La scuola del futuro che la Finlandia ha costruito per superare se stessa

La Saunalahti school nella città di Espoo, Finlandia, è stata costruita partendo dal concetto che l’ambiente influisce sull’apprendimento e sulla felicità dei bambini a scuola. Quindi hanno costruito una scuola aperta, senza barriere né costrizioni

“Una scuola finlandese ancora migliore delle altre scuole finlandesi” dice il sito finland.fi, del ministero degli affari esteri della Finlandia, presentando la Saunalahti school nella città di Espoo. Come dire, abbiamo superato noi stessi: se le scuole finlandesi sono ai vertici mondiali per qualità di strutture e risultati scolastici degli alunni, la “scuola del futuro” recentemente inaugurata farà anche meglio, diventando “metafora dell’istruzione finlandese contemporanea”. Costruita dalla famosa società di architetti Verstas, ospita 750 studenti, dalla scuola d’infanzia all’adolescenza, in una struttura di 10 mila metri quadri che comprende l’asilo e lo “youth club”, la caffetteria, la biblioteca e la palestra.

Leggi anche: Niente materie, si studia per argomenti: è la nuova scuola finlandese

finlandia

Spazi aperti, aria e luce

Spesso gli psicologi sostengono che se cambiamo il nostro approccio all’istruzione e all’educazione, molti alunni cambierebbero il loro atteggiamento verso la scuola e sarebbero portati ad amarla, anziché odiarla. Fatta eccezione per il primo giorno di scuola, infatti, in cui tutti siamo più o meno eccitati dalla novità, per gran parte dei bambini la quotidianità scolastica porta un senso di noia e svilimento. Alla Saunalahti school hanno trovato un modo brillante per risolvere il problema, cominciando proprio dall’edificio.

Più che una scuola sembra un museo d’arte modera, pieno di luce e aria.

Gli architetti della Verstas sono stati molto attenti a fare qualcosa di diverso dal tipico design delle scuole pubbliche. Secondo l’architetto Ilkka Salminen, che ha partecipato nella costruzione della scuola con gli altri architetti Väinö Nikkilä, Jussi Palva e Riina Palva, “l’istituto non è pensato solo come un posto dove studiare le materie tradizionali, ma per diventare un punto focale della città di Espoo”. La biblioteca, infatti, è aperta al pubblico di sera, e “c’è una crescente integrazione tra la scuola, l’asilo e lo youth club”.

142605-R3L8T8D-650-51ef5772e8e44e6da30000be_saunalahti-school-verstas-architects_verstas_saunalahti_2270

142555-R3L8T8D-650-51ef570be8e44e6da30000b8_saunalahti-school-verstas-architects_verstas_saunalahti_1052

Libertà di movimento

L’insegnamento avviene in un’atmosfera rilassata: i bambini possono sedersi dove vogliono e in qualsiasi posizione desiderino, e la discussione tra gli alunni è molto incoraggiata. Ogni bambino può muoversi nella classe liberamente, portandosi dietro anche le sedie. Se ne sentono il bisogno, possono anche distendersi sul divano con il computer poggiato su un supporto. In questa scuola, infatti, i laptop hanno sostituito la lavagna e molte lezioni sono strutturate intorno al concetto di progetto di squadra. Il design delle aule è totalmente di supporto al processo di apprendimento. Per esempio, i muri di vetro tra le classi permettono agli studenti di lavorare in gruppi.

Leggi anche: Gioiosi e illetterati fino a 7 anni: ecco come funzionano gli asili finlandesi

