Redazione

Ago 14, 2016

Redazione

Ago 14, 2016

TED | John Green: «Guida di un nerd per imparare tutto online»

Non tutti imparano sui banchi di scuola: alcuni hanno bisogno di una comunità online

Alcuni di noi imparano al meglio in classe, altri, semplicemente, no. Ma anche loro amano imparare, semplicemente devono trovare un modo adatto a loro. In questo TED talk molto personale, John Green, autore di successi come “Tutta colpa delle stelle” e “Città di carta”, racconta come nel mondo del video ha trovato una vera comunità di apprendimento.

Schermata 2016-08-01 alle 13.20.21

Questa è una mappa dello Stato di New York creata nel 1937 dalla General Drafting Company. È una mappa estremamente famosa tra gli appassionati della cartografia, perché qui, alle pendici dei monti Catskill, c’è un paesino chiamato Roscoe — ecco, verrebbe più facile se lo mostrassi qua sopra — Cè Roscoe, e poi appena sopra Roscoe c’è Rockland, New York, e poi appena sopra c’è la piccola città di Agloe, New York. Agloe, New York, è molto famosa tra i cartografi, perché è una città di carta. È anche conosciuta come trappola del copyright. I cartografi — siccome la mia e la vostra mappa di New York sembreranno molto simili, per via della forma di New York — spesso i cartografi inseriscono luoghi inventati nelle loro mappe, per proteggere i loro diritti d’autore. Perché poi, se il mio falso luogo compare sulla tua mappa, avrò le prove che tu l’abbia rubata. Agloe è l’unione delle iniziali dei due uomini che crearono la mappa, Ernest Alpers e Otto [G.] Lindberg, che la pubblicarono nel 1937. Decenni dopo, Rand McNally pubblica una mappa con al suo interno Agloe, New York, nello stesso identico incrocio di due strade sterrate nel mezzo del nulla. Potete immaginare la soddisfazione in redazione. Chiamano immediatamente Rand McNally e gli dicono: “Ti abbiamo scoperto! Agloe ce lo siamo inventato noi. È un luogo falso. Una città di carta. Ti faremo causa!” E Rand McNally dice: “No, no, no, no, Agloe esiste.”

Le persone continuavano ad andare all’incrocio delle strade sterrate — nel mezzo del nulla, aspettandosi un luogo di nome Agloe — e qualcuno costruì un posto chiamato Agloe, New York. C’era un benzinaio, un supermercato, due case in cima. E questo è logicamente una metafora irresistibile per uno scrittore, perché a tutti piacerebbe poter credere che le cose che scriviamo sulla carta possano cambiare il mondo in cui stiamo vivendo, ecco perché il mio terzo libro si chiama “Città di carta”. Ma quello che mi interessa, più del modo in cui è avvenuto, è il fenomeno stesso. È abbastanza facile dire che il mondo crea le nostre mappe, no? La forma complessiva del mondo ovviamente influenza le nostre mappe. Ma ciò che trovo molto più interessante è che il modo in cui rappresentiamo il mondo cambia il mondo. Perché il mondo sarebbe davvero diverso se il Nord fosse in basso. E sarebbe un posto davvero diverso se Alaska e Russia non fossero agli estremi opposti della mappa. E il mondo sarebbe un posto diverso se disegnassimo l’Europa mostrando la sua attuale grandezza. Il mondo è cambiato per via delle nostre mappe. Il modo in cui scegliamo — diciamo, la nostra personale impresa cartografica, modella anche le mappe delle nostre vite, e questo a sua volta modella le nostre vite. Credo che quello che mappiamo cambi la vita che conduciamo. Non ho in mente un’associazione segreta di Oprah’s Angels, del tipo “troviamo una soluzione al cancro”. Penso che le mappe non dicano dove andrai nella vita; mostrano invece dove potresti andare. Molto raramente vai in un luogo che non è sulla tua mappa personale. Ero pessimo studente quando ero piccolo. La mia media era a malapena sopra la sufficienza. 

E penso che il motivo per cui ero un pessimo studente è perché pensavo all’istruzione come a una serie di ostacoli che erano stati eretti prima di me, e che dovevo scavalcare per raggiungere l’età adulta.

E io non volevo davvero scavalcare questi ostacoli, perché sembravano arbitrari, cosi spesso non li superavo, e poi le persone mi minacciavano, sapete, mi minacciavano con: “finiranno sul tuo record permanente” o “non avrai mai un buon lavoro.” Non volevo un buon lavoro! A undici, dodici anni pensavo che le persone con buoni lavori si svegliano molto presto al mattino, e una delle prime cose che fanno gli uomini che hanno bei lavori, è legarsi un accessorio di abbigliamento strangolatore intorno al collo. Facevano loro stessi il nodo, e poi andavano a lavoro, qualunque esso fosse. Non c’è una ricetta per una vita felice. Queste persone — nella mia immaginazione da dodicenne, ossessionata da simboli — queste persone che, come prima cosa al mattino, si strozzavano, non potevano essere felici. Perché avrei dovuto scavalcare tutti questi ostacoli per poi fare la loro fine? È una fine terribile! Poi, in seconda superiore, andai a questa scuola, Indian Springs School, un piccolo collegio fuori Birmingham, in Alabama. E all’improvviso diventai uno studente.

