“Siamo l’Airbnb delle lezioni private”: anche YouClassMe al Web Summit di Dublino

La piattaforma mette in collegamento chi offre lezioni private (di qualsiasi tipo) e chi cerca un maestro. La startup parteciperà al meeting delle startup europee nella capitale irlandese

“C’è sempre qualcosa da imparare”. Che sia un corso di montaggio video o di tango argentino, di inglese o di flauto dolce, pensateci bene: cos’è che vorreste saper fare? Matteo e Alessandro, 27 e 28 anni, cercavano un insegnante di tennis. E visto che avevano problemi a trovarne uno, hanno deciso di fondare YouClassMe, la piattaforma che mette in contatto chi offre lezioni private di qualsiasi tipo con chi ha bisogno di un insegnante. Il mantra di questa startup, nata a giugno 2015, è proprio “c’è sempre qualcosa da imparare”. L’idea funziona: «In pochi mesi si sono iscritti a YouClassMe quasi 1.300 insegnanti» dice il co-fondatore Matteo Giangaspero. Inoltre, la startup è stata notata anche all’estero: «A novembre andremo al Web Summit di Dublino – dice Alessandro Borrello, l’altro co-founder – siamo nel gruppo delle startup italiane selezionate per partecipare programma Alpha del meeting, dove hanno spazio le startup più promettenti d’Europa».

12027785_897669013645757_447032558806975312_n

Matteo è barese, Alessandro viene da Terni. Ma a entrambi piace scoprire nuove realtà: si sono incontrati a Milano, ed hanno deciso di fondare una startup. Iniziano a lavorarci ad agosto 2014, anche se sono a distanza, perché Matteo nel frattempo era a Chicago. Alla fine, però, a giugno 2015 viene lanciata la prima versione di YouClassMe. «Ci abbiamo messo 9 mesi, è stato come una gravidanza; questa startup la consideriamo come un figlio».

Come nasce il team e poi l’idea?

«Ci siamo conosciuti all’università, studiavamo entrambi Giurisprudenza alla Bocconi. Entrambi abbiamo fatto esperienze di studio e lavoro all’estero e un giorno, quasi per gioco, ci è venuta l’idea di YouClassMe. Cercavamo un insegnante di tennis e non riuscivamo a trovarlo. Così ci siamo detti: inventiamo noi una piattaforma che ce lo trovi. Abbiamo allargato l’orizzonte a qualsiasi tipologia di insegnante: da quelli di musica a quelli che insegnano competenze digitali. Volevamo mettere in un solo luogo maestri e studenti, chi può insegnare qualcosa e chi vuole imparare, senza le strutture convenzionali. Siamo un po’ l’Airbnb delle competenze, delle lezioni private. Alla fine di ogni lezione gli studenti danno una recensione dell’insegnante, e così si avvia un sistema di ranking».

Che cosa si può imparare su YouClassMe?

«Praticamente qualsiasi cosa. Certe volte ci stupiamo dell’offerta che c’è, e anche della domanda di competenze, dallo yoga agli strumenti musicali. Le materie, poi, vanno un po’ a periodi: per esempio in estate si richiedevano insegnanti di sport all’aria aperta, a settembre, con gli esami all’università e i test di riparazione nei licei, c’era tanta domanda delle materie scolastiche. Ci sono circa 500 materie e 1.300 insegnanti».

Gli insegnanti li avete attratti utilizzando i social?

«All’inizio sì. Abbiamo anche avviato una campagna Facebook che ha raccolto 5 mila like. Ma poi è cominciato il passaparola. I maestri si trovavano bene sulla piattaforma e la consigliavano agli amici».

Qual è il vostro modello di business?

«Sia per gli insegnanti sia per chi studia YouClassMe è totalmente gratuito. I docenti, però, possono abbonarsi a servizi premium, come avere un profilo più ricco oppure dare la possibilità agli studenti di acquistare le lezioni tramite coupon. Stiamo anche per aprire la possibilità di avere una specie di bollino di “garanzia” con cui noi di YouClassMe certifichiamo e consigliamo il maestro. Abbiamo abbonamenti da 1, 3 o 6 mesi, il prezzo è di 3 euro al mese».

Come siete arrivati al Web Summit?

«Niente di programmato – dice Alessandro – un giorno ero su Facebook ed ho visto la pagina del Web Summit. Abbiamo fatto la richiesta di partecipazione a giugno, e poi a settembre ci hanno fatto fare un pitch via Skype: una sudata che non ti dico. Due giorni dopo ci hanno richiamato per dirci che eravamo selezionati. Per noi sarà un’esperienza super stimolante, e una grande sfida».

@carlottabalena

Alessandro (sx) e Matteo (dx)

Ti potrebbe interessare anche

3 top manager della Silicon Valley investono 400mila euro sugli appunti online di Docsity

La startup ha ricevuto un finanziamento da 7 privati: tra questi, anche i fondatori di Soundcloud e Goeuro, e il product manager di Dropbox. Intervista al fondatore di Docsity, Riccardo Ocleppo

400mila euro alla startup delle ripetizioni online (e 12 nuovi posti di lavoro)

Tre studenti universitari di vent’anni hanno creato, pochi mesi fa, un sito per aiutare i loro coetanei a superare con successo gli esami, dando la possibilità di cercare e prenotare il tutor più affine alle proprie esigenze

bSmart con più di 2000 classi virtuali lancerà un marketplace e le ripetizioni online

Con oltre 2000 classi virtuali e 1200 libri interattivi, bSmart.it di Applix Education si conferma tra le prime piattaforme di Digital Education in Italia e lancia un nuovo piano di sviluppo

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

Blockchain, tutto quello che c’è da sapere sulla tecnologia alla base dei bitcoin

Anche chi non condivide fino in fondo l’entusiasmo dei due autori canadesi, non può essere cieco di fronte alla capacità della tecnologia di adattarsi a un’infinità di usi in campi diversissimi tra loro: dalla finanza, al retail, passando per assicurazione e sanità. Ecco una guida per capire cos’è la blockchain e perché rappresenta il futuro della Rete

Cyber Mid Year Report, fra tendenze e nuove minacce. Le contromisure dell’Europa

La UE si mobilita con iniziative concrete per fare fronte ai continui attacchi informatici. Ecco cosa emerge dai report di metà anno di Cisco, Check Point, Security on Demand e della National Association of State Chief Information Officers (NASCIO)