142755-R3L8T8D-650-ce7853477860b3ee4ec81a738eb82847

142355-R3L8T8D-650-2

Il bar, il ristorante e lo sport

Il ristorante è dove gli studenti e insegnanti si incontrano in un momento diverso dal processo di apprendimento. C’è anche un piccolo palcoscenico che può essere usato per performance teatrali, incontri e festeggiamenti. Le aree aperte della scuola sono specificatamente disegnate per dare ai bambini uno spazio dove passeggiare, e sono personalizzate per gli alunni della primaria o della secondaria. Durante le serate, la scuola si trasforma in un centro per intrattenimento e sport per tutti i cittadini del vicinato. Per le decorazioni degli interni e degli esterni, gli architetti hanno usato materiali naturali che aiutano a creare un’atmosfera calda ed accogliente. I muri esterni sono stati costruiti usando diversi metodi di costruzione in un pattern che dà l’idea di casuale per incoraggiare i piccoli ad apprendere. Nelle aree dove i bambini giocano e si rilassano le pareti sono dipinte con colori vivaci ed ogni aula ha colori diversi (e non ci si può perdere).

143505-R3L8T8D-650-sau3

142205-R3L8T8D-650-07-Saunalahti-School-Image-by-Andreas-Meichsner

La scuola senza barriere

Gli spazi aperti della scuola sono collegati con le aule interne e allo stesso tempo tutte le zone della scuola sono collegate tra loro. I designer hanno creduto che ogni barriera all’interno della scuola fosse presa dagli studenti come una cosa contro cui ribellarsi: per questo, l’intero spazio è concepito in modo aperto. Le grandi finestre che affacciano sulla strada danno agli studenti il senso di connessione con il mondo esterno e nelle loro vicinanze c’è sempre un posto dove i bambini possono sedersi, in modo che non si sentano racchiusi in quattro mura. Sensazione che forse, a scuola, abbiamo provato tutti, almeno una volta.

@carlottabalena

Saunalahti school

Saunalahti school

142955-R3L8T8D-650-k1

Saunalahti school

  • Alberto Caspani

    Articolo molto interessante, complimenti! Proprio poche settimane fa mi trovavo a Espoo e ho avuto modo di verificare sul campo la bellezza di questo progetto, così come dell’ambiente in cui è calato. Mi ha fatto anche riflettere su iniziative analoghe tentate in Italia: nel Comune dove abito, Biassono, nel 1978 era stata inaugurata una scuola talmente avanguardistica per gli standard dell’epoca che, oltre ad esser stata recensita dalla rivista Domus, aveva ospitato delegazioni di architetti scandinavi (fra cui finlandesi) molto interessati alla sua filosofia di sviluppo. Peccato la scuola fosse stata poi costruita con materiali economici e l’amministrazione comunale abbia scelto di lasciarla ammalorare. Vi segnalo comune un link interessante per un confronto: http://www.biassonoinprogress.it/2012/05/scuola-elementare-s-andrea-un-gioiello.html Grazie per l’attenzione e un saluto da Biassono.

Ti potrebbe interessare anche

A Faraone piace la scuola finlandese: “Lì valgono più le competenze dei compiti”

Davide Faraone, sottosegretario all’Istruzione, racconta il suo viaggio nelle scuole finlandesi, dove si punta sulle competenze, sull’autonomia e sull’auto-responsabilizzazione dell’alunno. Pochi voti e interrogazioni perché “studenti e insegnanti non giocano a guardie e ladri”

Gioiosi e illetterati fino a 7 anni: ecco come funzionano i nuovi asili finlandesi

La nuova legge per gli asili in Finlandia è totalmente incentrata sul gioco, considerato la chiave dell’apprendimento. Ai bambini non si insegna né la lettura né la scrittura (anzi, la legge passata vietava ai maestri di insegnare ai piccoli a leggere)

Niente materie, si studia per argomenti. E’ la nuova scuola finlandese

In Finlandia si sta sperimentando un metodo di insegnamento basato non sulle materie tradizionali, ma su macrotemi e argomenti

Nascerà nel 2017 la prima città solare del mondo. Benvenuti a Babcock Ranch

“First solar city in the world”. Nascerà nel 2017 quella che si propone come la città del futuro. Si trova in Florida e ai residenti sarà offerto un equilibrio unico tra infrastrutture tecnologicamente avanzate e un ricco ambiente naturale. Tutto nel nome della civitas e della riscoperta della condivisione. Ecco Babcock Ranch.