Child Explorer, l’app che accompagna i bambini a scuola (e li rende autonomi)

La startup Enbelive ha lanciato il progetto Child Explorer: un’ app che aggrega i compagni di classe e li fa camminare insieme da casa a scuola. Ogni bambino ha uno smartwatch col quale può inviare sms o messaggi vocali ai genitori. Che in ogni momento sanno precisamente dove si trovano i figli

Solo il 7% dei bambini italiani si reca a scuola da solo. Camminare o prendere un mezzo pubblico per raggiungere la scuola permette ai bambini di essere più autonomi, di intrecciare maggiori relazioni sociali e fare esercizio fisico. Da questa idea nasce Child Explorer, un progetto che punta a far cambiare le abitudini di vita di tantissimi bambini. Child Explorer è composto da 3 elementi: un’app che offre l’opportunità a bambini dai 5 agli 11 anni di andare a scuola con un gruppo di altri compagni supervisionati da un adulto; uno smartwatch che permette ai piccoli di muoversi da soli in città restando sempre in contatto con i genitori; un gioco educativo e interattivo. Lo smartwatch ha un sistema Gps, una Sim card per le chiamate vocali (5 numeri presenti) e un bottone SOS; può registrare i movimenti dei bambini e li trasforma nel gioco, che ha l’obiettivo di stimolare i bambini ad adottare comportamenti sani.

Leggi: Read Runner, l’app che insegna a leggere ai bimbi con DSA (e vince 20mila euro)

walking_1371914c

Restituire la città ai bambini

Child Explorer nasce da Enbelive, startup innovativa a vocazione sociale, fondata lo scorso marzo da Alessandra Nucci, Fabio Pompei e dallo sviluppatore Ennova. Il progetto è stato presentato durante l’Italian AXA Forum nella cornice di Expo Milano 2015. “Il nostro obiettivo è rendere i bambini protagonisti del loro benessere, renderli autonomi, permettergli di muoversi di più nelle loro città, pur essendo sempre sotto il controllo dei genitori” ha detto il Ceo di Child Explorer Alessandra Nucci presentando il progetto. In effetti, la Enbelive ha realizzato un sistema che  mette in collegamento i bambini che vanno alla stessa scuola: si creano dei gruppi che vengono guidati da un adulto, scelto tra i genitori disponibili, ed ogni bambino ha un dispositivo che lo tiene sempre in connessione con la mamma e papà.

 AXA Forum

Alessandra Nucci all’Italian AXA Forum

Chiamare la mamma con lo smartwatch

Come si vede dal video di presentazione di Child Explorer (di seguito), il genitore può scegliere un gruppo con cui mandare il bambino a scuola, e poi ricevere dal figlio un sms quando arriva a destinazione. Il bambino invia il messaggio molto semplicemente attraverso il suo smartwatch, su cui sono registrati fino a 5 numeri, più un tasto per le emergenze. Può scrivere il messaggio o registrarlo vocalmente. Sempre con l’orologio, il bambino può avvisare il genitore quando esce di casa per una partita di pallone con gli amici o per andare al parco giochi. Grazie al Gps contenuto nello smartwatch il bambino è geolocalizzato in ogni momento, così che il genitore sa sempre dove si trova. Ma non è finita qui.

CTDWexrWcAAFQI4.jpg-large

Lo smartwatch di Child Explorer

Dalla vita reale all’app (per guadagnare punti)

L’orologio di Child Explorer è in grado di raccogliere molti dati sui percorsi e sulle attività del bambino. Tiene traccia dei suoi spostamenti, ma anche di quello che fa. Tutti i dati sono inviati all’app, che calcola quanti punti il bambino guadagna durante la giornata. Ogni volta che il bambino fa sport o movimento guadagna dei punti. In questo modo i bambini sono stimolati a camminare e muoversi. Con l’app, inoltre, possono costruire la loro città ideale, e imparare i fattori legati alla sostenibilità ad un’alimentazione sana: quanto più la loro città sarà sostenibile, tanti più punti guadagneranno nel gioco.

[youtube id=”7T3P-M4tNNU” parameters=”https://www.youtube.com/watch?v=7T3P-M4tNNU”]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Da 5 studenti l’app che ti fa da bodyguard mentre torni a casa di notte (negli Usa è boom)

Cinque studenti dell’Università dei Michigan hanno inventato un’app che permette ad amici e genitori di seguirti virtualmente mentre torni a casa. E intervenire in caso di pericolo

Arriva a Roma l’asilo notturno aperto 24 ore su 24

Verrà inaugurato il 10 aprile in zona Torrevecchia. Non prevede una retta mensile come gli asili tradizionali: la tariffa si paga giornalmente, per rispondere anche a necessità sporadiche

In classe alle 10 e dormire di più per migliorare i voti a scuola

Ritardare l’orario di entrata a scuola per migliorare il rendimento scolastico. Ecco la sperimentazione che in Inghilterra coinvolgerà 31.800 studenti e 106 istituti

Pochi secondi per lavare i denti grazie allo spazzolino record su Kickstarter

Amabrush combatte la noia di dover spazzolare per due minuti la dentatura, è molto più preciso nella pulizia e si collega tramite bluetooth a un’app. Ha raccolto quasi due milioni di euro in pochi giorni con il crowdfunding