Sara Riboldi

Sara Riboldi

Gen 24, 2018

Iscrizioni online, c’è tempo fino al 6 febbraio: la procedura, le novità, il punto

Fra i cambiamenti in atto per il prossimo anno scolastico, la sperimentazione di 4 anni in 100 scuole superiori e più indirizzi per i Centri di formazione professionale. Sul sito predisposto dal Ministero video tutorial per la procedura online di iscrizione

Il via è stato dato una settimana fa, fino alle 20 del 6 febbraio 2018 i genitori potranno iscrivere i loro figli alle classi prime delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado. Le iscrizioni online, obbligatorie per le scuole statali, riguardano anche i corsi di formazione dei centri di formazione professionale delle regioni che hanno aderito alla procedura (Lazio, Liguria, Lombardia, Molise, Piemonte, Sicilia, Toscana e Veneto). Su www.iscrizioni.istruzione.it informazioni utili e tutorial per le famiglie. Sono tante le novità per il prossimo anno scolastico, dalla sperimentazione quadriennale per alcune scuole superiori alla riforma per gli indirizzi professionali.

Iscrizioni online e video tutorial

Sul sito dedicato alle iscrizioni scolastiche messo a disposizione dal Ministero ci sono tutte le indicazioni necessarie per le iscrizioni online, a partire da un breve video spot che indica le principali informazioni. Tre video tutorial poi spiegano la procedura. Per accedere all’iscrizione online bisogna avere nome utente e password, credenziali che si ottengono tramite apposita registrazione (anche per la registrazione è disponibile un video tutorial). Se si ha un’identità digitale SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) è possibile accedere con le credenziali del gestore che ha rilasciato l’identità. Una volta portata a buon fine la registrazione, è possibile entrare nell’applicazione attraverso il pulsante ‘Accedi al servizio’ e compilare il modello di domanda on line. Anche per questa procedura è disponibile un video tutorial.

 

 

Bisogna prestare molta attenzione nella compilazione della domanda, poiché una volta che è stata inviata alla scuola non può più essere modificata. In caso di necessità di modifiche è necessario contattare direttamente la scuola. La famiglia riceverà via mail tutti gli aggiornamenti sullo stato della domanda.

I dati dell’Istat: circa 1/3 delle famiglie non ha accesso a Internet

Una procedura sicuramente al passo con i tempi ma che può comportare qualche difficoltà a tutte quelle famiglie che con la Rete hanno ancora poca familiarità. Secondo i dati Istat pubblicati a dicembre 2017, rispetto al 2016 è aumentata dal 69,2% al 71,7% la quota di famiglie che dispone di un accesso a Internet da casa. Il che però significa che circa 1/3 delle famiglie è ancora senza accesso a Internet. Anche le motivazioni sono rilevanti: la maggior parte delle famiglie senza accesso a Internet da casa indica la mancanza di competenze come principale motivo (55,5%) e quasi un quarto (25,3%) non considera Internet uno strumento utile. Seguono poi le motivazioni di ordine economico legate al costo di collegamenti o degli strumenti necessari (16,2%) mentre l’8,6% non naviga in Rete da casa perché almeno un componente della famiglia accede a Internet da un altro luogo. Le famiglie con una connessione a banda larga passano dal 67,4% al 69,5%. Rimane però alto il gap tra Italia e gli altri Paesi dell’Unione Europea. Il tasso medio di penetrazione della banda larga tra le famiglie residenti nei Paesi europei è secondo l’Istat dell’85%, mentre l’Italia presenta un tasso del 79%: un gap di 6 punti percentuali rispetto alla media Europea.

Sul territorio le differenze tra le regioni sono ancora notevoli nel 2017 tra Centro e Nord Italia; le regioni con il minor tasso di diffusione della banda larga tra le famiglie sono Calabria e il Molise. Per precisione va anche detto che le famiglie più connesse sono quelle in cui c’è almeno un minorenne: il 91,6% ha un accesso a banda larga. Le meno connesse sono le famiglie composte soltanto da ultrasessantacinquenni; fra queste una su cinque (24,5%) dispone di una connessione a banda larga. Anche il titolo di studio ha la sua importanza: ha una connessione a banda larga il 92,7% delle famiglie con almeno un componente laureato contro il 59,9% delle famiglie in cui il titolo di studio più elevato è la licenza media. Sta di fatto che per le scuole statali le iscrizioni online sono obbligatorie (per le scuole dell’infanzia, però, la procedura è cartacea) ormai già da qualche anno e di conseguenza anche le famiglie che non hanno troppa dimestichezza con l’online si sono dovute adeguare.

