“Ci avete rubato il futuro”. La delusione per la Brexit di una generazione in tweet e numeri

Il voto per la Brexit ha definito una spaccatura generazionale: gli elettori dai 18 ai 49 anni volevano restare nella Ue, gli altri – la maggioranza – per lasciare l’Unione. La generazione Erasmus che ha perso l’Erasmus si è sfogata sui social

I cosiddetti millennials, cioè quelli con un’età che si aggira intorno ai 30 anni, sono i più delusi dall’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea. Secondo il sito inglese di sondaggi Yougov volevano restare nella Ue, oltre il 70% di giovani tra i 18 e i 24 anni e oltre il 50% delle persone tra i 25 e i 49. A votare per il “Leave”, invece, sono stati la maggioranza tra gli elettori over 50. I dati li ha messi in grafica l’Independent:

 

Schermata 2016-06-24 alle 17.53.51 Schermata 2016-06-24 alle 17.54.19

 

 

Quindi, in definitiva: più si alzava l’età e più gli elettori sono stati inclini a barrare la casella “lasciamo la Ue”. I millennials andranno incontro agli effetti di una Brexit che, per la maggior parte non hanno voluto: sono loro che  vivranno più a lungo le conseguenze di questa scelta storica. Soprattutto in termini di istruzione superiore, ricerca e possibilità di scambi interculturali. Nel 2014 sono stati oltre 15 mila gli studenti inglesi che hanno aderito al programma Erasmus: una possibilità che non avranno più con il Regno Unito fuori dall’Unione.

Leggi anche: Brexit, 15 mila studenti inglesi diranno addio all’Erasmus
Schermata 2016-06-24 alle 17.54.30

 

E la loro delusione non hanno mancato di esprimerla, soprattutto sui social network e su twitter.

Schermata 2016-06-24 alle 18.06.23

Schermata 2016-06-24 alle 18.06.32

Schermata 2016-06-24 alle 17.35.26tw1

 

 

Schermata 2016-06-24 alle 17.35.13 Schermata 2016-06-24 alle 17.32.44 Schermata 2016-06-24 alle 17.39.38 Schermata 2016-06-24 alle 17.36.31

C’è chi ironizza: per esempio, notando che il premier Hugh Grant del film “Love actually” non avrebbe mai permesso la Brexit e creando altri meme.

Schermata 2016-06-24 alle 17.28.58

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti