Da 5 studenti l’app che ti fa da bodyguard mentre torni a casa di notte (negli Usa è boom)

Cinque studenti dell’Università dei Michigan hanno inventato un’app che permette ad amici e genitori di seguirti virtualmente mentre torni a casa. E intervenire in caso di pericolo

Decine di migliaia di studenti negli Stati Uniti l’hanno scaricata e la stanno usando. Un successo del genere, forse, non se l’aspettavano nemmeno loro, i 5 studenti dell’Università del Michigan che hanno creato la “Companion app”. L’applicazione permette agli utenti di chiedere a un amico o a un genitore di tenergli “virtualmente compagnia” mentre tornano a casa, di notte, magari camminando su un marciapiede buio. L’amico o il familiare può controllare in tempo reale il tragitto dell’utente e accorgersi, quindi, se chi sta tornando a casa comincia a correre, cade o si ferma improvvisamente. L’app invia un messaggio per sapere se è tutto ok, e comincia a suonare come un allarme. A quel punto l’utente ha la possibilità di inviare un messaggio alla polizia. 

woman-walking-alone-night-426705

Dal campus alle strade

Inizialmente gli studenti avevano ideato l’app per dare un sistema di sicurezza agli studenti che dovevano camminare di notte per le strade del campus universitario. Se qualcuno si trova in pericolo e chiama il 911 (il nostro 113) l’app invia automaticamente anche un segnale d’allarme al personale di sicurezza del campus. Nello stesso tempo l’app avverte anche la persona che ti sta tenendo compagnia, che a quel punto può decidere di chiamarti o telefonare direttamente alla polizia per fornirgli la tua esatta localizzazione.

Sei ok?

La cosa interessante della Companion (disponibile sia per Android sia per iOS) è che funziona anche se gli amici o i parenti non l’hanno scaricata. L’utente può inviare numerose richieste a persone diverse, per trovare qualcuno disponibile a tenergli compagnia durante il tragitto. Chi viene contattato riceve un sms con un link che lo invia su una pagina web dove c’è una mappa interattiva  che mostra il percorso dell’utente e la sua destinazione. L’app rivela qualsiasi cambiamento: se l’utente viene strattonato, si ferma o accelera. In quel caso l’app ti chiede se va tutto bene: l’utente può premere “ok” per confermare entro 15 secondi, altrimenti l’app si trasforma in un allarme e il telefono comincia a squillare. In quel momento, in caso di emergenza, si può chiamare la polizia.

companion-personal-safety-mobile-app

Non solo Usa

“Abbiamo tantissime persone che usano la nostra app anche fuori dagli Stati Uniti” ha detto Lexie Ernst, co-fondatore  della Companion app all’IBTimes UK. “Da quando l’abbiamo lanciata, abbiamo ricevuto decine di email da persone del Regno Unito, Belgio, Francia e Norvegia”. Secondo Ernst, ad usare l’app sarebbero “persone di tutte le età, sia uomini sia donne”, ma soprattutto “i genitori, che vogliono usare l’app per proteggere i loro figli, o le persone che hanno dei parenti anziani, per essere sicuri che non si perdano”. Chi non si trova negli Stati Uniti può usare l’app semplicemente mettendo il codice della nazione prima del numero di telefono.

Business model

Gli studenti che l’hanno inventata hanno detto che a una sola settimana dal lancio della seconda versione, hanno rilevato 500 casi in cui gli studenti in varie università si sono sentiti poco sicuri attraverso il campus. Questi dati saranno raccolti e usati dalle università per individuare le aree poco sicure dove ci possono essere problemi. Visto che l’app è gratuita, i creatori stanno cercando di monetizzare il loro lavoro stringendo accordi con le università. L’obiettivo è connettere la loro app con la polizia di tutti i campus, ed alla fine anche con la polizia locale e le strutture di pronto intervento.

@carlottabalena

7 Commenti a “Da 5 studenti l’app che ti fa da bodyguard mentre torni a casa di notte (negli Usa è boom)”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

A 16 anni inventano l’app anti-violenza che soccorre le donne a rischio abusi

L’app “Never Alone” è nata da un’idea di 3 studenti di un liceo scientifico di Nocera Inferiore: collega in tempo reale il telefono della donna con la stazione della Polizia

800 studenti a Milano per il primo show interattivo sulla sicurezza in Rete

All’Università Bicocca di Milano la 12esima giornata sull’uso sicuro di Internet promossa dal Miur Show interattivo, dibattiti e un tavolo tecnico con il Sottosegretario Davide Faraone

Arriva a Roma l’asilo notturno aperto 24 ore su 24

Verrà inaugurato il 10 aprile in zona Torrevecchia. Non prevede una retta mensile come gli asili tradizionali: la tariffa si paga giornalmente, per rispondere anche a necessità sporadiche

Missione VITA, Paolo Nespoli torna nello spazio

L’astronauta italiano sarà per la terza volta in orbita attorno alla Terra, per la seconda volta ospite della Stazione Spaziale Internazionale. Il suo compito a bordo della ISS sarà svolgere esperimenti di fisiologia e biochimica per studiare il comportamento della vita nello spazio

Google, Facebook e marketing digitale: così il turismo in Portogallo fa numeri e dà lavoro

Visibilità nelle ricerche online e offerte personalizzate. Ecco come il Paese lusitano ha fatto delle proprie bellezze un business, con un fatturato 2016 di 11 miliardi (e 40 mila posti di lavoro in oltre 4 mila aziende)

Un robot subacqueo ha ispezionato i reattori di Fukushima

Per analizzare l’entità dei danni del terremoto del 2011 nella centrale nucleare di Fukushima, gli scienziati stanno usando un piccolo robot a forma di pesce che ha restituito le prime immagini del reattore

Questa startup di Wylab trova borse di studio per atleti | Usa College Sport

Selezionare borse di studio per atleti nelle università statunitensi, questa la mission del progetto di Deljan Bregasi: «Abbiamo relazioni con 2000 diverse università e possiamo comunicare con migliaia di allenatori di 14 sport diversi»

Come rapire Martina, 5 anni, usando i dati su Facebook. Il video da 200mila visualizzazioni in 24 ore

Matteo Flora ha dimostrato com’è possibile che un profilo Facebook creato dai genitori a una bambina possa rivelare dati preziosi utilizzabili come un’arma da un rapitore. Il video è diventato virale in poche ore