Separarsi da casa per l’università è difficile: così la Cina mette tende per genitori nei campus

Le incredibili immagini mostrano centinaia di papà e mamme dormire per tre giorni nelle “Tents of Love”, le tende messe a disposizione negli spazi universitari

La partenza per l’università è un momento eccitante per un ragazzo, che comporta l’indipendenza del vivere soli e la scoperta di un mondo totalmente nuovo. Contemporaneamente, però, cominciano anche le responsabilità, come la gestione della casa, il pagamento delle bollette e la responsabilità di essere sempre in pari con gli esami. Il distacco dalla famiglia non sempre è facile, soprattutto se genitori e figli non hanno passato molto tempo separati.

Leggi anche: Se pensate che l’esame di maturità sia difficile, è perché non sapete com’è in Cina

37EDA34D00000578-3774223-image-a-1_1473071139953

La tenda di mamma e papà

In Cina, per superare l’ansia da distacco, l’Università di Tianjin ha elaborato un metodo tutto suo: permettere ai genitori di dormire nel campus per alcuni giorni.

Nel palazzetto dello sport sono state allestite centinaia di tende da campeggio chiamate “Tents of Love”.

Feng Shujun, curatore capo della manifestazione, ha raccontato che i genitori hanno difficoltà a trovare alberghi o ostelli durante l’insediamento delle matricole, quindi sono autorizzati a rimanere per tre giorni all’interno del palazzetto. Ai familiari inoltre è stato dato l’accesso alle docce e ai servizi igienici, oltre ad essere forniti di coperte, asciugamani puliti e acqua. L’Università di Tianjin non è l’unica scuola ad adottare questo schema. Altre facoltà, come l’Università di Shantou nella provincia di Guangdong, hanno aderito a questo modello. Iniziative utili ad aiutare gli studenti a superare lo stress di certi momenti, in un sistema scolastico che, più di tanti altri, carica i ragazzi di pesi e responsabilità. Dopotutto, la Cina rimane il paese dove il test d’ingresso all’università, il famoso Gaokao, è da molti indicato come l’esame più difficile al mondo.

37EDBBFB00000578-3774223-image-a-20_1473071912404

 

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia