e lode!”.

Un Commento a “400mila euro alla startup delle ripetizioni online (e 12 nuovi posti di lavoro)”

  1. erlangb

    Ottima notizia per il nostro ecosistema. Speriamo di vederne delle altre.
    L’importante e’ non gongolare troppo su questo risultato. Un seed di 400k deve esser visto come la normalità, e non come una notizia. Solo allora potremmo dire di aver costruito un ecosistema nel nostro bel paese. Purtroppo i pochi fondi delle startup in fase early stage secondo me è soltanto uno dei problemi da risolvere: burocrazia, mentalità, contratti….
    Fino ad allora, un grande in bocca al lupo per questi ragazzi!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Tutored, lezioni private (anche last minute) tra i finalisti di InnovAction Lab

Martina Mattone, CEO di Tutored, la piattaforma che mette in contatto tutor e studenti, ci parla di come è nata l’idea, degli obiettivi e dei loro sviluppi futuri

Un metodo per stampare in 3D con la polvere di Marte

L’idea quasi fantascientifica della colonizzazione dello spazio ha ispirato i ricercatori della Northwestern University che hanno pensato a un modo per realizzare strumenti necessari alla vita umana con la fabbricazione digitale sfruttando le risorse del suolo extraterrestre

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.