La piattaforma che genera quiz dalle pagine web: fatta da un 17enne premiato da Google

RevUp permette di creare esercizi a risposta multipla dai testi online. Il progetto è di Girish Kumar, 17 anni: ha vinto il premio “Technologist” della Google Science Fair

Girish Kumar, 17 anni, da Singapore, si è aggiudicato il premio “Google Technologist Award” all’ultima edizione della Google Science Fair, il contest mondiale che la società di Mountain View riserva ai giovanissimi scienziati in giro per il mondo. E forse, non poteva essere altrimenti: il suo progetto RevUP aiuterà centinaia di studenti (e anche insegnanti). RevUP è un sistema per generare automaticamente quiz a risposta multipla dai testi online. Uno studente può quindi crearsi da solo i questionari, su qualsiasi testo voglia, che lo aiuteranno ad esercitarsi online. Una rivoluzione per l’apprendimento e l’insegnamento online: “Nel lungo periodo – dice Girish Kumar – RevUP rappresenta un passo verso la generazione automatica di mini-corsi online sulla base di qualsiasi testo digitale”.

google

Spirito tecnologico

“Quando avevo 6 anni era molto sconfortato dal fatto che i computer dell’epoca non erano smart come quelli che vedevo nei film di fantascienza. Il mio interesse per la programmazione e la tecnologia è nato allora” spiega Girish Kumar. A 8 anni, comincia a frequentare il gruppo di robotica della scuola, e a giocare con i Lego Mindstorms e con i kit Vex. Comincia anche a partecipare nelle prime competizioni nazionali di robotica, che lo motivano sempre di più. “Presto ho iniziato a seguire i corsi online sull’intelligenza artificiale e sull’apprendimento delle macchine dai professori dell’Università di Stanford Andrew Ng e Sebastian Thrun, e a lavorare su progetti per app che riconoscono il movimento o programmi per la mappatura automatica degli ambienti interni”. Girish Kumar collabora con il Mit Media Lab e con l’A-Star di Singapore. Prima di vincere il premio “Technologist” della Google Science Fair, Girish Kumar ha vinto anche la selezione nazionale dei talenti scientifici a Singapore. “Mi piacerebbe diventare come Elon Musk o Larry Page per migliorare l’umanità”. 

Capture17

I test si generano da soli

“Gli studenti come me – ha spiegato Girish – sempre di più ricorrono ai testi sul web per integrare il materiale didattico che si usa in classe. Ma questi testi sono solo testi: non hanno i questionari su cui esercitarsi. Inoltre, per gli insegnanti può essere difficile produrre test sempre diversi sui vari argomenti. RevUP, invece, rende lo studio e l’insegnamento online molto più efficiente”. Il procedimento di creazione dei test è molto semplice. Facciamo un esempio: si prende un testo sul DNA da Wikipedia. RevUP evidenzia i passaggi salienti e genera il tipo di test a risposta multipla che gli studenti dovranno compilare. Come? Il sistema si chiama “Deep Autoencoder Topic Model (DATM)” e unisce la statistica del “modello argomentale” ai metodi dell’apprendimento approfondito. Nel video di seguito è lo stesso Girish Kumar a spiegare il suo progetto:

[youtube id=”pqEfKZgBZrE” parameters=”https://www.youtube.com/watch?v=pqEfKZgBZrE”]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Adriel, 16 anni, ha hackerato una stampante e creato un test low-cost per disturbi cardiaci

Adriel Sumathipala ha trovato un modo per monitorare le malattie cardiache hackerando una semplice stampante a inchiostro. Il ragazzo è tra i 20 finalisti della Google Science Fair

Olivia, 16 anni, con il suo test low-cost per l’Ebola ha vinto la Google Science Fair 2015

Sono stati annunciati i vincitori della Google Science Fair 2015: al primo posto c’è Olivia Hallisey, dagli Usa, che ha inventato un test veloce ed economico per la diagnosi dell’Ebola. Ed ha vinto 50 mila dollari

Conchiglie in polvere contro l’inquinamento degli oceani: il metodo di Isabella, 13 anni

La ragazza è tra i 20 finalisti della Google Science Fair. Ha presentato un progetto che contrasta l’acidificazione degli oceani riciclando i gusci di cozze, vongole e ostriche

Smart e integrata nell’ambiente urbano. L’estetica innovativa della torre Dicecell

L’azienda italiana Calzavara ha creato un’antenna per reti cellulari e sistemi IoT che si adatta allo stile cittadino. Può combinare illuminazione intelligente, una panchina riscaldata, interazione con strumenti digitali informativi e la possibilità di ricaricare smartphone e bici elettriche

Cibo e risorse naturali. Le 6 aree in cui la scienza può salvarci dalla catastrofe

L’Istituto per il cibo, la scienza e la tecnologia di Londra ha definito “chiara ed urgente” la necessità che scienza e tecnologia trovino delle soluzioni ai problemi di coltivazioni sicure e sostenibili