Il luna park fatto a mano nel bosco, che funziona senza elettricità da 40 anni

Nel 1969 Bruno Ferrin comincia a costruire un parco giochi per la sua osteria “Ai Pioppi”. Oggi il parco ha 40 attrazioni, tutte home-made e senza motore, che hanno impressionato anche il Guardian

Tutto nasce dall’osteria. O meglio dalla necessità di imparare a usare la saldatrice per appendere le salsicce dell’osteria. Siamo a Nervesa della Battaglia, in provincia di Treviso. Il 15 giugno 1969 Bruno Ferrin e Marisa Zaghis aprono l’osteria “ai Pioppi”. Il nome al piccolo ristorante lo dà il boschetto tutt’intorno, una macchia verde che costituisce per i clienti una zona relax perfetta per riposarsi dopo pranzo. Bruno ha ormai imparato a usare la saldatrice, e subito dopo aver aperto l’osteria, si mette al lavoro per realizzare qualche gioco da offrire ai bambini dei suoi clienti. E’ un vero maker, e la sua passione per la costruzione di attrazioni cresce giorno dopo giorno. All’inizio si tratta solo di qualche tavolo e un’altalena: Bruno e sua moglie vendono salsicce, braciole e qualche altro cibo tipico veneto. Poi si accorgono che i clienti apprezzano molto il boschetto, e sono sempre più numerosi. L’osteria si allarga e il parco giochi anche.  Oggi il luna park “ai Pioppi” è un parco con 40 attrazioni tutte completamente fatte a mano, omologate e senza motore.

pioppi

Ci sono le montagne russe che funzionano solo grazie a giochi di pendenze e gravità, un tagadà che va di energia cinetica e costruzioni ispirate ai lavori di Leonardo Da Vinci. Poi c’è uno scivolo che ha 40 anni e un tappeto sul quale i bambini saltano fatto da anelli di gomma intrecciati. “Il rumore di un ramo, una foglia che cade, un sasso che rotola…le idee mi vengono così. Penso che potrei usare lo stesso movimento in una delle mie giostre” spiega Bruno, che dal 1969 non ha mai più posato saldatrice e martello. In effetti le sue giostre, ispirate dalla natura, sono con essa perfettamente integrate. Perfino i rumori che emettono sembrano appartenere al bosco e non sembrano derivare da qualcosa che è stato costruito dall’uomo.

pioppi2

Bruno Ferrin

Bruno Ferrin

Il parco è diventato più famoso dell’osteria stessa, tanto da meritarsi un posto nella classifica del Guardian dei “10 parchi giochi e attrazioni fatte a mano più originali”. In realtà, come si specifica sul sito del ristorante, le attrazioni nel boschetto hanno mantenuto lo spirito iniziale e sono riservate solo ai clienti dell’osteria: nonostante il successo, si è voluto mantenere unite le due entità.

“Non immaginavo che avesse questo successo quando ho cominciato” ammette Bruno. Il ristorante “ai Pioppi” ora è tenuto dalle figlie di Bruno, che per il futuro spera in una continuazione del suo lavoro: “Come si dice, cavallo che vince non si cambia. Mi auguro che continueranno quello che ho iniziato, ma certo non posso imporre la mia visione e chi verrà dopo di me. La scelta a quel punto sarà loro”. Bruno continua a lavorare con molto entusiasmo: “Anche se sono avanti con gli anni, ho ancora grinta e non mi fermo”.

@carlottabalena

NERVESA-1

pioppi-6

pioppi4

[youtube id=”Kf1YJ8qFCrY” parameters=”https://www.youtube.com/watch?v=Kf1YJ8qFCrY”]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Arriva dal vino la pelle naturale che non sfrutta gli animali

WineLeather è vegetale al cento per cento ed è ricavata dalla vinaccia. L’idea sviluppata da Gianpiero Tessitore e Francesco Merlino rappresenta un’occasione di rilancio per il settore conciario italiano all’insegna della sostenibilità e del cruelty-free

Più bike sharing, meno stazioni di parcheggio. Shike, il progetto di MugStudio (SocialFare)

Andrea Tommei e Andrea Cantore hanno sviluppato un progetto di bike sharing innovativo, che permette ai cittadini di non servirsi delle classiche stazioni. Shike è tra le 5 aziende selezionate per Foundamenta#3, il programma di accelerazione per startup a impatto sociale