Un robot per fare street art a Parigi. Lo costruirà Eva, 10 anni (con una borsa di studio)

Eva vinto una borsa di studio per sviluppare l’idea di un robot capace di fare street art e rendere più belle le strade della sua città

La piccola e intraprendente Eva non dimostra affatto i suoi dieci anni. Per riqualificare le strade di Parigi, a suo dire tristi e poco felici, ha avuto un’idea brillante: un robot in grado di fare street art. Un’idea che ha impressionato anche chi, nella sua città, si occupa di assegnare le borse di studio per urban designer e data scientist.

eva

La ragazzina aveva già appreso i principi fondamentali del coding, ma aveva bisogno di aiuto per riuscire nella sua impresa, quindi ha fatto domanda per un programma di borse di studio estive. Kat Borlogan, la fondatrice di Five by Five, il gruppo che gestisce il programma di borse di studio, è rimasta colpita dall’idea di Eva. In un lungo post su Facebook ha scritto: «Cara Eva, la risposta è Si. Sei stata selezionata per il corso estivo…Ti scrivo personalmente perché mi hai profondamente ispirata. Hai detto che avete avuto dei problemi nella realizzazione del robot, è stata una cosa coraggiosa da ammettere, ma la cosa che ci ha colpiti maggiormente è l’umiltà e la volontà di imparare, al fine di andare oltre i nostri limiti solo con il cuore e l’anima dell’innovazione. La mia speranza è che il vostro lavoro sulla robotica incoraggerà di più ragazze giovani in tutto il mondo, non solo per imparare a codificare, ma per essere coraggiose come te nel chiedere aiuto e cercare attivamente modi diversi per imparare e crescere».

Eva si metterà al lavoro con il presidente della Thymio, l’azienda che produce i robot educazionali sui quali la giovane scienziata parigina ha già lavorato. A soli 10 anni è già pronta a rendere le strade della capitale francese di nuovo felici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Arriva dal vino la pelle naturale che non sfrutta gli animali

WineLeather è vegetale al cento per cento ed è ricavata dalla vinaccia. L’idea sviluppata da Gianpiero Tessitore e Francesco Merlino rappresenta un’occasione di rilancio per il settore conciario italiano all’insegna della sostenibilità e del cruelty-free

Più bike sharing, meno stazioni di parcheggio. Shike, il progetto di MugStudio (SocialFare)

Andrea Tommei e Andrea Cantore hanno sviluppato un progetto di bike sharing innovativo, che permette ai cittadini di non servirsi delle classiche stazioni. Shike è tra le 5 aziende selezionate per Foundamenta#3, il programma di accelerazione per startup a impatto sociale