Dalla scuola all’impresa in 5 passi: ecco la Startupper School Academy

La Regione Lazio ha avviato la Startupper School Academy, un programma in 5 parti per portare la cultura imprenditoriale tra i banchi di scuola: con workshop, competizioni e tutorial per gli insegnanti

Il Lazio spinge l’acceleratore sui suoi giovanissimi imprenditori. La Regione, infatti, attraverso BIC Lazio, la società per la creazione e sviluppo di startup innovative, ha appena avviato il programma Startupper School Academy, per sviluppare e premiare l’imprenditorialità tra i banchi di scuola. In altre parole, per suscitare negli adolescenti la scintilla che potrebbe farli diventare il nuovo Steve Jobs. Startupper School Academy è un fitto programma composto da 5 parti: un contest video tra team, una serie di lezioni di orientamento imprenditoriale e redazione di un Business Model, un esperimento di due giorni per la realizzazione di un vero team di lavoro, l’apertura di un laboratorio per sviluppare i progetti imprenditoriali di 120 studenti delle scuole superiori laziali, e un corso di formazione per gli insegnanti che vogliono acquisire competenze legate all’imprenditorialità. La prima parte della Startupper School Academy, cioè il video-contest “Un’idea di classe”, è terminato oggi con la proclamazione delle squadre vincitrici, mentre il resto del programma è stato presentato in mattinata dal presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e si estenderà nel 2016. Vediamo.

00025126

1. Il contest: vince l’Itis Fermi di Roma

“Un’idea di classe” è la competizione tra video di giovanissimi startupper lanciata lo scorso ottobre. I team delle scuole superiori del Lazio dovevano realizzare dei brevi video che abbiano come oggetto un’idea imprenditoriale a carattere innovativo. I video sono stati condivisi sulla pagina Facebook del gruppo “Un’idea in classe” e quello più apprezzato si è aggiudicato il primo premio, di 3.600 euro (3 mila alla scuola, 600 al team): a vincerlo, è stato il team Splitify dell’ITIS Fermi di Roma, con questo video:

[youtube id=”zQegwX2s1Bc” parameters=”https://www.youtube.com/watch?v=zQegwX2s1Bc”]

Gli altri vincitori sono stati: il team E-Motion dell’Istituto Leonardo Da Vinci di Roma (premio: 2.400 euro), e al terzo posto, ex equo, il team Bruschero dell’Istituto Marconi di Anagni e il team Easy Cleaning dell’Istituto Marconi di Civitavecchia (1.400 euro).

2. Startupper tra i banchi di scuola

La seconda parte del programma, che proseguirà fino ad aprile 2016, prevede un totale di 200 interventi su orientamento imprenditoriale, autovalutazione delle capacità imprenditoriali e redazione di un Business Model. I moduli che saranno presentati agli studenti saranno i seguenti:

Get ready: Skill imprenditoriali (4 ore); identificare le attitudini e le potenzialità imprenditoriali degli studenti.

Start: Validazione della Business Idea (4 ore); illustrare un metodo “lean” di validazione dell’idea imprenditoriale attraverso l’utilizzo della “Javelin Experiment Board”.

Up: Elaborazione Business Model (4 ore); dare informazioni e strumenti necessari per la stesura di un Business Model Canvas; metodo attraverso il visual thinking schema permette di definire in una sola pagina la propria idea di business.

Up&go: Mettersi in gioco (4 ore); Lazio Canvas Game:”giocando a fare impresa”.

Sprint: tecniche di presentazione efficace (4 ore); illustrare la struttura e la strategia per una presentazione efficace.

3. Startupper School Jam

La School Jam è una due giorni per permettere ai ragazzi di cimentarsi nella formazione di un vero team di lavoro. Questa fase di terrà tra marzo e aprile 2016, ed ha l’obiettivo di sviluppare progetti per unire formazione scolastica ed educazione imprenditoriale. I ragazzi, dopo aver reclutato il team, potranno sviluppare idee progettuali: le più interessanti verranno premiate. L’evento si terrà in contemporanea negli Spazi Attivi BIC Lazio di Roma Casilina, Ferentino e Viterbo.

4. Startupper School Lab

Altro punto forte dell’Academy è il laboratorio: pensato per accogliere i progetti imprenditoriali del mondo digital/interactive di 120 studenti degli ultimi anni delle scuole superiori. Il laboratorio si terrà presso le sedi del FabLab Lazio (Roma, Viterbo, Bracciano e Latina). Durante lo School Lab verranno selezionati i 3 migliori progetti imprenditoriali e prototipi realizzati con stampanti 3D.

5. Startupper School tutorial: anche i docenti vanno a lezione

Il programma non ha pensato solo agli studenti, ma anche agli insegnanti. Il tutorial, infatti è rivolto ai docenti che vogliono approfondire le loro competenze all’imprenditorialità attraverso l’utilizzo di un gioco, basato sul modello di simulazione “Lazio Canvas Game”: l’obiettivo è dare agli insegnanti gli strumenti per poi riprodurre il gioco in classe. Il tutorial prevede incontri di 4 ore presso le sedi Spazio Attivo delle 5 province.

@carlottabalena

Ti potrebbe interessare anche

“L’impresa è come l’inglese: va insegnata a scuola”

Parla Miriam Cresta, Ceo di Junior Achievement Italia. L’organizzazione non profit parteciperà al GEC 2015 con un evento sull’imprenditoria a scuola che riunirà a Milano 150 insegnanti

A Catania 500 studenti-startupper per fare “Impresa in Azione”

Sono arrivati da tutta la Sicilia giovani imprenditori che il 13 maggio 2015 hanno presentato al Palazzo della Cultura di Catania le proprie idee di startup realizzate per il progetto “Impresa in Azione” di Junior Achievement e “L’Impresa dei tuoi sogni” di Confindustria Catania

A Pontecorvo la scuola si fa impresa e lancia cover multi-utility

All’I.I.S di Pontecorvo gli studenti hanno creato e imparato a lanciare sul mercato il loro prodotto: una cover multi-utility

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

Blockchain, tutto quello che c’è da sapere sulla tecnologia alla base dei bitcoin

Anche chi non condivide fino in fondo l’entusiasmo dei due autori canadesi, non può essere cieco di fronte alla capacità della tecnologia di adattarsi a un’infinità di usi in campi diversissimi tra loro: dalla finanza, al retail, passando per assicurazione e sanità. Ecco una guida per capire cos’è la blockchain e perché rappresenta il futuro della Rete

Cyber Mid Year Report, fra tendenze e nuove minacce. Le contromisure dell’Europa

La UE si mobilita con iniziative concrete per fare fronte ai continui attacchi informatici. Ecco cosa emerge dai report di metà anno di Cisco, Check Point, Security on Demand e della National Association of State Chief Information Officers (NASCIO)