Questi studenti hanno creato un’app che riconosce le bufale su Facebook

FiB è un’estensione per Chrome con un’intelligenza artificiale che fa il fact-checking di tutti i post, foto e link condivisi sul social network più grande del mondo

Il giorno dopo l’elezione di Donald Trump a 45esimo presidente degli Stati Uniti, è montata la polemica nei confronti di Facebook sul suo presunto ruolo nel diffondere notizie false. Il flusso di “bufale” sul social network avrebbe influenzato la conversazione e avrebbe direzionato l’opinione pubblica durante le elezioni presidenziali. Il problema dell’affidabilità dei contenuti su Facebook non è nuovo. Durante un hackathon dell’Università di Princeton quattro studenti hanno provato a trovare una soluzione: hanno creato un’estensione di Chrome in grado di determinare quali contenuti di Facebook sono notizie vere e quali false. Il progetto, open source, si chiama FiB: stop living a lie. “Nel panorama mediatico di oggi – scrivono gli studenti – il controllo sulla distribuzione dei contenuti è diventato importante tanto quanto la creazione stessa dei contenuti, e questo ha dato a Facebook un potere grandissimo”.

programmers

Come funziona

FIB è stato creato da Nabanita De, Anant Goel, Mark Craft, Catherine Craft: il fact-checker funziona classificando tutti i contenuti, che siano foto, screenshot o link. Per quanto riguarda i link, il plug-in prende in considerazione la reputazione del sito di provenienza, oppure lo cerca nel web: se trova su Google o Bing altri link con lo stesso contenuto li somma e l’affidabilità aumenta. Gli screenshot da Twitter vengono convertiti in testo, poi vengono analizzati gli username menzionati, e scansionati tutti i tweet provenienti da quegli account. Quando si trova un contenuto potenzialmente falso si “etichetta” con una nota: “falso” o “non verificato”.

La sfida: distinguere fatti da opinioni

“La nostra estensione analizza il feed di Facebook in tempo reale e verifica l’autenticità dei post. – continuano gli studenti – La nostra intelligenza artificiale di backend fa il fact-checking di tutti i post, attraverso il riconoscimento delle immagini, l’estrazione di parole chiave e la verifica delle fonti, anche attraverso Twitter”. L’intelligenza artificiale dentro l’estensione comprende una serie di API di Twitter, Google e Microsoft. La sfida per i quattro studenti, ora è cercare di costruire una AI che riesca a riconoscere la differenza tra i fatti e le opinioni per evitare di mettere l’etichetta “falso” sopra un parere di un utente. 

@carlottabalena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Giordania è stato realizzato il primo impianto fotovoltaico in un campo per rifugiati

I pannelli solari installati ad Azraq assicureranno elettricità 24 ore al giorno a circa 20mila persone e consentiranno di migliorare le loro condizioni di vita. L’obiettivo è portare questa innovazione anche in campi più grandi come quello di Zaatari

AXA Innovation Hub, la startup interna ad AXA che trasforma le idee in servizi concreti

20 collaboratori di AXA Italia diventano startupper e si mettono alla prova degli esperti del settore. Patrick Cohen “E’ un nuovo modo di lavorare agile e innovativo per liberare l’energia e la creatività. Senza paura di sbagliare”