#Uppy, la rete di studenti e copisterie per stampare gratis gli appunti

Si tratta di una piattaforma nata per condividere appunti, dispense, materiale didattico e stampare gratis grazie ad una rete di copisterie convenzionate (entro un limite di copie mensili)

“Eravamo quattro amici al bar che volevano cambiare il mondo”, cantava Gino Paoli. La storia si ripete e c’è sempre qualcuno (ligure come Paoli) convinto di essere destinato a qualcosa di più di un impiego in banca nonostante gli studi in economia. Gli amici sono sempre quattro: Gianluca Costantino, Andrea Arena, Enzo Lerose e Dario Capozzi, tutti tra i 22 e i 27 anni. Questi ragazzi hanno  inventato Uppy una web community con cui gli studenti possono condividere e stampare slide, dispense, appunti. Tutto gratis grazie ad un sistema di bonus messo a disposizione da privati.

uppy 2

Come funziona

La piattaforma è nata lo scorso 20 aprile, e ad oggi ha già archiviato 600 documenti condivisi e 30 mila pagine stampate. Il sistema funziona. Gli studenti che mettono sulla rete il materiale, trovano a loro volta appunti, dispense utili che stampano gratuitamente grazie al fatto che gli sponsor compaiono con un logo più o meno grande in filigrana o come un banner sulla carta da stampare. Il team di Uppy ha creato una rete di copisterie convenzionate, vicine ai principali centri universitari, dove si può stampare il materiale: per individuarle hanno persino creato, sul sito, una mappa che facilita gli studenti.

uppy

Gli sviluppi futuri

L’idea è quella di espandere Uppy non solo a Genova dove è nato, ma in tutt’Italia intanto nella biblioteca online che fa riferimento al capoluogo ligure esiste già materiale per parecchi corsi di laurea: architettura; design del prodotto e della nautica; economia; farmacia; giurisprudenza; informatica; ingegneria; lingue; medicina; scienze ambientali; scienze biologiche; dei materiali; motorie e della formazione.

Non mancano documenti per chi fa scienze politiche, pedagogia dell’educazione e scienze naturali. La creatività del team non si ferma. Nel giro di pochi mesi sono riusciti a conquistare 22 importanti sponsor che sostengono l’iniziativa ma stanno lavorando per incrementare questo numero e permettere al progetto di prendere le ali. I più soddisfatti sono gli studenti che riescono a risparmiare e a trovare ciò loro serve attraverso una app.

Il team di Uppy

Uppy è stata una vera e propria impresa che ha trasformato un’idea in una srl semplificata che oggi vede Andrea nei panni di CEO, Enzo rivestire il ruolo di director, Gianluca occuparsi di marketing e Dario fare l’IT manager. A loro inoltre si sono aggiunti Chiara Ardenghi, graphic designer; Alessandro Biasioli Rossi e Martina Raggi che si dedica alle pubbliche relazioni.

Gianluca, Andrea, Enzo e Dario oltre agli altri del team hanno raggiunto il loro obiettivo. Sono partiti da un’idea e hanno realizzato un’impresa a dimostrazione che in Italia è ancora possibile mettere a frutto anche in maniera autonoma la genialità. Nessuno di loro è rimasto da solo al bar come nella canzone di Gino Paoli ma son riusciti persino a diventare sette e forse riusciranno ad aumentare ancora il numero di addetti. Chissà che il cantante genovese a distanza di anni non scriva una nuova canzone!

Al via a Milano la Fashion Week. Cinque startup che vogliono innovare nella moda

Dal 20 al 25 settembre nel capoluogo lombardo eventi e passerelle per mettere in mostra le ultime tendenze in fatto di abiti, scarpe e accessori. Ma non bisogna perdere di vista chi cerca di modernizzare il settore con la tecnologia. Qui qualche esempio

A ottobre debutta Aml bitcoin, la criptovaluta che contrasta i crimini finanziari

Marcus Andrade ha proposto di introdurre questa modalità di pagamento nel porto di San Francisco. La trasparenza e la sicurezza garantite dal sistema hanno attirato l’attenzione delle istituzioni negli Stati Uniti che potrebbero portare alla sua legittimazione

Il brevetto di Harvard arriva in Italia con la batteria di Green Energy Storage

Il sistema, basato su una molecola estraibile dai vegetali, consente di accumulare energia, riducendo l’impatto ambientale e i costi di produzione. L’idea di business è diventata un caso di successo anche per l’overfunding su Mamacrowd

Food delivery, cosa ordinano gli studenti | La ricerca

Al vertice delle preferenze svettano i piatti americani seguiti dalla cucina asiatica e da quella italiana. In Italia trionfano pizza, burger e sushi. E il 75% spende oltre 20 euro per un ordine

L’Open Innovation Contest 2018 di NTT Data fa tappa anche in Italia

Aperte fino al 10 ottobre le candidature per le startup che vogliano partecipare al processo di selezione italiano. Dieci imprese si presenteranno al pitch day del 16 febbraio 2018 a Milano e una sola arriverà alla finale del 22 marzo 2018 a Tokyo