Aumentano gli indirizzi dei Centri di formazione professionale

Le iscrizioni online riguardano anche i corsi dei Centri di formazione professionale regionali (nelle Regioni che hanno aderito). Gli indirizzi professionali dall’anno scolastico 2018/2019, avranno percorsi della durata di 5 anni: biennio più triennio. Inoltre, gli indirizzi passeranno da 6 a 11: agricoltura, sviluppo rurale, valorizzazione dei prodotti del territorio e gestione delle risorse forestali e montane; pesca commerciale e produzioni ittiche; industria e artigianato per il Made in Italy; manutenzione e assistenza tecnica; gestione delle acque e risanamento ambientale; servizi commerciali; enogastronomia e ospitalità alberghiera; servizi culturali e dello spettacolo; servizi per la sanità e l’assistenza sociale; arti ausiliarie delle professioni sanitarie: odontotecnico; arti ausiliarie delle professioni sanitarie: ottico.

Le cento scuole di secondo grado ammesse alla sperimentazione di 4 anni

Fra le novità per il prossimo anno scolastico ci sono anche i nuovi indirizzi quadriennali sperimentali che partiranno a settembre. Hanno avuto il via libera alla sperimentazione per il momento 100 istituzioni scolastiche, per una sola sezione a partire dalla classe prima. La regione con maggiori istituzioni scolastiche che parteciperanno alla sperimentazione è – senza sorprese – la Lombardia (20), seguita dal Lazio (13), dalla Campania (12) e dall’Emilia Romagna (11). In Puglia saranno 10 le istituzioni a partecipare alla sperimentazione di quattro anni, 6 in Toscana e in Veneto, 5 nel Piemonte, 4 in Sicilia, 3 in Calabria e nelle Marche, 1 in Abruzzo, Basilicata, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Molise, Umbria e Sardegna.  Si tratta di 75 indirizzi liceali e 25 indirizzi tecnici. Sono 73 le scuole statali coinvolte e 27 quelle paritarie. Per altre 92 classi il Ministero chiederà al Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione il parere per includerle nella sperimentazione. Le cento scuole già ammesse alla sperimentazione sono:

 

