Con lo StartUp Program di Junior Achievement gli universitari diventano imprenditori

StartUp Program è l’iniziativa che accompagna gli studenti universitari tra i 19 ai 30 anni in un percorso verso l’avvio di una propria impresa

Torna StartUp Program, l’iniziativa di Junior Achievement Italia per accompagnare gli studenti universitari in percorsi di sperimentazione dell’imprenditorialità, quest’anno sviluppato in 15 atenei italiani. Il progetto si rivolge agli studenti tra i 19 e i 30 anni, che potranno avvalersi di supporto e mentoring nelle fasi di ideazione e progettazione di modelli di business innovativi e sostenibili, che saranno validati in diversi step dagli esperti di JA.

Schermata 2016-03-04 alle 12.12.02

Il progetto è già attivo da diversi anni in Europa, attraverso la rete di Junior Achievement Europe, ed ha finora coinvolto circa 14 mila giovani in 20 paesi europei che hanno dato vita a più di 2 mila progetti, alcuni di essi divenuti imprese a tutti gli effetti. In Italia il programma, che si avvale della collaborazione di ManpowerGroup e Invitalia, è partito nel mese di gennaio 2016 e terminerà il 24 giugno nel corso della competizione nazionale. Un team finalista nazionale parteciperà alla successiva gara europea in programma a Bucarest a luglio 2016. Lo scorso anno scolastico la fase pilota del progetto ha visto trionfare il team Budke JA della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa che ha sviluppato una piattaforma e-commerce che risolve il problema del trasporto dei liquidi durante il viaggio in aereo. Il team è poi volato a Lisbona per partecipare alla JA Europe Enterprise Challenge 2015 sfidando altri 22 team.

Di seguito l’elenco delle 15 Università che hanno aderito all’iniziativa:

  • Università Ca’ Foscari di Venezia
  • Università LUMSA di Roma
  • LUISS Guido Carli di Roma
  • Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  • Università degli Studi della Tuscia
  • Università di Siena
  • Università di Cassino e del Lazio Meridionale
  • Università Mediterranea di Reggio Calabria
  • Università di Catania
  • Politecnico di Bari
  • Università Cattolica di Milano
  • Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa
  • CYFE dell’Università di Bergamo
  • Università degli Studi di Parma
  • Università degli Studi Link Campus University

Per maggiori informazioni si può scrivere a [email protected], mentre le università che intendono confermare la loro partecipazione nel 2016 possono iscriversi qui.

Ti potrebbe interessare anche

“L’impresa è come l’inglese: va insegnata a scuola”

Parla Miriam Cresta, Ceo di Junior Achievement Italia. L’organizzazione non profit parteciperà al GEC 2015 con un evento sull’imprenditoria a scuola che riunirà a Milano 150 insegnanti

6 giovani su 10 vogliono fare gli imprenditori, e la scuola può aiutarli

Secondo il rapporto realizzato da Junior Achievement e presentato al Miur, il 64% dei ragazzi che ha preso parte al programma “Impresa in azione” ha dichiarato di sentirsi un imprenditore

A Catania 500 studenti-startupper per fare “Impresa in Azione”

Sono arrivati da tutta la Sicilia giovani imprenditori che il 13 maggio 2015 hanno presentato al Palazzo della Cultura di Catania le proprie idee di startup realizzate per il progetto “Impresa in Azione” di Junior Achievement e “L’Impresa dei tuoi sogni” di Confindustria Catania

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

DevSecOps: lo sviluppo software agile attento alla sicurezza

Sviluppatori, esperti di sicurezza, reparto IT: tutti devono collaborare per creare software davvero sicuro. Un concetto che si concretizza nel DevSecOps, un modo moderno e veloce per arrivare dall’idea alla produzione senza correre rischi