Diventai uno studente perché mi ritrovai in una comunità di studenti.

Mi trovai circondato da persone che onoravano l’intellettualismo e il coinvolgimento e che pensavano che il mio ironico disimpegno non fosse furbo, o divertente, ma la semplice e ordinaria risposta a problemi urgenti e molto complicati. E cosi iniziai ad imparare, perché imparare era forte. Imparai che alcune serie infinite sono più grandi di altre, e cos’è il pentametro giambico e perché suona bene all’orecchio umano. Imparai che la guerra civile è un conflitto nazionale, imparai un po’ di fisica, e che la correlazione non deve essere confusa con la causazione — tutte queste cose, a proposito, hanno arricchito la mia vita quotidianamente. Ed è vero che non ne uso molte per il mio “lavoro”, ma non è quello che conta per me. Si tratta di cartografia. Che cos’è un processo di cartografia? Sapete, è come percorrere delle terre e pensare “Penso che disegnerò questo lembo di terra,” e poi immaginare, “Magari c’è altra terra da disegnare.” E così lo studio è iniziato per me.

È vero che ho avuto insegnanti che non si sono arresi, e sono stato molto fortunato ad averli, perché gli ho sempre fatto pensare che non aveva senso investire su di me.

Ma molto di ciò che ho appreso durante la scuola superiore non riguardava ciò che succedeva in classe, e nemmeno ciò che succedeva fuori dalla classe. Per esempio, posso dirti che “C’è una certa inclinazione di luce, i pomeriggi d’inverno — che opprime, come il peso di musiche di cattedrale –“ non perché ho imparato a memoria Emily Dickinson a lezione quando ero alle superiori, ma perché c’era una ragazza, quando ero alle superiori di nome Amanda, e per la quale avevo una cotta, che amava la poesia di Emily Dickinson. Il motivo per cui posso dirvi quanto costano le opportunità, è perché un giorno mentre stavo giocando a Super Mario Kart, il mio amico Emment entrò e disse “Da quanto stai giocando a Super Mario Kart?” E io dissi: “Non lo so, circa, 6 ore?” e lui disse, “Sai che se avessi lavorato a Baskin-Robbins queste 6 ore, avresti potuto guadagnare 30 dollari, quindi, hai appena pagato 30 dollari per giocare a Super Mario Kart.” E io ho pensato: “Ok ho capito.” Ma ho capito quanto costano le opportunità. E lungo la strada, la mappa della mia vita è migliorata. È diventata più grande; contiene più luoghi. C’erano molte cose che potevano succedere, molti futuri che avrei potuto sperimentare. Non era un processo di conoscenza formale, organizzato, e sono felice di ammetterlo. Era irregolare, inconsistente, c’era molto che non sapevo. Potevo conoscere, sapete, il teorema di Cantor cioè che alcuni insiemi di infiniti sono maggiori di altri, ma non potevo veramente capire l’analisi dietro il teorema.Potevo sapere il costo delle opportunità, ma non conoscevo la legge dai ritorni decrescente.

Ma la cosa bella di immaginare l’apprendimento come cartografia, invece di immaginarla come ostacoli arbitrari che devi scavalcare, è che vedi le coste e ciò ti fa voler vedere di più.

