I cartoni animati che spiegano la dislessia ai bambini inglesi

L’associazione britannica “Dyslexia Action” ha realizzato sei film per spiegare cos’è la dislessia e per aiutare i bambini dislessici a superare questo ostacolo. I corti si sono aggiudicati il premio “Creative Vision Award for Charities”

La dislessia trova un alleato nel cinema nel Regno Unito. L’idea arriva dall’associazione inglese “Dyslexia Action” un ente di beneficenza nazionale con oltre quarant’anni di esperienza nel fornire supporto alle persone con difficoltà di alfabetizzazione e matematiche, dislessia e altre difficoltà specifiche di apprendimento. Gli esperti di questa realtà che lavora per dare una mano ai bambini ma anche agli adulti, hanno realizzato sei film per spiegare cos’è la dislessia. Non solo. L’idea di fondo è quella di tendere una mano ai ragazzi dislessici perché comprendano che non sono soli ad affrontare questo “ostacolo”. I video creati per la prima edizione del “Creative Vision Award for Charities”, evento promosso dalla società Kingston Smith, hanno vinto un premio per i cortometraggi dal valore stimato di 150.000 sterline ciascuno.

maxresdefault-5

I film sono stati realizzati in collaborazione con BFX Festival Bournemouth University dagli studenti inglesi e da esperti del settore che hanno utilizzato le migliori tecniche d’animazione.

Ogni video porta un messaggio positivo rivolto a chi ha disturbi specifici d’apprendimento: c’è sempre qualcuno pronto ad aiutarli.

A volte è il bibliotecario o il maestro che afferra una ragazzina in caduta libera in un tunnel buio con migliaia di lettere ingarbugliate che le fluttuano accanto. In un altro video c’è un samurai con un retino pronto a raccogliere tutte le lettere confuse che assalgono un ragazzo in difficoltà. Si tratta di contest positivi che danno ai ragazzi degli esempi, delle testimonianze importanti attraverso un mezzo apprezzato dai più piccoli: le immagini.

Una risposta concreta ai dati che fotografano in Gran Bretagna una situazione grave: più di 6,3 milioni di abitanti del Regno Unito sono potenzialmente dislessici e nelle scuole primarie un bambino su cinque ha difficoltà di questo genere tanto che uno su dieci non raggiunge il livello previsto dal Governo britannico. Una questione che riguarda in primis gli insegnanti: secondo una ricerca di “Dyslexia Action” condotta tra i genitori, il 92% degli intervistati ha dichiarato che tutte le scuole dovrebbero avere degli specialisti in dislessia e nove su dieci mamme e papà di figli con questa difficoltà vorrebbero che tutti gli insegnanti avessero almeno una formazione di base su questo argomento.

Il mancato riconoscimento in età scolare della dislessia, soprattutto alla primaria, può avere conseguenze negli anni a seguire. Molti ragazzi alle superiori abbandonano la scuola andando ad incrementare la cifra di neet che in Gran Bretagna ammonta a 955 mila ragazzi. Anche in Italia è arrivata l’ora di prendere in esame con serietà la questione. Nelle nostre scuole la maggior parte dei docenti non ha una formazione utile ai dislessici e non partecipa a corsi di aggiornamento o di formazione a tal riguardo. Anche la figura dello specialista latita. Si attende per mesi una diagnosi con i centri di neuropsichiatria che non riescono ad assorbire le richieste che arrivano da ogni luogo e per ogni disagio.

Un Commento a “I cartoni animati che spiegano la dislessia ai bambini inglesi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Child Explorer, l’app che accompagna i bambini a scuola (e li rende autonomi)

La startup Enbelive ha lanciato il progetto Child Explorer: un’ app che aggrega i compagni di classe e li fa camminare insieme da casa a scuola. Ogni bambino ha uno smartwatch col quale può inviare sms o messaggi vocali ai genitori. Che in ogni momento sanno precisamente dove si trovano i figli

Come creare un sito didattico accessibile anche a studenti con DSA

Per gli studenti con disabilità cognitive la tecnologia potrebbe essere uno scoglio insuperabile invece che un trampolino di lancio. Ecco come realizzare un sito dedicato all’istruzione accessibile anche a ragazzi con DSA

Read Runner, l’app che insegna a leggere ai bimbi con DSA (e vince 20mila euro)

Remo Ricchetti (co-founder): «Read Runner è come un paio di occhiali che ti aiutano a leggere meglio». L’app vincitrice della “Fellowship on e-Health” di AXA e Impact Hub Milano, ha l’obiettivo di dare fiducia ai bambini con problemi di apprendimento e sostenere le famiglie e gli insegnanti mettendoli in contatto con medici specialisti

Missione VITA, Paolo Nespoli torna nello spazio

L’astronauta italiano sarà per la terza volta in orbita attorno alla Terra, per la seconda volta ospite della Stazione Spaziale Internazionale. Il suo compito a bordo della ISS sarà svolgere esperimenti di fisiologia e biochimica per studiare il comportamento della vita nello spazio

Google, Facebook e marketing digitale: così il turismo in Portogallo fa numeri e dà lavoro

Visibilità nelle ricerche online e offerte personalizzate. Ecco come il Paese lusitano ha fatto delle proprie bellezze un business, con un fatturato 2016 di 11 miliardi (e 40 mila posti di lavoro in oltre 4 mila aziende)

Un robot subacqueo ha ispezionato i reattori di Fukushima

Per analizzare l’entità dei danni del terremoto del 2011 nella centrale nucleare di Fukushima, gli scienziati stanno usando un piccolo robot a forma di pesce che ha restituito le prime immagini del reattore

Questa startup di Wylab trova borse di studio per atleti | Usa College Sport

Selezionare borse di studio per atleti nelle università statunitensi, questa la mission del progetto di Deljan Bregasi: «Abbiamo relazioni con 2000 diverse università e possiamo comunicare con migliaia di allenatori di 14 sport diversi»

Come rapire Martina, 5 anni, usando i dati su Facebook. Il video da 200mila visualizzazioni in 24 ore

Matteo Flora ha dimostrato com’è possibile che un profilo Facebook creato dai genitori a una bambina possa rivelare dati preziosi utilizzabili come un’arma da un rapitore. Il video è diventato virale in poche ore