Le 5 pioniere della NASA ora sono in un set Lego

Sulla piattaforma “Lego Ideas” il set con le 5 pioniere della Nasa ha avuto oltre 10 mila voti: entro gennaio Lego deciderà se metterlo in commercio

Nonostante abbiano contribuito all’avanzamento delle scoperte scientifiche, molte donne appartenenti al programma spaziale della NASA non hanno avuto, nel tempo, il giusto riconoscimento. Per questo, Maia Weinstock, deputy editor del MIT News, che si auto-definisce una “Lego Tinkerer”, ha realizzato un set Lego per rendere omaggio alle 5 donne pioniere dell’agenzia spaziale americana. Weinstock ha lanciato il suo progetto attraverso la piattaforma Lego Ideas, che raccoglie idee dai clienti per futuri set Lego che vengono votati direttamente dal pubblico. Il set con le 5 donne della Nasa ha raccolto ben oltre 10 mila voti in poche settimane, pertanto ci sono buone possibilità che l’azienda scelga di metterlo in commercio: Lego deciderà entro il prossimo gennaio. Margaret Hamilton, Katherine Johnson, Sally Ride, Nancy Grace Roman, e Mae Jemison sono le 5 scienziate trasformate in Lego “mini-figure”.  Non solo: oltre al personaggio, il set completo include anche delle vignette che descrivono il lavoro delle scienziate. Sarà così disponibile una piccola riproduzione del telescopio Hubble, uno space shuttle, gli strumenti dell’era Apollo e una replica della famosa foto che ritrae i codici che hanno permesso agli astronauti di atterrare sulla Luna.

maya1

maya2

1. Margaret Hamilton

Informatica. E’ conosciuta per aver reso popolare la moderna concezione di software. Negli anni ’60 ha sviluppato il software che stava a bordo delle missioni Apollo verso la Luna. Il suo modellino Lego ricrea la famosa foto nella quale Hamilton sta davanti una pila di libri che contengono il codice.

margaret-hamilton-is-a-computer-scientist-shes-known-for-popularizing-the-modern-concept-of-software

2. Katherine Johnson

Matematica e scienziata spaziale, è da molto tempo una ricercatrice della Nasa. Ha aiutato a calcolare le traiettorie dei programmi Mercury e Apollo della Nasa, inclusa quella dell’Apollo 11 che ha portato per la prima volta nella storia l’uomo sulla Luna.

katherine-johnson-a-mathematician-and-space-scientist-is-a-longtime-nasa-researcher

3. Sally Ride

Astronauta, fisica e insegnante. Nel 1983 è divenuta la prima donna americana nello Spazio.

sally-ride-was-an-astronaut-physicist-and-educator-in-1983-ride-became-the-first-american-woman-in-space

4. Nancy Grace Roman

Astronoma. Il suo ruolo nell’organizzazione del Telescopio Hubble le ha fatto guadagnare il soprannome di “mamma di Hubble”.

nancy-grace-roman-is-an-astronomer-her-role-in-planning-the-hubble-space-telescope-earned-her-the-nickname-mother-of-hubble-she-also-developed-nasas-astronomy-research-program.jpg

5. Mae Jemison

Astronauta, fisica e imprenditrice. Nel 1992 è diventata la prima donna afro-americana nello Spazio.

mae-jemison-is-an-astronaut-physician-and-entrepreneur-in-1992-she-became-the-first-african-american-woman-in-space

@carlottabalena

Galaxy Note 8, tutte le notizie prima del lancio

Dopo la sfortunata storia del Note 7, quest’anno Samsung spera di bissare il successo del Galaxy S8. Con un terminale munito di pennino e accessori omaggio per chi prenota subito

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Android 8.0, nome in codice: Oreo

Rispettata la tradizione dei dolcetti anche nella nuova release del sistema operativo mobile di Google. Che porta in dote novità per velocità e sicurezza

Zooppa lancia il primo contest per video VR a 360°. Ecco come partecipare

C’è tempo fino al 16 ottobre, saranno selezionati i migliori video promozionali o di storytelling girati con tecnologia 360° e della durata massima di 120 secondi
Garmin è partner tecnologico dell’iniziativa e mette in palio 5 Camere VIRB 360

DevSecOps: lo sviluppo software agile attento alla sicurezza

Sviluppatori, esperti di sicurezza, reparto IT: tutti devono collaborare per creare software davvero sicuro. Un concetto che si concretizza nel DevSecOps, un modo moderno e veloce per arrivare dall’idea alla produzione senza correre rischi