#SharkTankIT: 3 startup da portare nelle scuole

Dopo le prime 3 puntate del business talent Shark Tank, abbiamo riguardato i migliori pitch per voi e abbiamo scelto 3 idee da portare nelle scuole: per migliorare l’apprendimento, certo, ma anche l’umore

Sappiamo già che stasera vi mancherà. Dopo le prime tre puntate, Shark Tank, il business-talent show in onda su Italia1, che in America ha affascinato più di 8 milioni di telspettatori, si prende una pausa.  Il programma TV, sbarcato In Italia il 21 maggio 2015, ha catturato l’attenzione di un vasto pubblico: startupper di ogni estrazione presentavano le proprie idee di business a 5 investitori, gli “sharks”, chiamati a giudicare i loro progetti. Se ritenute profittevoli, le startup venivano finanziate in cambio quote dell’azienda e dei futuri utili. Gli “squali” che hanno avuto il compito di esaminare i progetti sono tutti imprenditori e importanti figure del mondo del business. In questa prima edizione sono stati coinvoiti Fabio Cannavale, presidente di lastminute.com, portale specializzato nel turismo online, Maria Rita Costanza, direttore tecnico di Macnil – Gruppo Zucchetti, Luciano Bonetti, presidente di Foppapedretti e dirigente sportivo italiano, Gianluca Dettori, presidente e fondatore della società di venture capital Dpixel e  Giampietro Vigorelli, consulente pubblicitario.

Abbiamo deciso di ripercorrere i pitch migliori, facendo una selezione delle migliori idee rivolte al settore dell’istruzione, della formazione e della cultura: Giuseppe Lo Pinto, con il dispositivo mobile LimVTouch, Hans Kruger Goffi e Angelica Meucci con il progetto Flowessori e Stefano Guerrera di “Se i quadri potessero parlare”.

Le startup dell’education nella vasca degli squali

Shark School Tank

Flowessori

Molto più che pezzi d’arredamento. Flowerssori è una linea di mobili disegnati per bambini e studiati per lo sviluppo delle loro capacità cognitive, con certificazione pedagogica Montessori (unica al mondo) e certificazione ecologica PEFC. La produzione è interamente Made in Italy e utilizza legni pregiati curvati, in serie numerate, semi-industriali con rifiniture manuali. Flowerssori ha concluso un deal con Fabio Cannavale e Gianluca Dettori da 500.000 euro in cambio del 32% della società.

flowerssori

LimVTouch

LimVTouch è un dispositivo mobile, plug and play, che permette di interagire con qualunque superficie facendola diventare una lavagna interattiva multimediale. Il progetto si pone l’obiettivo di migliorare la didattica e agevolare la condivisione di informazioni, aumentando la diffusione della tecnologia nelle scuole italiane.  LimVTouch ha concluso un deal con Gianluca Dettori da 250.000 euro in cambio del 25% della società.

lim

Se i quadri potessero parlare

Prendere un’opera d’arte e trasformarla in un “meme”, un’immagine virale. A questo ci aveva pensato il web: a farne un business, però, ci ha pensato Stefano Guerrera. Se i quadri potessero parlare è una pagina Facebook che rivisita i dipinti della storia dell’arte con aforismi e battute spiritose. Da questa pagina è nata anche una linea di merchandising che comprende t-shirt, una raccolta cartacea e stampe su tela delle opere rivisitate. Se i quadri potessero parlare ha concluso un deal da 85.000 euro da Fabio Cannavale in cambio del 35% della società.

quadri2

 

di Giulia Lotti e Carlotta Balena

Ti potrebbe interessare anche

Come si fa un pitch? Lo insegna (a scuola) lo Startup Super School

Lo Startup Super School è un evento di due giorni per insegnare ai ragazzi delle scuole superiori l’abc delle startup. Il primo esperimento, in provincia di Enna

Elp, la scatola (fatta a scuola) che ricorda ai nonni quando prendere le medicine

Una classe dell’Istituto tecnico Fermi di Pontedera ha costruito un dispositivo che aiuta le persone con malattie croniche a ricordare di prendere le medicine quotidiane

La storia Mr. Waynaut: da studente ad imprenditore a 24 anni

Simone Lini è convinto che in Italia si possa fare startup e la sua azienda, Waynaut ne è la prova: tutto è nato sui banchi dell’università

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti