7 app per formattare (bene) tesi e ricerche accademiche

State scrivendo la vostra tesi o una ricerca accademica? La formattazione, la bibliografia e le note a margine sono degli aspetti molto importanti di cui avere cura. Ecco una selezione delle migliori app per aiutarvi nella corretta impaginazione dei propri elaborati

Ecco una selezione di alcune delle migliori applicazioni utili a studenti universitari e ricercatori che stanno realizzando le proprie tesi o ricerche accademiche. Queste app offrono una vasta gamma di funzionalità per lo studio accademico, prevedendo l’archiviazione intelligente dei documenti e la ricerca tematica.

tesi

1. EasyBib

Con l’app EasyBib è possibile creare accurate citazioni in stile MLA , APA , e Chicago in pochi secondi attraverso la scansione del codice a barre del libro che si intende cittare, oppure attraverso la digitazione del titolo del testo. Oltre a questo servizio, EasyBib offre la possibilità di archiviare ed organizzare le proprie citazioni in una specifica area di gestione interna all’app.

2. iSource

Scrivere una bibliografia può essere difficile. Tenere traccia delle proprie risorse e citazioni e formattarle tutte omogeneamente può essere addirittura scoraggiante. Così iSource offre un servizio di formattazione rapido delle voci bibliografiche e delle citazion. All’interno dell’app è possibile inoltre consultare un elenco delle regole di formattazione più comuni e una guida di riferimento.

3. MyMLA

MyMLA è un buon “compagno di avventure” per tutti queli studenti, ricercatori e studiosi che hanno bisogno di utilizzare lo stile MLA (Modern Language Association). Si tratta dello stile più è più comunemente usato per scrivere documenti e citare fonti all’interno di eleborati accademici. Questa risorsa offre diversi esempi per la formattazione di documenti di ricerca, realizzando citazioni, note di chiusure, appendici, e bibliografie.

4. Mendeley

Mendeley è una biblioteca tascabile, con la quale è possibile portare con sé migliaia di file PDF. L’app dà la possibilità di leggere e fare annotazioni anche mentre si è in viaggio, sincronizzando tutto tra iPhone, iPad e la versione desktop di Mendeley (disponibile per Windows, Mac e Linux).

5. Endnote

EndNote è un utile strumento per la realizzazione di ricerche di mercato. Grazie a questa app è possibile organizzare e creare le proprie ricerche e trovare informazioni sempre aggiornate, collagandosi alla libreria interna in qualsiasi momento.

6. EBSCOhost

EBSCOhost è un’enome bancadati che raccoglie le tecnologie più utilizzate nello studio e le più comuni risorse informative online, sia gratis che premium.

7. myBib

myBib è un ottimo tool per la gestione mobile delle bibliografie. Basta inserire un codice ISBN, attraverso la scansione del codice a barre o inserendolo manualmente e tutte le informazioni aggiuntive come titolo, autore, editore verranno aggiunte automaticamente nella libreria mobile.

 

Traduzione dell’articolo “7 essential apps for academics and research students” pubblicato su Educatorstechnology.com

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

Blockchain, tutto quello che c’è da sapere sulla tecnologia alla base dei bitcoin

Anche chi non condivide fino in fondo l’entusiasmo dei due autori canadesi, non può essere cieco di fronte alla capacità della tecnologia di adattarsi a un’infinità di usi in campi diversissimi tra loro: dalla finanza, al retail, passando per assicurazione e sanità. Ecco una guida per capire cos’è la blockchain e perché rappresenta il futuro della Rete

Cyber Mid Year Report, fra tendenze e nuove minacce. Le contromisure dell’Europa

La UE si mobilita con iniziative concrete per fare fronte ai continui attacchi informatici. Ecco cosa emerge dai report di metà anno di Cisco, Check Point, Security on Demand e della National Association of State Chief Information Officers (NASCIO)