Da Amazon un abbonamento per i giocattoli STEM

I bambini riceveranno ogni mese un nuovo articolo direttamente a casa. Costerà 19,99 dollari al mese: per ora disponibile solo negli Stati Uniti

I genitori, si sa, non badano a spese quando si tratta della felicità e dell’educazione dei figli. Soprattutto se si parla di giocattoli. Lo sa bene anche Amazon, che ha lanciato un nuovo servizio di abbonamento su misura, destinato a tutti quei papà e a quelle mamme che vogliono aiutare l’apprendimento dei piccoli attraverso giochi che siano anche educativi.

amazon-stem-toys

Lo STEM Club di Amazon

Si chiama STEM Club: l’acronimo sta per scienza, tecnologia, ingegneria e matematica. Per 19,99 dollari al mese, gli utenti riceveranno a casa giochi scelti in base all’età (3-4, 5-7, 8-13 anni). La prima spedizione gratuita arriverà entro una settimana dalla sottoscrizione dell’abbonamento. Da quel momento in poi, ogni mese i bambini si vedranno recapitare a casa un nuovo giocattolo. Il servizio, per il momento, è disponibile solo negli Stati Uniti. Amazon ha spiegato che controllerà ogni oggetto che verrà spedito, per assicurare che sia appropriato per la fascia d’età a cui è indirizzato.  Con l’abbonamento i genitori avranno la possibilità di ricevere giocattoli scelti tra una lista di novità e non tra quelli più vecchi disponibili sul sito.

Una delle categorie più consultate

Il settore dei giocattoli educativi è uno dei più cercati sulla piattaforma creata da Jeff Bezos: gli STEM toys sono tra le categorie più consultate, con un picco di incremento nel periodo precedente alle feste di Natale. Non a casa l’azienda, già nel 2015, aveva dedicato un’area riservata a questi prodotti. Una strategia ben precisa e che fa leva, più che sull’interesse all’educazione dei bambini, sulla voglia dei genitori di farli felici, e quindi di spendere soldi. Gli abbonamenti offrono inoltre un ulteriore vantaggio, visto dal lato dell’azienda: garantiscono un’entrata sicura e sfruttano il fatto che molti utenti, una volta sottoscritto, continuano a pagare anche se il loro interesse verso gli articoli è in calo. E’ da capire se il vantaggio sia anche per i genitori, che si troveranno con l’ennesimo giocattolo tra i piedi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashape, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup