L’Unicef crea un fondo per le startup che migliorano la vita dei bimbi: 9 milioni per partire

L’Unicef ha lanciato l’Innovation Fund: finanzierà startup con progetti basati su tecnologie open source finalizzati a migliorare la vita dei bambini dei paesi emergenti. Application entro il 26 febbraio

L’Unicef, l’agenzia delle Nazioni Unite per i bambini, è pronta a finanziare 60 startup per creare tecnologie open source che migliorino le condizioni di vita dei bambini nei paesi emergenti. Lo farà attraverso il fondo che ha aperto da poco, l’“Innovation Fund”, che ammonta (per ora) a 9 milioni di dollari. Attingendo da questo fondo, l’agenzia delle Nazioni Unite si comporterà come un venture capital, e finanzierà a fondo perduto startup con progetti innovativi dedicati ai bambini. Il Fondo investirà in 50-60 imprese emergenti, per farle crescere e per permettergli di sviluppare il progetto: ogni startup riceverà circa 50 mila dollari. Le startup che vogliono ricevere il finanziamento dell’Unicef devono esprimere il loro “interesse” entro il 26 febbraio 2016, attraverso il sito dell’Unicef Innovation Fund.

education-boys+dressed+as+doctors

Aree di ricerca

Tutte le startup devono partire da un progetto open source ad avere un prototipo funzionante. L’Unicef sta cercando aziende principalmente in tre aree: prodotti che aiutino i giovani fino a 25 anni a studiare e partecipare; servizi informativi in tempo reale; infrastrutture che potenzino la connettività, l’economia e i trasporti. “Abbiamo scelto queste tre aree per la rapidità con cui le tecnologie stanno cambiando determinati settori, come la blockchain, la stampa 3D, i wearables, l’intelligenza artificiale e le energie rinnovabili” ha detto Christopher Fabian, capofila dell’UNICEF Innovation Fund. L’Unicef supporterà le startup per 12-18 mesi: le imprese selezionate verranno suddivise in team a secondo dell’area del progetto.

Criteri di selezione

Le imprese verranno scelte sulla base della solidità del team, della rilevanza del progetto per l’impatto sulle vite dei bambini e del potenziale valore futuro dell’idea open source che è stata sviluppata. L’Innovation Fund ha ricevuto investimenti da governi, privati e enti accademici. Supporter del fondo sono stati il governo danese, il governo finlandese, la Walt Disney Company e la Page Family Foundation.

@carlottabalena

Ti potrebbe interessare anche

“Proteggete la mia innocenza”. Dallo Zambia il grido di Sylvia, 9 anni, inviato con Keepod

Una bambina dello Zambia ha scritto una poesia per rivendicare il diritto alla propria verginità e all’istruzione. La recita in un video girato dal team di Keepod, che proprio nella sua scuola sta portando avanti un progetto per la diffusione dei pc nelle scuole

In Uganda 4 studenti hanno creato un’app che diagnostica la malaria in 15 minuti

Matibatu è l’app di 4 studenti d’informatica che in 15 minuti, senza prelievo di sangue, riesce a individuare la malaria anche nello stadio iniziale. Una svolta che potrebbe aiutare le popolazioni rurali dell’Uganda e di altri paesi subsahariani

Kukua, il team che crea app per far studiare i bimbi negli slum africani

L’istruzione con smartphone e tablet arriva in Africa con Kukua, che sviluppa giochi educativi appositamente pensati per fornire un’istruzione di base ai bambini che nascono nelle comunità più povere

Startup Life – E le tanto temute parole “lancio ufficiale”

Nota: Diego Banovaz è il Ceo di Fairbooks, una startup che si definisce «Lo Spotify dei lettori, l’Uber degli scrittori», una piattaforma web per scrittori indipendenti che vogliono pubblicare la propria opera gratuitamente. Ci hanno proposto di raccontare la vita di chi fa startup nell’acceleratore romano di Luiss Enlabs. Questo è il decimo appuntamento di una serie di… Read more »

“Peperonata e schiscetta home made. E il futuro è nel ritorno alle tradizioni”

La cosa più buona? “Pesce crudo”. L’innovazione nel food? “La consapevolezza di quello che mangiamo”. Il settore che promette? “Street food”. E a pranzo, schiscetta home made. Al Questionario di Food Elisa Sartor (Mani in Pasta)