Con lo StartUp Program di Junior Achievement gli universitari diventano imprenditori

StartUp Program è l’iniziativa che accompagna gli studenti universitari tra i 19 ai 30 anni in un percorso verso l’avvio di una propria impresa

Torna StartUp Program, l’iniziativa di Junior Achievement Italia per accompagnare gli studenti universitari in percorsi di sperimentazione dell’imprenditorialità, quest’anno sviluppato in 15 atenei italiani. Il progetto si rivolge agli studenti tra i 19 e i 30 anni, che potranno avvalersi di supporto e mentoring nelle fasi di ideazione e progettazione di modelli di business innovativi e sostenibili, che saranno validati in diversi step dagli esperti di JA.

Schermata 2016-03-04 alle 12.12.02

Il progetto è già attivo da diversi anni in Europa, attraverso la rete di Junior Achievement Europe, ed ha finora coinvolto circa 14 mila giovani in 20 paesi europei che hanno dato vita a più di 2 mila progetti, alcuni di essi divenuti imprese a tutti gli effetti. In Italia il programma, che si avvale della collaborazione di ManpowerGroup e Invitalia, è partito nel mese di gennaio 2016 e terminerà il 24 giugno nel corso della competizione nazionale. Un team finalista nazionale parteciperà alla successiva gara europea in programma a Bucarest a luglio 2016. Lo scorso anno scolastico la fase pilota del progetto ha visto trionfare il team Budke JA della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa che ha sviluppato una piattaforma e-commerce che risolve il problema del trasporto dei liquidi durante il viaggio in aereo. Il team è poi volato a Lisbona per partecipare alla JA Europe Enterprise Challenge 2015 sfidando altri 22 team.

Di seguito l’elenco delle 15 Università che hanno aderito all’iniziativa:

  • Università Ca’ Foscari di Venezia
  • Università LUMSA di Roma
  • LUISS Guido Carli di Roma
  • Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  • Università degli Studi della Tuscia
  • Università di Siena
  • Università di Cassino e del Lazio Meridionale
  • Università Mediterranea di Reggio Calabria
  • Università di Catania
  • Politecnico di Bari
  • Università Cattolica di Milano
  • Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa
  • CYFE dell’Università di Bergamo
  • Università degli Studi di Parma
  • Università degli Studi Link Campus University

Per maggiori informazioni si può scrivere a info@jaitalia.org, mentre le università che intendono confermare la loro partecipazione nel 2016 possono iscriversi qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

“L’impresa è come l’inglese: va insegnata a scuola”

Parla Miriam Cresta, Ceo di Junior Achievement Italia. L’organizzazione non profit parteciperà al GEC 2015 con un evento sull’imprenditoria a scuola che riunirà a Milano 150 insegnanti

6 giovani su 10 vogliono fare gli imprenditori, e la scuola può aiutarli

Secondo il rapporto realizzato da Junior Achievement e presentato al Miur, il 64% dei ragazzi che ha preso parte al programma “Impresa in azione” ha dichiarato di sentirsi un imprenditore

A Catania 500 studenti-startupper per fare “Impresa in Azione”

Sono arrivati da tutta la Sicilia giovani imprenditori che il 13 maggio 2015 hanno presentato al Palazzo della Cultura di Catania le proprie idee di startup realizzate per il progetto “Impresa in Azione” di Junior Achievement e “L’Impresa dei tuoi sogni” di Confindustria Catania

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito