5 giocattoli che insegnano il coding ai bambini da regalare a Natale

Una lista di idee con robot più o meno sofisticati che i più piccoli possono programmare tramite un’app: per imparare divertendosi durante le feste

Non sono certo economici, ma sono supertecnologici. Stiamo parlando dei giocattoli iperconnessi pronti per essere regalati a Natale a bambini in cerca di innovazione. Per i prezzi i genitori dovranno chiedere a Babbo Natale un piccolo sforzo: si va dalle 60 sterline circa (72 euro) di Anki Overdrive Super Truck alle quasi 150 sterline (178 euro) di Dash. Cos’hanno in comune questi dispositivi? La capacità di unire il piacere fisico del gioco e il controllo tramite una app che permette di sottrarre i bambini almeno per un po’ dal monopolio degli schermi di computer e smartphone. Il Guardian raccoglie le principali idee di gioco tech che possono tornare utili a chi sta pensando a un dono per i più piccoli nelle prossime festività.

1. Dash

Il piccolo robot Dash è adatto per i bambini dai cinque anni in su. È assimilabile a un piccolo animale domestico automatizzato: si muove, si illumina, suona e accompagna il bambino nella sua attività di gioco mentre lo stimola a programmare sull’iPad. I piccoli si divertono a far spostare Dash come preferiscono o a fargli svolgere azioni buffe. Oltre all’applicazione, che rende possibile per i bambini cimentarsi nel coding, Dash consente di usare tutta una serie di app di Wonder Workshop con oltre 600 tutorial che insegnano ai bambini altre prospettive della programmazione. Per questo motivo non servono le istruzioni: Dash è già assemblato e per usarlo basta farsi guidare dalle app. Ha un design simpatico e colorato che ricorda quello dei Minion, i protagonisti del famoso film di animazione. Permette di montare anche i mattoncini Lego e Lego Technics compatibili.

dash

2. Jimu Robot Meetbot

Servono quasi 140 euro per accaparrarsi il kit per costruire il Jimu Robot Meetbot di Ubtech. Pensato per i bambini dagli otto anni in su, non è proprio facile da montare e richiede l’aiuto di un adulto. Magari, però, la fase di assemblaggio è l’occasione buona per far giocare insieme genitori e figli non davanti a uno schermo. È un robot umanoide che è possibile programmare con l’apposita applicazione per smartphone e tablet. La sequenza di azioni e movimenti che il robot è in grado di fare lo fa assomigliare molto a un essere vivente capace di affascinare i più piccoli. Tutto grazie a sei servomotori che consentono alle sue articolazioni di snodarsi in maniera molto fluida. Intorno a Jimu Robot Meetbot si è creata una community con la quale i bambini possono condividere foto e video delle performance della loro “creatura”.

jimu-robot

3. Anki Overdrive Super truck

Un veicolo nuovo per un sistema esistente. L’Anki Overdrive Super Truck è un ulteriore mezzo che i più piccoli possono aggiungere alla flotta di automobili dotate di intelligenza artificiale. Qualsiasi percorso venga costruito, i robot motorizzati sono in grado di impararne le caratteristiche. E più vengono usati, più la loro performance diventa brillante. I giocatori vedono muoversi le automobili fisicamente, ma il loro contributo alla gara è virtuale. Ogni bambino può infatti crearsi un avatar e battagliare con i suoi compagni per far arrivare primo il suo mezzo. Ci sono due modelli disponibili, X52 e Freewheel, e ogni veicolo è dotato anche di armi con le quali organizzare la strategia di gioco e vincere la sfida.

anki-overdrive

4. Sprk+

È una sfera ma contiene tutto ciò che è necessario per insegnare la programmazione attraverso le discipline STEM. Sprk+ è controllata da un’applicazione che permette di controllare i suoi movimenti. L’applicazione si chiama Lightning Lab di Sphero. I progetti come quello di Sprk+ sembrano essere il futuro dell’informatica e, di conseguenza, un’opportunità di lavoro certa per chi sceglierà di specializzarsi in questo settore che ne ha sempre più bisogno.

sprkk5-_sr970200_

5. Jett Jumping Race Drone

C’è spazio anche per i droni nella lista dei giocattoli tecnologici da mettere tra i desideri di Natale. Questo qui sotto si chiama Jett Jumping Race Drone. Ha dimensioni ridotte, ma molta energia e stabilità che lo rendono perfetto per le gare. È dotato di due grosse ruote per guadagnare aderenza su strada. Tuttavia, il drone è anche capace anche di grandi acrobazie. Ha una video-camera a bordo che consente a chi lo manovra di tenere sempre sotto controllo il percorso. Per le sue caratteristiche è un dispositivo adatto a una fascia di età superiore ai 14 anni. Grazie all’applicazione FreeFlight è possibile anche pianificare i suoi spostamenti.

drone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Consulti dal medico in sospeso come il caffè: nasce Banca delle Visite. Video

11 milioni di italiani non hanno potuto sostenere le spese sanitarie nel 2016. Il progetto solidale di ScegliereSalute raccoglie fondi per offrire un servizio a chi ha bisogno

Aumenta la RAM e aumenta pure il prezzo. Ecco il nuovo One Plus 5

È il più costoso smartphone mai venduto dall’azienda cinese che lo equipaggia di tutto punto per cercare di fare il grande salto. Le caratteristiche sono da primo della classe e le differenze con i competitor si riducono

Se la scelta di mangiare verdure dipende da come è scritto il menu

Meglio «bocconcini di zucchine caramellate» o «zucchine verdi nutrienti»? Uno studio pubblicato sulla rivista Jama Internal Medicine ha dimostrato che mettere in risalto le qualità benefiche di alcuni vegetali non sempre invoglia i clienti dei ristoranti a sceglierli

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito