Jeremy Shuler, 12 anni, è il più giovane universitario nella storia della Ivy League

Il ragazzo fino ad oggi ha studiato a casa, dove i docenti erano i suoi genitori, entrambi ingegneri aerospaziali

Quando aveva due anni, Jeremy Shuler leggeva testi in inglese e in coreano. A sei studiava calcolo. Ora, in un’età in cui la maggior parte dei bambini frequentano la scuola media, l’esuberante dodicenne è una matricola alla Cornell University, il più giovane che la Ivy League abbia mai registrato. All’età di 10 anni ha dimostrato di essere intellettualmente pronto per il college.
“É rischioso avere uno studente così giovane, ma se guardiamo avanti ci rendiamo conto che un giorno sarà lui a risolvere qualche problema che noi non abbiamo nemmeno preso in considerazione” ha detto il decano della Facoltà di Ingegneria, Lance Collins al Guardian. Collins ha seguito personalmente tutta la trattativa, e ha voluto fare in modo che il ragazzino avesse un bell’ambiente, sicuro in termini di crescita e favorevole all’apprendimento.

4766Quando aveva cinque anni Jeremy ha letto “Il Signore degli Anelli” e “Journey Through Genius: I Grandi Teoremi di Matematica” da solo. Iscriverlo all’asilo sarebbe stato totalmente inutile. “Eravamo preoccupati per lui, perchè non socializzava con altri bambini”, ha detto la madre. “Al parco giochi andava fuori di testa perchè gli altri bambini correvano e urlavano. Ma quando lo abbiamo iscritto ai campus di matematica, era molto estroverso. Aveva bisogno di qualcuno con interessi simili ai suoi”. Ancora oggi, a livello sociale, si sente più a suo agio con i compagni di college che con i quelli delle scuole medie.
Per quanto riguarda il futuro, Jeremy ha già le idee molto chiare: “Voglio intraprendere una carriera nel mondo accademico” ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le 6 startup finaliste di .itCup Registro 2017

Dalle 110 candidature arrivate per la sesta edizione della .itCup organizzata dal Registro.it sono stati selezionati i progetti innovativi che parteciperanno alla .itCup School a Pisa. E che il 26 ottobre saranno in finale a Roma

Negli Stati Uniti arriva il primo avvocato-robot al mondo. Ed è gratuito

Il robot, che si chiama DoNotPay, in realtà è un’intelligenza artificiale in forma di chatbot e offre consulenza gratuita a chi non può permettersi un legale in carne e ossa. Nei due anni di sperimentazione ha contestato 375mila multe per il parcheggio

McDonald’s firma una linea di abbigliamento e la consegna a casa con UberEats

La famosa catena di fast food ha pensato per il 26 luglio a una campagna per celebrare il Global Delivery Day: in quella data chi ordinerà con UberEats si verà recapitare a casa un articolo con riferimento al marchio del Big Mac

I vincitori della prima edizione: “Siamo cresciuti grazie a Start To Be Circular”

Grazie alla call di Fondazione Bracco la startup Orthoponics ha acquisito le giuste competenze per conquistare il mercato. Scadenza il 3 di novembre. In palio un premio del valore di 10.000 euro e l’ingresso nell’incubatore SpeedMiUp

Botnet, Microsoft combatte Fancy Bear in tribunale

Per fronteggiare l’offensiva cibernetica che si presume giunga dalla Russia, a Redmond hanno scelto un’arma non convenzionale. I cyber-criminali sono colpiti a suon di carte bollate, e la loro botnet smantellata in tribunale