E quindi ora conosco almeno qualche analisi che stanno sotto tutte queste cose. Quindi, avevo trovato una comunità di apprendenti alle superiori, poi andai in nuovo college, e poi in un altro ancora, quando iniziai a lavorare in un posto, “lista di libri,” dove ero un assistente, circondato sorprendentemente da persone colte. E poi scrissi un libro. E come il sogno di tutti gli autori ho subito lasciato il mio lavoro. E per la prima volta dalla scuola superiore mi ritrovai senza una comunità di apprendenti, e fu triste. L’ho odiato. Ho letto molti, molti libri durante questi due anni. Ho letto libri su Stalin, e libri su come i cittadini dell’Uzbekistan sono divenuti musulmani, e ho letto libri su come fare bombe atomiche, ma era come se stessi creando i miei stessi ostacoli, e poi scavalcarli, invece di sentire la sensazione di felicità di essere parte di una comunità di apprendenti, di persone che si impegnano nell’impresa di cartografia di fare il meglio per essere capiti e mappare il mondo intorno a noi. E poi, nel 2006, ho incontrato questo ragazzo. Il suo nome è Ze FrankNon l’ho veramente incontrato, solo via Internet. Ze Frank stava conducendo, al tempo, uno show chiamato “Lo show con Ze Frank,” e scoprii lo show, e li tornai di nuovo a far parte di una comunità di apprendenti. Qui c’è Ze che parla di Las Vegas: (Video) Ze Frank: Las Vegas venne costruita in un enorme, caldo deserto. Quasi tutto qui venne comprato da qualche altra parte — il tipo di rocce, gli alberi, le cascate. Questi pesci sono fuori posto quasi quanto il mio asino che vola. questo torrido deserto che circonda il luogo, cosi sono le persone. Cosa da tutto il mondo sono state ricostruite qui, via dalle loro origini, e lontano da chi ne faceva uso in modo diverso. A volte venivano fatti miglioramenti — alla Sfinge è stato rifatto il naso. Qui, non c’è ragione per credere che manchi qualcosa. New York significa per me lo stesso che per tutti gli altri. Tutto è fuori luogo, e questo parcheggio, centro eventi, Shark Reef. Queste costruzioni potrebbero essere una delle più grandi conquiste, perché nessuno vi appartiene; tutti vi appartengono. Mentre passeggiavo questa mattina ho notato che molti edifici erano enormi specchi che riflettevano il sole nel deserto. Ma diversamente da molti specchi, che mostrano te integrato con l’esternoquesti specchi sono vuoti. Jonh Green: Mi fanno diventare nostalgico dei giorni in cui ti vedevi con i pixels nel video online. (Risate) Ze non è solo un grande intellettuale, ma un brillante costruttore di comunità, e la comunità di persone che ha costruito con i suoi video era in molti casi una comunità di studenti. Cosi abbiamo sfidato Ze Frank a scacchi insieme, e lo abbiamo battuto. Ci siamo organizzato per mandare un giovane in un viaggio negli U.S. Abbiamo fatto della terra un sandwich, mettendo una persona in un punto della terra a tenere un pezzo di pane e nell’esatto posto opposto un’altra a tenere un pezzo di pane. Ho capito che erano idee stupide ma anche “studiate”, e questa era la cosa eccitante, e se andate in rete, potete trovare comunità come questa in tutto il mondo. Seguite il “calculus tag” in Tumbl, e si, troverete persone che si lamentano delle analisi, ma anche persone che ripostano questi lamenti spiegando che le analisi sono interessanti e magnifiche, e questo è un modo di pensare al problema che ritieni irrisolvibile. Puoi andare su Reddit, a trovare dei post come “Chiedi ad uno storico” o “chiedi alla scienza,” dove puoi chiedere alle persone che sono del campo una vasta gamma di domande, da quelle serie a quelle sciocche. Ma per me, la più interessante comunità di principianti che sta nascendo su Internet in questo periodo è YouTube, e a dire il vero, sono di parte. Ma penso in molti modi che YouTube assomigli ad una classe. Guardate per esempio: “Minute Physics,” un ragazzo che insegna al mondo la fisica: (Video) Arriviamo al punto. Al 4 Luglio 2012, il bosone di Higgs è l’utimo pezzo fondamentale del modello delle particelle standard ad essere scoperto sperimentalmente. Ma, potreste chiedermi, perchè il bosone di Higgs fa parte del modello standard, a fianco di particelle conosciute come elettroni, protoni e quarks, se non era stato scoperto prima del 1970? Bella domanda. Ci sono due grandi motivi. Primo, come un elettrone è un eccitamento nel campo dell’elettrone, il bosone di Higgs è semplicemente una particella che è un eccitamento del campo del tutto-comprendente Higgs. Il campo di Higgs gioca un ruolo fondamentale nel modello di forza nucleare debole. In particolare, il campo di Higgs spiega perché è così debole. Ne parleremo meglio più avanti, ma anche se la forza nucleare debole fu confermata nel 1980, nell’equazione, il campo di Higgs è inestricabilmente unito alla forza debole, che finora non è stata confermata come esistenza vera e autonoma. JG: Ecco un video che ho fatto come parte dello show “Crash Course” sulla prima guerra mondiale. (Video) La principale causa fu ovviamente l’omicidio a Sarajevo dell’arciduca austriaco Franz Ferdinand il 28 giugno 