LiberBook, la startup (made in Puglia) che si prende cura della tua tesi

Liberbook è una startup che fornisce agli studenti universitari un’impostazione predefinita per la propria tesi di laurea o di dottorato attraverso una piattaforma web dedicata.

Un momento delicato, quello della tesi. Non solo per lo studio matto e disperato, professori recalcitranti e testi introvabili, ma anche per quella sottile questione dell’estetica del testo che si va a creare. Ecco che LiberBook va in soccorso di tutti gli studenti e dottorandi alle prese con l’impaginazione del testo, tramite una piattaforma web.

3a7dce03903c3971b2d513467425f8bf

Michele Sollecito, founder e CEO

In questo modo è possibile ricevere un’impostazione predefinita (con opportune varianti di layout) per la propria tesi di laurea. Inoltre è possibile inserire nel corpo testo, immagini, grafici animati, musica, filmati e altro materiale multimediale. Il file generato sulla piattaforma potrà essere sottoposto a revisione editoriale professionale a cura di editor qualificati, come il fondatore della startup, Michele Sollecito.

1758415_c8df7f_830x401

Una startup premiata al Digithon

La startup made in Puglia nata grazie al bando regionale Principi Attivi, si è aggiudicata il Premio Italo durante il Digithon 2016. La squadra è formata interamente da professionisti dell’editoria. Per questo, accanto ai servizi offerti ai tesisti, LiberBook è in grado di supportare ad esempio le biblioteche nella digitalizzazione dei testi, nella creazione di cloud per il prestito digitale, a fianco di attività più tradizionale come l’editing, il copyediting, il ghost writing e la correzione di bozze.

Ma il cuore di LiberBook batte nella piattaforma rivolta a laureandi e dottorandi.

Questa idea nasce da un approccio bottom-up con la comunità accademica, ossia nasce da una esigenza diffusa tra i laureandi: poter dare una impostazione scientifica e grafica di buon livello alla propria tesi e poter avere un lavoro di editing che spesso va al di là dei controlli sui contenuti effettuati dai docenti di riferimento per poter uniformare la tesi di laurea ai caratteri standard delle pubblicazioni scientifiche. L’obiettivo è diventare la piattaforma di riferimento per tutti gli atenei italiani, oltre che per i 230.000 studenti che ogni anno conseguono la laurea in Italia.

liberbook-1024x708

Un servizio alternativo

Il servizio di tesi digitale non è accomunabile a servizi quali Il mio libro o altri programmi di self-publishing in quanto è una piattaforma aperta di compilazione, editing e confronto sulla tesi di laurea in corso o su articoli scientifici. Ogni anno circa 10.000 utenti utilizzano il sito Tesionline.it per consultare a pagamento altre tesi di laurea, a fronte di una spesa media di circa 20 euro. Perché spiare i lavori altrui quando si può avere un team a disposizione solo per la propria tesi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

#Hellone e altri 6 meme post Brexit che impazzano sui social

A qualche ora dal risultato definitivo del referendum sull’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, gli utenti di Facebook e Twitter commentano a modo loro quanto accaduto. E c’è anche spazio per qualche risata

Le 13 scuole al mondo che hanno prodotto il maggior numero di unicorni

Tra questi banchi sono nate le idee che hanno poi dato vita a startup miliardarie come Facebook, Groupon e Snapchat

Troppi tool, abstract e feedback: la Crusca boccia l’eccessivo uso di anglicismi negli atenei

L’Accademia della Crusca ha sottolineato l’eccessivo uso di termini anglofoni nei contesti universitari, rubati al mondo aziendale. Anche perché, ricorda l’istituto, la gamma di corrispettivi italiani è vasta

Smart e integrata nell’ambiente urbano. L’estetica innovativa della torre Dicecell

L’azienda italiana Calzavara ha creato un’antenna per reti cellulari e sistemi IoT che si adatta allo stile cittadino. Può combinare illuminazione intelligente, una panchina riscaldata, interazione con strumenti digitali informativi e la possibilità di ricaricare smartphone e bici elettriche

Cibo e risorse naturali. Le 6 aree in cui la scienza può salvarci dalla catastrofe

L’Istituto per il cibo, la scienza e la tecnologia di Londra ha definito “chiara ed urgente” la necessità che scienza e tecnologia trovino delle soluzioni ai problemi di coltivazioni sicure e sostenibili