“Come abbiamo creato da zero la piattaforma per chi cerca un maestro di musica”. Video

Roberto Marazzini ha fondato un anno fa Cademi, il sito che unisce i maestri di musica che offrono lezioni private. In questa intervista spiega come ha fatto

“Come dice il nostro investitore principale, che è l’ex CEO di JustEat Italia, “Offer drives demand”. Se non hai un numero decente di maestri sulla piattaforma, non riuscirai mai a generare domanda del tuo prodotto. Quindi, concentrazione totale sulla creazione dell’offerta, sulla quantità e la varietà di maestri per città e per zona.”

Molti di voi hanno probabilmente provato almeno una volta nella vita l’impulso di iniziare a suonare uno strumento. Personalmente, fin da quando alle medie si faceva lezione di flauto, ho capito che non era cosa per me, ma sono sicuro che chi il basso, chi il pianoforte, tanti di voi hanno iniziato provando a seguire un po’ di lezioni private, prima di arrendersi. Perché? Perché dove si insegnano talento e passione, oltre alla tecnica, trovare l’insegnante giusto non è semplice né banale. Cademi ha provato a risolvere questo problema, creando un marketplace dove studenti e maestri possano incontrarsi e scegliersi, secondo le reciproche esigenze. In questa intervista il fondatore Roberto Marazzini, spiega cosa significa strutturare e far funzionare un marketplace, e come abbia adattato il business model per tentare la strada del successo.

[youtube id=”pjHjzilFK9s” parameters=”https://www.youtube.com/watch?v=pjHjzilFK9s&feature=youtu.be”]

Michele Di Blasio, founder Lacerba

Ti potrebbe interessare anche

Cademi, il sito per trovare un maestro di musica online

Ogni insegnante ha un proprio profilo dove può inserire le sue informazioni personali, il costo orario delle lezioni, la zona dove insegna. E l’allievo può trovare il maestro più adatto

Imparare l’inglese con Youtube: ecco l’app Rebeats

Tonguesten ha sviluppato una piattaforma per trasformare video musicali e serie tv in esercizi di grammatica. Dodici scuole pubbliche inglesi la stanno testando e presto potrebbe arrivare anche in Italia

Il sequestro dell’intero dominio .cat in Catalogna, Flora: «Gravissimo e pericoloso» | Video

Più di 100 mila domini sotto sequestro: è l’effetto dell’irruzione della Guardia Civil spagnola nella Fundació puntCat. Obiettivo: oscurare i siti che promuovono il referendum per l’autonomia della Catalogna

Una startup slovacca produce su ordinazione case trasportabili. Ecocapsule

Questi moduli abitativi producono energia pulita e filtrano l’acqua piovana. Possono essere posizionati dovunque e offrono una soluzione a chi non vuole rinunciare né alla comodità né all’avventura dell’esplorazione