REGIONE COMUNE DENOMINAZIONE SCUOLA
ABRUZZO CASTELLI LICEO ARTISTICO F.A. GRUE
BASILICATA MELFI IIS G. GASPARRINI
CALABRIA COSENZA IIS PEZZULLO
CALABRIA COSENZA LICEO CLASSICO “B. TELESIO”
CALABRIA COSENZA LICEO L. DELLA VALLE
CAMPANIA TELESE TERME (BN) IIS [email protected]
CAMPANIA BENEVENTO ISTITUTO PARITARIO DE LA SALLE
CAMPANIA BENEVENTO IIS GALILEI VETRONE
CAMPANIA CAPUA LICEO SCIENTIFICO L. GAROFANO
CAMPANIA CASERTA LICEO SCIENTIFICO A. MANZONI
CAMPANIA AVERSA IIS MATTEI
CAMPANIA CASERTA LICEO SCIENTIFICO A. DIAZ
CAMPANIA CASERTA IIS TERRA DI LAVORO
CAMPANIA AVERSA LICEO CLASSICO D. CIRILLO
CAMPANIA OTTAVIANO LICEO CLASSICO DIAZ
CAMPANIA NAPOLI LICEO CLASSICO J. SANNAZZARO
CAMPANIA SAN GIORGIO A CREMANO LICEO C. URBANI
EMILIA R. IMOLA LICEO RAMBALDI – VALERIANI
EMILIA R. BOLOGNA LICEO PARITARIO M. MALPIGHI
EMILIA R. FERRARA LICEO LINGUISTICO PARITARIO SMILING
EMILIA R. FERRARA IIS G. B. ALEOTTI
EMILIA R. FERRARA IIS COPERNICO-CARPEGGIANI
EMILIA R. FORLI’ LICEO SCIENTIFICO F. PAULUCCI
EMILIA R. PARMA LICEO SCIENTIFICO G. ULIVI
EMILIA R. FORNOVO DI TARO IIS C. EMILIO GADDA
EMILIA R. PIACENZA LICEO SCIENTIFICO L. RESPIGHI
EMILIA R. PIACENZA LICEO M. GIOIA
EMILIA R. REGGIO EMILIA IIS A. ZANELLI
FRIULI V. G. UDINE COLLEGIO UCCELLIS
LAZIO FROSINONE IIS BRUNELLESCHI-DA VINCI
LAZIO ANAGNI IIS D. ALIGHIERI
LAZIO ANAGNI ISTITUTO PARITARIO BONIFACIO VIII
LAZIO LATINA ISTITUTO PARITARIO S. JOBS
LAZIO RIETI IIS C. ROSATELLI
LAZIO ROMA IIS GIOVANNI XXIII
LAZIO ROMA ISTITUTO PARITARIO HIGHLANDS INSTITUTE
LAZIO ROMA ISTITUTO PARITARIO G.G. VISCONTI
LAZIO ROMA IIS T. SALVINI
LAZIO ROMA ISTITUTO PARITARIO SAN SISTO VECCHIO
LAZIO ROMA LICEO SCIENTIFICO PARITARIO SERAPHICUM
LAZIO POMEZIA LICEO P. PICASSO
LAZIO VITERBO LICEO SCIENTIFICO PARITARIO CARDINAL RAGONESI
LIGURIA GENOVA ISTITUTO PARITARIO V. BERNINI
LOMBARDIA BERGAMO IIS G. NATTA
LOMBARDIA TREVIGLIO IIS G. OBERDAN
LOMBARDIA BRESCIA LICEO PARITARIO G. CARLI
LOMBARDIA COMO LICEO P. GIOVIO
LOMBARDIA COMO IIS P. CARCANO
LOMBARDIA COMO ISTITUTO PARITARIO COLLEGIO GALLIO
LOMBARDIA CREMA IIS L. PACIOLI
LOMBARDIA MANTOVA ISTITUTO PARITARIO REDENTORE
LOMBARDIA MILANO LICEO CLASSICO T. LIVIO
LOMBARDIA MILANO ISTITUTO PARITARIO COLLEGIO SAN CARLO
LOMBARDIA MILANO ISTITUTO PARITARIO LEOPARDI
LOMBARDIA MILANO ISTITUTO PARITARIO E. DE AMICIS
LOMBARDIA MONZA ISTITUTO PARITARIO COLLEGIO BIANCONI
LOMBARDIA SEREGNO IIS M. BASSI
LOMBARDIA MONZA ISTITUTO PARITARIO L. DEHON
LOMBARDIA MORTARA IIS A. OMODEO
LOMBARDIA BUSTO ARSIZIO ITE E. TOSI
LOMBARDIA BUSTO ARSIZIO ISTITUTO PARITARIO O. FIORINI
LOMBARDIA VARESE LICEO CLASSICO E. CAIROLI
LOMBARDIA VARESE LICEO SCIENTIFICO GALILEO FERRARIS
MARCHE ANCONA IIS SAVOIA BENINCASA
MARCHE JESI ITET P. CUPPARI
MARCHE TOLENTINO IIS F. FILELFO
MOLISE GUGLIONESI ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO
PIEMONTE CASALE MONFERRATO IIS A. SOBRERO
PIEMONTE ALESSANDRIA IIS SALUZZO-PLANA
PIEMONTE ASTI IIS G. PENNA
PIEMONTE TORINO ITTS C. GRASSI
PIEMONTE TORINO LICEO LINGUISTICO PARITARIO VITTORIA
PUGLIA BARI LICEO CLASSICO O. FLACCO
PUGLIA BARI IIS MARCONI – HACK
PUGLIA BRINDISI IIS E. MAJORANA
PUGLIA BRINDISI IIS MARZOLLA SIMONE DURANO
PUGLIA FASANO IIS G. SALVEMINI
PUGLIA FOGGIA LICEO SCIENTIFICO G. MARCONI
PUGLIA GALATINA LICEO A. VALLONE
PUGLIA LECCE IIS GALILEI-COSTA
PUGLIA LECCE LICEO P. SICILIANI
PUGLIA TARANTO LICEO SCIENTIFICO G. BATTAGLINI
SARDEGNA SASSARI ISTITUTO PARITARIO PITAGORA
SICILIA CALTANISSETTA IIS S. MOTTURA
SICILIA CALTANISSETTA LICEO R. SETTIMO
SICILIA PALERMO ISTITUTO PARITARIO GONZAGA
SICILIA AUGUSTA IIS A. RUIZ
TOSCANA AREZZO LICEO ANNESSO AL CONVITTO NAZIONALE VITTORIO EMANUELE II
TOSCANA AREZZO LICEO V. COLONNA
TOSCANA GROSSETO POLO TECNOLOGICO MANETTI – PORCIATTI
TOSCANA GROSSETO IIS V. FOSSOMBRONI
TOSCANA LUCCA ISTITUTO PARITARIO ESEDRA
TOSCANA PIETRASANTA IIS DON LAZZERI-STAGI
UMBRIA PERUGIA ITET A. CAPITINI
VENETO CITTADELLA ITS G. GIRARDI
VENETO TREVISO ISTITUTO PARITARIO DELLE FIGLIE DELLA CARITA’ CANOSSIANE
VENETO TREVISO ISTITUTO PARITARIO COLLEGIO VESCOVILE PIO X
VENETO VILLAFRANCA IIS C. ANTI
VENETO VERONA ISTITUTO PARITARIO A. ALEARDI
VENETO BASSANO DEL GRAPPA LICEO G.B. BROCCHI