1914, dal nazionalista Gavrilo Princip. Tra parentesi: da notare che la prima grande guerra del ventesimo secolo iniziò con il terrorismo.Quindi, Franz Ferdinand non era proprio amato dallo zio, l’imperatore Franz Joseph, quelli sì che sono dei baffi! Tuttavia , l’assassinio portò l’Austria ad emettere un ultimatum alla Serbia, a quel punto la Serbia accettò solo alcune richieste dell’Austria, l’Austria dichiarò così guerra alla Serbia. La Russia, per via dell’alleanza con la Serbia, mobilitò l’esercito. La Germania alleata con l’Austria disse alla Russia di fermarsi. La Russia non lo fece, e la Germania mobilitò il suo esercito, dichiarò guerra alla Russia e creò un’alleanza con gli Ottomani, infine dichiarò guerra alla Francia perché, beh, è la Francia. E non è solo la fisica e la storia che le persone scelgono di imparare tramite YouTube. Ecco un video sulla matematica astratta. (Video) Dunque, siete me durante matematica, perché vi obbligano ogni giorno ad andare. E state studiando, non so, la somma di serie infinite. É un argomento scolastico, no? Il che è strano, perché è forte, ma riescono comunque a rovinarlo. Immagino sia per questo che concedono infinite serie nel CV. Perciò, nell’ovvia necessità di distrarvi, state scarabocchiando e pensando quale dovrebbe essere il plurale di “serie” tra cui: “seriee”, “serieei”, “seriei” e “serii”? O è il singolare che dovrebbe essere cambiato: “seria” o “seriem”, come “pony” al singolare dovrebbe essere “pono”. Ma l’intero concetto delle cose come 1/2 + 1/4 + 1/16 e così via sono utili se, diciamo, volete disegnare elefanti che si tengono la coda l’un l’altro: elefanti normali, elefanti giovani, baby elefanti, elefanti bassi,elefanti taglia cucciolo, fino al signor Tusks e oltre. Il che è un tantino fantastico perché puoi ottenere infiniti elefanti in fila, e ci starebbero tutti sempre su una sola pagina di diario. JG: E per ultimo, ecco Destin, “Smarter Every Day”, che mostra la conservazione del momento angolare e, siccome è YouTube, di gatti: (Video) Sono Destin. Bentornati a “Smarter Every Day” Avrete notato che i gatti atterrano quasi sempre sulle zampe. La domanda del giorno è: perché? Come in molti quesiti banali, la risposta è più complessa. Per esempio, riformulo la domanda: Come fa un gatto a girarsi dalla schiena alle zampe durante la caduta, senza violare la conservazione del momento angolare? JG: Quindi, ecco la cosa in comune di questi quattro video: hanno tutti più di mezzo milione di visite su YouTube. E queste persone non li guardano perché sono in classe, ma perché fanno parte della comunità dell’apprendimento che viene riunita da questi canali. Ho detto prima che YouTube è come una classe per me, e in molti sensi lo è, perché ecco l’insegnate, è come una classe vecchio stile: ecco l’insegnante,e poi dietro l’insegnante ci sono gli studenti, e stanno tutti parlando. E lo so che i commenti di YouTube hanno una brutta reputazione nel mondo di Internet ma in realtà, controllando i commenti su questi canali, si trovano persone che coinvolgono nell’argomento, ponendo domande difficili e complicate sul soggetto in questione, ed altre persone che rispondono a queste domande. Dato che la schermata YouTube è impostata in modo tale che la pagina in cui parlo il luogo in cui parlo, sia esattamente nella stessa pagina dei commenti, parteciperete dunque ad una conversazione dal vivo, reale ed attiva. E siccome di solito leggo i commenti, posso partecipare anche io. E questa situazione si verifica, che sia storia, o matematica, o scienze, o qualunque altra cosa. Vedrete anche giovani che usano gli strumenti e i mezzi di Internet per creare luoghi di interazione intellettuale, invece delle ironiche icone che forse molti di noi associano ai meme e ad altre consuetudini di Internet, Sapete, “Annoiato. Ho inventato la matematica”. O, ecco Honey Boo Boo che critica il capitalismo industriale: [“Il capitalismo liberale non è il Bene dell’umanità. Ma l’opposto; è il mezzo del nichilismo feroce e distruttivo.”] Nel caso non aveste capito quello che ha detto… Già.

Credo davvero che questi spazi, queste comunità, sono per una nuova generazione di apprendisti, il genere di comunità, il genere di comunità cartografica che ho trovato quando ero al liceo, e ancora al college.

E da adulto, ritrovare queste comunità mi ha reintrodotto in una comunità di apprendisti, e mi ha incoraggiato a continuare ad imparare anche da adulto, così non credo più che studiare sia qualcosa riservato ai giovani. Vi Hart e “Minute Physics” mi hanno fatto conosceretutte quelle cose che non conoscevo prima. E so che guardiamo tutti indietro ai giorni del salone parigino durante l’Illuminismo, o della Tavola Rotonda sognando, “Vorrei aver fatto parte di tutto ciò, vorrei aver riso alla battute di Dorothy Parker.” Ma sono qui per dirvi che quei luoghi esistono ancora. Esistono negli angoli di Internet, dove gli anziani non osano incamminarsi. (Risate) E credo fermamente, che quando abbiamo creato Agloe, New York, negli anni 60, quando Agloe è diventato reale, era solo l’inizio.