Al “Marinelli” di Udine hanno inventato il cestino da banco. E ci hanno fatto una startup

Un cestino che si può portare via con sé o appendere al banco: si chiama Eco Bin Design ed è l’idea di una classe di Udine che ora lo vende online

L’idea è nata tra i banchi di scuola osservando i compagni che si alzavano continuamente in piedi per andare al cestino a buttare fogli di carta, trucioli di matita, “pizzini” dei compiti in classe e fazzoletti di carta. I ragazzi delle classi terze del liceo scientifico “Marinelli” di Udine hanno pensato: perché non inventare un cestino da banco? Magari anche bello ed ecologico. Detto, fatto. Da quella chiacchierata fatta tra l’ora di matematica e quella d’italiano è nata un’ impresa: “Eco Bin Design”.

eco3

Federisco Pascolini è stato nominato amministratore delegato; Annalisa Nin, responsabile degli affari generali. In classe si sono divisi i compiti come una vera azienda: Nicolò Palazzo è il responsabile dell’amministrazione; Michele Ermenini della logistica; Federico Muzzarelli del marketing; Gabriele Petrazzo si occupa della produzione e Alessandro Corso del commercio del prodotto. L’iniziativa rientra nell’ambito di “Impresa in azione”, il progetto inserito nei programmi di alternanza scuola/lavoro che permette agli studenti di acquisire e sviluppare mentalità e capacità imprenditoriale già a partire dalla scuola superiore. Una messa in prova che i ragazzi del “Giovanni Marinelli” sono riusciti a portare avanti fino alla realizzazione della loro idea.

Come ogni prodotto che si rispetti ha uno slogan pubblicitario: “Fai canestro anche tu: scegli Eco Bin Design”. I ragazzi hanno studiato il cestino con diverse tonalità e in base alla comodità: l’idea è quella di un oggetto salvaspazio da poter portare sempre con sé. Due le versioni disponibili: quella standard in tessuto tradizionale e quella “Limited Edition” con un tessuto più ricercato. In entrambi i casi si tratta di materiale di scarto di sartoria, ignifugo e lavabile per rispettare il principio “eco” che si sono dati. Il primo ha un costo di 3,99 euro e il secondo di 4,99.

eco1

“Eco bin design” si può acquistare attraverso il sito che è stato realizzato ad hoc. Il lancio dell’impresa è stato studiato in modo da utilizzare tutti i canali web a disposizione: il team ha aperto un profilo Facebook, una casella di posta elettronica, un account Twitter (@Eco_Bin_Design) oltre a Instagram e un account ebay. Ora puntano ai clienti: hanno pensato ai compagni delle scuole di tutt’Italia ma sono convinti di poter interessare anche gli uffici delle aziende. Il 19 maggio alla loggia del Lionello saranno presenti con uno stand per mostrare il loro prodotto. Nel frattempo si sono dotati di una rete di agenti commerciali presenti nelle altre scuole. I primi ordini sono già arrivati: in sole due settimane i ragazzi sono riusciti ad avere 83 richieste che sono pronti a soddisfare nella maniera più veloce possibile. Intanto tra qualche giorno registreranno ufficialmente il loro marchio e da quel momento potranno brindare alla nascita della loro prima piccola azienda.

IMG_7137 (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

6 giovani su 10 vogliono fare gli imprenditori, e la scuola può aiutarli

Secondo il rapporto realizzato da Junior Achievement e presentato al Miur, il 64% dei ragazzi che ha preso parte al programma “Impresa in azione” ha dichiarato di sentirsi un imprenditore

A Catania 500 studenti-startupper per fare “Impresa in Azione”

Sono arrivati da tutta la Sicilia giovani imprenditori che il 13 maggio 2015 hanno presentato al Palazzo della Cultura di Catania le proprie idee di startup realizzate per il progetto “Impresa in Azione” di Junior Achievement e “L’Impresa dei tuoi sogni” di Confindustria Catania

Al “Tosi” di Busto gli studenti imparano 6 lingue, fanno prove d’impresa e si diplomano in 4 anni

L’Istituto Tecnico Economico “Enrico Tosi” di Busto Arsizio è una scuola innovativa e sperimentale: ce la siamo fatta raccontare direttamente dagli studenti

Le 6 startup finaliste di .itCup Registro 2017

Dalle 110 candidature arrivate per la sesta edizione della .itCup organizzata dal Registro.it sono stati selezionati i progetti innovativi che parteciperanno alla .itCup School a Pisa. E che il 26 ottobre saranno in finale a Roma

Negli Stati Uniti arriva il primo avvocato-robot al mondo. Ed è gratuito

Il robot, che si chiama DoNotPay, in realtà è un’intelligenza artificiale in forma di chatbot e offre consulenza gratuita a chi non può permettersi un legale in carne e ossa. Nei due anni di sperimentazione ha contestato 375mila multe per il parcheggio

McDonald’s firma una linea di abbigliamento e la consegna a casa con UberEats

La famosa catena di fast food ha pensato per il 26 luglio a una campagna per celebrare il Global Delivery Day: in quella data chi ordinerà con UberEats si verà recapitare a casa un articolo con riferimento al marchio del Big Mac

I vincitori della prima edizione: “Siamo cresciuti grazie a Start To Be Circular”

Grazie alla call di Fondazione Bracco la startup Orthoponics ha acquisito le giuste competenze per conquistare il mercato. Scadenza il 3 di novembre. In palio un premio del valore di 10.000 euro e l’ingresso nell’incubatore SpeedMiUp

Botnet, Microsoft combatte Fancy Bear in tribunale

Per fronteggiare l’offensiva cibernetica che si presume giunga dalla Russia, a Redmond hanno scelto un’arma non convenzionale. I cyber-criminali sono colpiti a suon di carte bollate, e la loro botnet smantellata in tribunale