In Uganda 4 studenti hanno creato un’app che diagnostica la malaria in 15 minuti

Matibatu è l’app di 4 studenti d’informatica che in 15 minuti, senza prelievo di sangue, riesce a individuare la malaria anche nello stadio iniziale. Una svolta che potrebbe aiutare le popolazioni rurali dell’Uganda e di altri paesi subsahariani

La malaria, una malattia che in Africa uccide cinquanta persone ogni ora. Un gruppo di intraprendenti studenti ugandesi della facoltà d’informatica e un’idea vincente. Questi gli ingredienti di Matibatu che in lingua swahili vuol dire “centro medico”, un’applicazione per smartphone in grado di diagnosticare la malaria senza ricorrere a prelievi di sangue. Niente più siringhe, insomma, e soprattuto la possibilità di individuare la malattia quando è ancora allo stadio iniziale, prima che si siano manifestati i sintomi. Trovare il modo per rendere veloce e meno invasivo lo screening della malaria è stato per anni il sogno di Brian Gitta, studente 25enne dell’Università Makarere in Uganda. Questo ragazzo la malaria la conosce bene. Da piccolo si è ammalato per la prima volta e poi l’ha contratta di nuovo: ancora aghi sulla pelle e tanta paura. Un trauma che si è portato con sé fino a quando, entrato alla facoltà d’informatica, ha deciso di inventare uno strumento per diagnosticare questa malattia senza l’uso delle siringhe.

9254585475_2759d3c423_h-430x280

Gitta si è messo al lavoro con altri 3 colleghi, Joshua Businge, Simon Lubambo e Josiah Kavuma. Ce l’hanno fatta. Hanno ideato un software di analisi per diagnosticare la malaria. Il funzionamento è il seguente: il paziente inserisce il dito nel “matiscope”, un apparecchio collegato a uno smartphone che penetra sotto la pelle, grazie a una emissione a infrarossi, per esaminare i globuli rossi. La struttura fisica dei globuli rossi infatti cambia dal punto di vista chimico e biomedico nelle persone affette da malaria. In tal modo, con un esame indolore che dura solo 15 minuti, è possibile accertare la presenza o meno della malattia anche nella sua fase iniziale.

matibabu21

Un test attendibile che può essere eseguito ovunque, senza dover andare nei centri medici che spesso distano chilometri dai villaggi dell’Uganda. Dopo la diagnosi della malattia i risultati sono inviati su OneDrive (ex SkyDrive, servizio di stoccaggio nel cloud di Microsoft) così che il medico e il paziente possano prenderne visione. Matibatu potrebbe segnare una svolta nella diagnosi e quindi nella cura della malaria che ancora colpisce milioni di persone nei paesi sottosviluppati. La diagnosi non costa nulla in quanto l’app è gratuita, ci vogliono invece tra i 20 e i 35 dollari per comprare il “matiscope” a raggi infrarossi. Un costo esiguo se si pensa ai benefici che le popolazioni rurali del Nord Uganda potrebbero trarre da una diagnosi precoce della malaria. Ancora oggi infatti molte persone si accorgono di essere malate quando i sintomi sono già irriversibili. A pagare questi ritardi è la popolazione soprattutto i bambini sotto i 5 anni che, secondo gli ultimi dati Unicef, rappresentano ancora il 78% delle vittime globali dovute a questa malattia. Un’analisi precoce potrebbe portare anche a una netta contrazione del numero di aborti. Le donne incinte sono infatti particolarmente colpite dalla malaria.

Malaria-mHealth-App-eHealthNews-e1422021171613-470x250

Ad oggi Matibabu funziona solo con i sistemi Windows ma il team di Gitta sta lavorando per sviluppare l’applicazione per altri supporti. La fortuna dei giovani inventori è stata anche quella di trovare un forte appoggio dall’Università Makarere che partecipa al ResilientAfrica Network (Ran), un’iniziativa che dà ai giovani talenti un’opportunità per dimostrare le proprie capacità nel campo dell’innovazione scientifica e tecnologica. Il gruppo di Guitta ha presentato il prototipo ad Alex Dehgan, direttore del dipartimento di Scienza e tecnologia dell’Usaid, United States Agency for International Development, che ha accolto con entusiasmo l’invenzione. Per i quattro giovani informatici si sono così aperte le porte dell’Università che ha messo a loro disposizione spazi e strumenti. E il loro sogno è andato avanti fino a diventare realtà.

 

Ti potrebbe interessare anche

“Proteggete la mia innocenza”. Dallo Zambia il grido di Sylvia, 9 anni, inviato con Keepod

Una bambina dello Zambia ha scritto una poesia per rivendicare il diritto alla propria verginità e all’istruzione. La recita in un video girato dal team di Keepod, che proprio nella sua scuola sta portando avanti un progetto per la diffusione dei pc nelle scuole

Kukua, il team che crea app per far studiare i bimbi negli slum africani

L’istruzione con smartphone e tablet arriva in Africa con Kukua, che sviluppa giochi educativi appositamente pensati per fornire un’istruzione di base ai bambini che nascono nelle comunità più povere

Un giovane maestro porta la scuola a cavallo nei villaggi irraggiungibili dell’Etiopia

In Etiopia sono moltissimi i villaggi isolati e le comunità nomadi. Così è diventata nomade anche l’istruzione, che si sposta in sella a un cavallo per raggiungere anche quei posti inaccessibili ad automobili e motociclette

Cosa vuol dire fare una «startup» per il digitale a Palazzo Chigi

Il nuovo Commissario del governo per il digitale e l’innovazione Diego Piacentini ha aperto le candidature per il nuovo team, dicendo di voler creare una sorta di «startup» all’interno della Pubblica Amministrazione

Copenaghen, la prima città al mondo a emissioni zero

La capitale danese punta entro il 2025 a far spostare il 50 per cento dei suoi abitanti in bicicletta e a produrre energia pulita attraverso le biomasse. Tutto in un contesto urbano moderno e iperconnesso

Un modello virtuoso di Open Innovation: l’accordo Lanieri lanifici biellesi, spiegato

Il ceo del lanificio biellese spiega la scelta della sua società di investire in una startup: «È una mossa strategica per presidiare un mercato nuovo e portare in azienda stimoli e idee che altrimenti non avremmo potuto conoscere»