L’iPhone con la carota e tutti gli altri riferimenti tech in Zootropolis di Disney

Il nuovo film Zootropolis è pieno di app, device, e brand tech. Con gli animali, Disney rappresentata perfettamente la società super connessa in cui viviamo

La vera protagonista del nuovo film Disney Zootropolis sembra essere la tecnologia. Dopo regni di ghiaccio, terre fiabesche e subconsci fantasiosi, per la prima volta la Disney Animation Studios ci regala un film che riflette a pieno la società iper connessa e tecno-centrica in cui viviamo. Zootropolis, infatti, è il ritratto di una comunità dove tutti gli animali vivono insieme senza badare a differenziazioni tra specie o preferenze gastronomiche, dove conigli e volpi vivono fianco a fianco scattandosi selfie col proprio iPhone. In altre parole, una società dove le differenze tra gli animali rispecchiano le diverse personalità umane in una personificazione che si vede bene a partire dalle tante tecnologie che usano: stanno sempre con il telefono in mano e quando sono a lavoro usano tablet e pc. La tecnologia, però, non è dominante come, per esempio, in Wall-E dove gli umani sono dipinti come esseri obesi che non riescono ad alzare gli occhi dal proprio tablet. E non è nemmeno esibita come in Inside Out, dove il papà della protagonista è uno startupper che indossa una t-shirt della sua azienda. La tecnologia in Zootropolis è realistica, e gli animali la usano proprio come facciamo noi.

Leggi anche: Come trasformare le emozioni in un film: Inside Out spiegato dallo psicologo

zootropolis

1. L’iPhone con la carota

Lo smartphone è il device che si vede di più: praticamente ce l’hanno tutti. In particolare, quello di Judy Hopps, la coniglietta-poliziotta sembra proprio un iPhone: al posto della famosa mela, però c’è una carota morsicata. Il suo collega, Nick Wilde, invece usa un Samsung.

iphonezoo

2. Zuber

“Migrazioni a portata di dito” è il claim di Zuber l’app per un servizio di tassisti usato in Zootropolis che sempre proprio Uber.

zuber

3. I tablet nella motorizzazione

Zootropolis è una città dove la motorizzazione è gestita interamente da bradipi, lentissimi. La loro tecnologia, però, è avanzata: fanno tutto con i tablet.

tabletzoo

4. FaceTime diventa MuzzleTime

Con il suo iPhone-carota la coniglietta Judy si connette con i suoi parenti facendo delle video chiamate con MuzzleTime, un servizio che ricorda proprio FaceTime.

facetime

5. Conosco questa tastiera

La tastiera e il trackpad con cui Judy e il collega Nick fanno delle ricerche online per una investigazione sono uguali a quelle di Apple.

trackpad

6. Zoogle

In una scena un orso polare guarda le foto sul telefono e il logo di “ZooglePhoto” è ben visibile. Oltre al nome, ci sono anche i colori di Google.

googlezoo

7. Auricolari inconfondibili

Judy deve essere una grande appassiona di Apple, e a questo punto lo stesso vale per Disney. La coniglietto ascolta la musica con un paio di auricolari bianchi che sono proprio quelli della “mela”.

auricolari

Un quiz

Per finire un piccolo quiz: riuscite a contare tutti i telefonini presenti in questa foto?

poster

Ti potrebbe interessare anche

Ecco i due cartoni animati che hanno vinto l’Oscar

Ad aggiudicarsi la statuetta degli Oscar 2016 come migliori film d’animazione sono stati Inside Out e Bear Story

Con l’album da colorare in realtà aumentata di Disney i disegni escono dalla carta

Per ora si tratta di un progetto presentato all’IEEE sulla realtà aumentata. Ma promette di dar vita ai personaggi Disney (come sognano i bambini da sempre)

Come trasformare le emozioni in un film: Inside Out spiegato dallo psicologo

Per il suo ultimo film sulle emozioni, la Disney-Pixar ha chiamato in causa il Greater Good Science Center dell’Università di Berkeley. Il fondatore del Centro racconta: “C’è della scienza dietro a quei personaggi”

Google lancia Tez, l’app per pagare via smartphone (anche a ultrasuoni)

Esordisce in India una nuova app per pagare e trasferire denaro attraverso il conto bancario sfruttando le onde sonore che identificano il pagatore e il beneficiario. Presto la tecnologia arriverà in altri Paesi emergenti

Il brevetto di Harvard arriva in Italia con la batteria di Green Energy Storage

Il sistema, basato su una molecola estraibile dai vegetali, consente di accumulare energia, riducendo l’impatto ambientale e i costi di produzione. L’idea di business è diventata un caso di successo anche per l’overfunding su Mamacrowd

L’Open Innovation Contest 2018 di NTT Data fa tappa anche in Italia

Aperte fino al 10 ottobre le candidature per le startup che vogliano partecipare al processo di selezione italiano. Dieci imprese si presenteranno al pitch day del 16 febbraio 2018 a Milano e una sola arriverà alla finale del 22 marzo 2018 a Tokyo