Chi sono le 10 startup che verranno accelerate da Disney

L’acceleratore Disney ha annunciato le startup che verranno seguite nel 2015: ognuna riceverà 120 mila dollari di capitale e i consigli dei leader delle divisioni Disney: dalla Pixar alla Lucasfilm, passando per il Ceo Bob Iger

L’acceleratore Disney è pronto a lanciare 10 startup innovative con grandi idee nei campi dell’intrattenimento e dei “consumer media”.  Il “Disney Accelerator” è al suo secondo anno di vita ed ha appena annunciato chi saranno le aziende che verranno accelerate per il 2015. Società con soluzioni innovative destinate al pubblico giovane, ma non solo. Il programma comprenderà, anche quest’anno, un periodo di tre mesi di mentorship sostenuto da Techstars; ognuna delle società riceverà fino a 120 mila dollari di capitale di investimento, oltre che il supporto del fior fiore delle divisioni Disney. Che significa ricevere consigli dai leader di Pixar, Marvel, Lucasfilm, Espn e Walt Disney Imagineering, per non parlare del Ceo di Disney, Bob Iger. 

Headed-to-Disneyland-this-Spring-Grab-These-Deals-Before-You-Go-4f857bcba48a4f47ba8ff00da4a09ba5

L’acceleratore della The Walt Disney Company è stato inaugurato a giugno 2014, ed ha appena avviato il suo secondo anno di vita. Le società che sono state accelerate nel primo anno hanno raggiunto successi importanti: tutte hanno aumentato il capitale ed alcune sono state acquisite.

Un esempio di successo è SnowShoe, una startup che fa interagire la plastica con i dispositivi digitali. La startup ha raccolto 3.5 milioni di dollari in un primo round di investimento da Lowercase Capital, Foundry Group’s AngelList syndicate, e altri. Un’altra impresa accelerata nel 2014 è stata Naritiv, una piattaforma marketing per Snapchat.

Ma passiamo alle startup selezionate dall’acceleratore Disney per il 2015. Hanno cominciato a lavorare il 10 luglio, e il programma si chiuderà con un “Demo day” in Los Angeles il prossimo 6 ottobre, dove tutte le startup si presenteranno agli investitori.

Le 10 startup

Decisive: è una piattaforma SaaS che permettere ai pubblicitari di ottimizzare le proprie campagne per dispositivi mobili basate sull’engagement dell’utente.

EMOTIV: EMOTIV permette a un dispositivo di tracciare le performance mentali, monitorare le emozioni e controllare degli oggetti con le onde cerebrali.

FEM Inc.: FEM Inc. è una piattaforma che recensisce e distribuisce video a siti o app.

HYP3R: HYP3R permette alle aziende di identificare i clienti più influenti e coinvolgerli in tempo reale.

imperson: imperson offre una piattaforma di intelligenza artificiale che permette ai fan di intrattenere conversazioni con i loro personaggi del cinema o della tv preferiti.

Littlstar: Littlstar aggrega i migliori contenuti di realtà virtuale nel web.

MakieLab: MakieLab permette ai bambini di immaginare e creare bambole da stampare in 3D

Open Bionics: Open Bionics è una società che crea mani bioniche stampate in 3D low cost.

Pundit: Pundit permette a chiunque di sostenere un audio Ask Me Anything (AMAs) con la propria rete di follower Twitter.

StatMuse: StatMuse permette agli amanti dello sport di interrogare un data base con le statistiche sugli sport usando semplici domande verbali.

@carlottabalena

Ti potrebbe interessare anche

Google e Disney insieme con un cartoon sul coding per i bambini

Si chiama “Miles from tomorrowland”, protagonista una famiglia che vive nello spazio. Miles è un bambino avventuriero e sua sorella Loretta è un esperta di programmazione

“L’impresa è come l’inglese: va insegnata a scuola”

Parla Miriam Cresta, Ceo di Junior Achievement Italia. L’organizzazione non profit parteciperà al GEC 2015 con un evento sull’imprenditoria a scuola che riunirà a Milano 150 insegnanti

“Salviamo la cattedra di greco!”. Così un liceo di Londra chiede aiuto al web

La Camden School for girls è considerata l’ultima scuola pubblica non selettiva del Regno Unito a insegnare il greco. I tagli ai fondi, però, hanno indotto l’istituto a cancellare le lezioni. Docenti e studenti si sono mobilitati per salvare il corso, con una raccolta fondi

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti