Read Runner, l’app che insegna a leggere ai bimbi con DSA (e vince 20mila euro)

Remo Ricchetti (co-founder): «Read Runner è come un paio di occhiali che ti aiutano a leggere meglio». L’app vincitrice della “Fellowship on e-Health” di AXA e Impact Hub Milano, ha l’obiettivo di dare fiducia ai bambini con problemi di apprendimento e sostenere le famiglie e gli insegnanti mettendoli in contatto con medici specialisti

Il progetto Read Runner si è aggiudicato all’Italian AXA Forum l’Impact Hub Fellowship on e-Health, il premio lanciato da AXA Italia insieme a Impact Hub Milano e rivolto ad iniziative imprenditoriali con focus sull’applicazione delle nuove tecnologie per il miglioramento delle cure, della salute e del benessere. Read Runner, progetto ideato da un team di tre co-fondatori, Maria Gabriella Brodi, Eyal Fried e Remo Ricchetti, è una piattaforma mobile creata per facilitare la lettura e la comprensione di testi a bambini affetti da dislessia, attraverso un’esperienza unica e coinvolgente. Sfruttando l’ubiquità offerta dal mobile e un‘interazione con le dinamiche di un gioco, Read Runner riproduce un’ecosistema terapeutico e coinvolgente, attraverso il quale pazienti, terapeuti, genitori e insegnanti possono connettersi e collaborare.

read runner

In questa momento il programma è dedicato ai bambini tra gli 8 e i 14 anni, che vivono una fase molto delicata del percorso di crescita e a cui uno strumento come Read Runner può venire in soccorso nel processo di “riabilitazione” alla lettura, oltre che di costruzione della personalità.

Tra i tre progetti finalisti, Read Runner è quello che per la giuria ha meglio rappresentato la capacità di innovare unita al desiderio di migliorare la vita delle persone. La dislessia è, infatti, un problema che impatta sulla vita del 10% della popolazione (dati Dyslexia International), e che comporta difficoltà nella lettura e nella comprensione di testi, causando nei più giovani complicazioni legate all’autostima e alla vita sociale.

read runner2

Oltre a ricevere un premio complessivo in denaro di 20.000 euro, il progetto vincitore ha anche la possibilità di proseguire per altri nove mesi il periodo di incubazione presso Impact Hub Milano, ricevendo un importante supporto nello sviluppo di competenze e nell’accesso ai finanziamenti,potendosi avvalere del coaching e dell’esperienza dei manager di AXA e del network internazionale di Impact Hub.

Il team potrà inoltre completare il proprio percorso con una settimana di business boosting e validation a Parigi nel 2016 con il team di esperti di AXA Strategic Ventures, il fondo di venture capital da 200 milioni di euro di AXA.

“La voglia e la capacità di innovare dei giovani sono note a tutti noi. Per questo riteniamo di fondamentale importanza fornire supporto ai giovani imprenditori che desiderano migliorare la vita delle persone con le loro idee – dichiara Frédéric de Courtois, Amministratore Delegato di AXA Italia. In quanto compagnia assicurativa possiamo e vogliamo dare il nostro contributo nella protezione dai rischi a cui vanno incontro gli innovatori. Infatti, per questa seconda edizione dell’Impact Hub Fellowship on e-Health, siamo orgogliosi di premiare un progetto e i suoi fondatori che hanno osato rischiare per apportare significativi miglioramenti alla società. Ci auguriamo che, anche grazie al contributo di AXA, il percorso di questa idee possa spiccare il volo e diventare una storia di successo.”

“Il tema dell’e-Health ha permesso al nostro Incubatore di affrontare una sfida nuova e stimolante, i cui risultati speriamo possano, anche in piccola parte, concorrere all’innovazione di questo settore – afferma Marco Nannini, Amministratore Delegato di Impact Hub Milano – “Il team di Read Runner ha dimostrato impegno costante e miglioramenti tangibili nello sviluppo di un progetto tecnologico che rispecchia a pieno i valori e la filosofia su cui poggia la rete Impact Hub. Siamo molto felici di poter contribuire, grazie ad AXA Italia, all’espansione di questo progetto in grado di migliorare la vita non solo di ragazzi dislessici ma, più in generale, di persone con difficoltà di integrazione.”

La premiazione di Read Runner è avvenuta durante la sessione mattutina dell’Italian AXA Forum che quest’anno si è tenuto a Expo2015 e che ha avuto come focus la ricerca di risposte sostenibili ai rischi emergenti. La giornata ha visto ricercatori, rappresentanti del terzo settore, startuppers e innovatori confrontarsi allo scopo di trovare soluzioni ai nuovi rischi e trasformarli in opportunità di crescita sostenibile.

(Comunicato stampa)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La startup di Firenze che aiuta chi affitta camere, appartamenti e B&B. Keesy

Patrizio Donnini ha sviluppato un servizio di check-in e check-out automatizzato per chi fa home sharing. I Keesy Point, localizzati in punti strategici di arrivo come stazioni e aeroporti, sono aperti 24 ore su 24, per garantire la massima libertà di host e guest. Si parte da Firenze, poi sarà la volta di Roma, Milano e Venezia

L’ecommerce di cibo e vino Made in Basilicata, con le ricette degli chef del posto. Godebo

Il progetto di tre lucani per valorizzare i prodotti enogastronomici del territorio e portarli sul mercato nazionale e internazionale. Si possono acquistare ingredienti singoli e anche menu. E ci sono anche i video tutorial per le ricette