5 imprenditori che hanno lasciato il college e sono diventati miliardari

Ci sono casi in cui la via per il successo non passa necessariamente dall’università. Ecco alcuni esempi eccellenti

Se vuoi avere successo, frequenta un buon college, studia molto e prepara le basi per la carriera futura. Questo è il mantra che ogni ragazzo in America conosce, la strada per il successo che tutti i genitori consigliano ai propri figli. Ma non è detto che sia una strada obbligata. Ecco cinque esempi di persone di successo che hanno lasciato l’università e che hanno fatto una fortuna.

copertina-mark-zuckerberg

Bill Gates

Uno degli uomini più ricchi del mondo secondo la rivista Forbes, fondò la Microsoft quando era ad Harvard e lasciò gli studi dopo il secondo anno. Circa trenta anni dopo il suo abbandono, nel 2007, l’università gli conferì la laurea ad honorem. Non è mai troppo tardi, per il creatore di un impero che vale miliardi di dollari e fondatore della Bill and Melinda Gates Foundation.

Larry Page e Sergey Brin

Se siete arrivati su questo sito, probabilmente lo avete fatto grazie a loro e al motore di ricerca che svilupparono quando erano al college. I due si incontrarono nel 1990 a Stanford e fondarono Backrub, un motore di ricerca che sarebbe poi diventato famoso con il nome di Google. Page e Brin lasciarono gli studi per lavorare al progetto, e visto il successo sembra proprio che abbiano fatto la scelta giusta.

Steve Wozniak

Il suo amico e collega alla University of California (che lasciò nel 1976) era un certo Steve Jobs. con il quale qualche anno dopo avrebbe costruito il primo computer Apple. Quando lasciò l’azienda qualche anno fa si portò a casa un patrimonio netto di 45 milioni di dollari.

Mark Zuckerberg

Sarebbe impossibile escludere il fondatore di Facebook da questa lista. Nella sua stanza a Harvard creò, insieme ad altri studenti, quello che sarebbe diventato di gran lunga il social network più usato al mondo. Ironia della sorte, inizialmente Facebook era stato pensato come strumento di interazione tra gli studenti del college. Zuckerberg lasciò l’università per trasferirsi in California e dedicarsi alla sua “creatura”. Oggi è uno degli uomini più ricchi del pianeta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook e YouTube lavorano contro la propaganda terroristica sulle loro piattaforme

Il social per eccellenza e il portale di videosharing si attrezzano per fare fronte alla minaccia estremista con un misto di tecnologia e buon senso: il riconoscimento automatico spesso non basta a eliminare i contenuti pericolosi

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito