Kukua, il team che crea app per far studiare i bimbi negli slum africani

L’istruzione con smartphone e tablet arriva in Africa con Kukua, che sviluppa giochi educativi appositamente pensati per fornire un’istruzione di base ai bambini che nascono nelle comunità più povere

Imparare a leggere, a scrivere e a contare utilizzando esclusivamente smartphone e tablet. Non accade in una scuola occidentale all’avanguardia, ma in alcuni villaggi africani del Gambia e del Kenya, dove la maggior parte delle famiglie vivono con un dollaro al giorno. Tutto questo è possibile grazie a Kukua, un team internazionale che crea giochi educativi per bambini, in particolare per quelli delle regioni sub-sahariane.

1427110728247-1

«Visitando alcuni villaggi in Gambia – racconta uno dei componenti del team sul blog di Kukua – ci siamo resi conto che tanti bambini frequentano la scuola, eppure restano analfabeti. Questo perché i maestri si limitano a insegnare loro delle canzoncine che i bambini ripetono meccanicamente, spesso senza capirne il significato. Abbiamo così pensato che avessero bisogno di un approccio interattivo con la materia di studio, per stimolare la riflessione e l’apprendimento». Da qui l’idea di studiare delle app semplici e intelligenti, colorate e divertenti, che potessero stimolare e velocizzare l’apprendimento dei bambini.

I primi prototipi – Android-based – sono stati provati in Gambia e, più recentemente, a Kibera slums, un’enorme baraccopoli nella capitale del Kenia, Nairobi. E il risultato di questi test è stato superiore alle aspettative. Smartphone e tablet sono stati portati da Kukua e distribuiti ai bambini dai cinque ai dieci anni, molti dei quali tenevano per la prima volta un cellulare in mano. Immediatamente i colori, i suoni e le animazioni dei giochi li hanno catturati; così hanno iniziato a pensare in gruppo a come superare le difficoltà per completare i livelli e passare a quelli successivi.

L’ultimo test è stato fatto a Nairobi lo scorso dicembre durante il periodo festivo in cui le scuole erano chiuse e «per questo – continua uno degli organizzatori – pensavamo che avrebbero partecipato pochissimi bambini. Invece si sono presentati all’appuntamento in più di cento! Non avevamo neanche abbastanza tablet per tutti».

1450796378454-1

Team_Kukua_Gambia_research_xprize_literacy_app

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Scuole private a 1 dollaro: la rivoluzione in Kenya finanziata da Zuckerberg e Gates

La catena di scuole Bridge International Academies porta l’istruzione di massa nei paesi poveri, dove i maestri sono assenteisti e le classi sovraffollate. La diffusione di enti privati che fanno uso della tecnologia è un segno di “istinto di sopravvivenza” dei genitori: pur poverissimi sono disposti a pagare per dare ai propri figli un’istruzione migliore di quella pubblica

10 scuole per la vita che stanno cambiando il modo in cui pensiamo l’istruzione

Ben Keene ha raccolto le 10 scuole che nel mondo stanno cercando un modello di istruzione diverso dai canoni tradizionali. E che sia per la vita

La maestra afgana che insegna alle bimbe rifugiate a scrivere (premiata dall’Unhcr)

La missione di Aqeela Asifi è quella di dare un’istruzione alle bambine rifugiate in Pakistan. La sua scuola-tenda è diventata un punto di riferimento per la sua comunità. La sua storia ha commosso il mondo e le Nazioni Unite hanno deciso di conferirle il Premio Nansen per i Rifugiati UNHCR 2015. La cerimonia di premiazione si terrà il 5 ottobre a Ginevra

In Giordania è stato realizzato il primo impianto fotovoltaico in un campo per rifugiati

I pannelli solari installati ad Azraq assicureranno elettricità 24 ore al giorno a circa 20mila persone e consentiranno di migliorare le loro condizioni di vita. L’obiettivo è portare questa innovazione anche in campi più grandi come quello di Zaatari

AXA Innovation Hub, la startup interna ad AXA che trasforma le idee in servizi concreti

20 collaboratori di AXA Italia diventano startupper e si mettono alla prova degli esperti del settore. Patrick Cohen “E’ un nuovo modo di lavorare agile e innovativo per liberare l’energia e la creatività. Senza paura di sbagliare”