Un giovane maestro porta la scuola a cavallo nei villaggi irraggiungibili dell’Etiopia

In Etiopia sono moltissimi i villaggi isolati e le comunità nomadi. Così è diventata nomade anche l’istruzione, che si sposta in sella a un cavallo per raggiungere anche quei posti inaccessibili ad automobili e motociclette

A volte l’innovazione non passa per strumenti tecnologici e banda larga, ma per il mezzo di trasporto più antico. Il cavallo. Eppure anche quella è innovazione, se serve a portare la scuola dove non c’è, se serve a fare qualcosa che nessuno prima aveva fatto. In Etiopia esiste una “mobile education” che non ha nulla a che vedere con smartphone o tablet. L’aggettivo “mobile”, infatti, si riferisce a un movimento vero, fatto da un uomo e da un cavallo che percorrono centinaia di chilometri per portare un po’ di istruzione a chi, altrimenti, rimarrebbe analfabeta per tutta la vita. Questa singolare forma di insegnamento porta a porta – chiamata Horse Powered Literacy – avviene grazie al giovane maestro Legesse Enjero, che fa tappa in diversi villaggi isolati, irraggiungibili persino da auto o moto. Per questo si muove a dorso di un cavallo, la cui bisaccia viene di volta in volta riempita con libri, quaderni e matite. Questi vengono poi distribuiti da Legesse ai bambini, che gli corrono incontro quando lo vedono arrivare nel loro villaggio.

mobilelibrary-1

La lezione si svolge intorno a un albero; i bambini circondano Legesse che, per prima cosa, legge loro un racconto. Si passa poi all’insegnamento delle lettere e dei numeri. Quando la lezione è finita, Legesse raccoglie i libri e si incammina verso un altro villaggio, dove porterà ancora una volta la sua biblioteca mobile.

Spesso nei villaggi etiopi i bambini, fin da piccoli, devono aiutare i propri genitori nei campi e non hanno quindi modo di andare a scuola. Inoltre, in molti casi, la scuola più vicina si può trovare a ore di cammino, cosa che scoraggia anche i più volenterosi.

Non stupisce quindi che in Etiopia siano quasi due milioni e mezzo i bambini che non sono mai andati a scuola.

Per questo il lavoro di Legesse – promosso dalla Ong “Ethiopia Reads” – è ancora più importante. Anche Legesse, come i bambini ai quali insegna, non è potuto andare a scuola da piccolo, perché quella più vicina si trovava a tre ore a piedi dal suo villaggio. Una volta diventato padre però ha voluto che i suoi figli imparassero a leggere, a scrivere e a contare, così si è impegnato in prima persona per creare le basi di un’educazione per tutti, anche in Etiopia. Dal 2011 più di mille bambini hanno ricevuto un’educazione di base grazie a questo programma e ora possono finalmente sperare di continuare a imparare.

mobilelibrary3

mobilelibrary2

Ti potrebbe interessare anche

“Proteggete la mia innocenza”. Dallo Zambia il grido di Sylvia, 9 anni, inviato con Keepod

Una bambina dello Zambia ha scritto una poesia per rivendicare il diritto alla propria verginità e all’istruzione. La recita in un video girato dal team di Keepod, che proprio nella sua scuola sta portando avanti un progetto per la diffusione dei pc nelle scuole

10 scuole per la vita che stanno cambiando il modo in cui pensiamo l’istruzione

Ben Keene ha raccolto le 10 scuole che nel mondo stanno cercando un modello di istruzione diverso dai canoni tradizionali. E che sia per la vita

Dopo Expo il padiglione diventa una scuola in Africa

L’azienda Ferrero ha aperto un progetto per il riutilizzo delle sue strutture ad Expo: saranno smontate e usate in Africa per realizzare pozzi e aule didattiche

Viaggio a Dubai, la città dove il futuro è già realtà

Dopo uno sviluppo urbano straordinario grazie alla ricchezza derivata dal petrolio, la città degli Emirati vuole cambiare ancora con la tecnologia e l’innovazione. E arriva addirittura a sfidare la natura con il progetto di costruire una montagna artificiale