Il primo fumetto realizzato in realtà virtuale è italiano

Si chiama Magnetique ed è stato realizzato da Oniride. E’ stato presentato a Romics 2016, insieme ad altri videogiochi di VR in anteprima: li abbiamo provati

Scuola, eventi, videogiochi. La realtà virtuale ha aperto opportunità impensabili nella fruizione dei contenuti. Un visore di VR – virtual reality – permette ai bambini di esplorare l’antica Roma mentre studiano la storia, e alle aziende di rendere “immersivi” i propri eventi. Ma c’è un settore che più di tutti sta cambiando pelle grazie alle tecnologie di realtà virtuale: quello dell’entertainment. Cinema, videogiochi e persino fumetti. Durante la 20esima edizione di Romics, la fiera del fumetto di Roma, è stato presentato Magnetique, il primo fumetto al mondo realizzato in VR. Lo ha creato Oniride, una startup nata nel 2014 che si occupa di servizi di realtà aumentata per il business, fondata da Mitchell Broner Squire e Andrea Giansanti. 

magnetique_banner

Il fumetto immersivo

Magnetique è stato pensato e creato esclusivamente per una fruizione con visore: non troverete una versione per browser o per mobile. Una volta indossato il Gear VR, si viene immersi completamente nel fumetto. Per cambiare pagina basta un tocco e immediatamente si è trasportati nella tavola successiva. La prospettiva è a 360 gradi e le “nuvolette” con i dialoghi dei personaggi si ingrandiscono a piacimento dell’utente. Magnetique è una storia di guerra e vendetta che segue le orme del protagonista Nero, che all’età di 6 anni ha visto il proprio Paese distrutto dalla guerra civile. Magnetique è nato da un’idea di Fabio Corrirossi, ed è stata illustrata da Emilio Pilliu, con una linea che ricorda in qualche modo la raffinatezza del tratto giapponese dello studio Ghibli o di Hayao Miyazaki.

La prigione di Symmetrical

Girovagando nel padiglione 6 di Romics (quello dedicato ai giochi) si potevano trovare altri interessanti videogiochi in VR. E’ stato presentato in anteprima italiana Gates Of Nowherevideogame prodotto da Symmetrical, specializzata nel settore della realtà virtuale. I giocatori vengono trasportati in una prigione fantasy dentro a un castello illuminato da candelabri, dove incontrano zombie e troll che possono affrontare usando varie armi. La piena libertà di movimento è data dal tracciamento 1:1 della posizione del giocatore all’interno dell’area, per una esperienza veramente immersiva. Il gioco è Compatibile con HTC ViveOculus e OSVR. 

schermata-2016-10-04-alle-17-13-13

Una lanterna contro lo stress

Qualora non foste tipi da troll e prigioni imbrattate da scie di sangue, avreste  potuto trovare interessante Lantern, una specie di antistress virtuale. Il videogame, infatti, è stato creato e pensato per trasmettere sensazioni di pace e positività e si basa totalmente sull’esperienza di gioco. Realizzato da Storm in a Teacup e 1C, Lantern è costituito da una grafica e una colonna sonora che ricordano l’Asia e il Giappone. I creatori lo descrivono come una specie di “coloring book” per adulti, un quaderno da colorare virtuale per eliminare lo stress. Il giocatore, infatti, si trova immerso tramite realtà virtuale in un mondo dove l’amore è stato portato via da una principessa triste: il compito del gamer consiste nel guidare una piccola lanterna che, attraversando stagioni e sfaccettature dell’amore, riporta colore e armonia nel mondo.   

@carlottabalena

lantern

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia