Eugenia Cheng, la prof che insegna la matematica con torte, biscotti e marmellata

Cornetti e pan di Spagna sulla cattedra per spiegare formule e teoremi. Eugenia Cheng ha trovato un modo “dolce” per far capire la matematica a tutti, e lo racconta in un libro e su Youtube

Quando associamo un’informazione a un’immagine, la nostra mente la ricorda meglio. Allo stesso modo, se colleghiamo un concetto astratto, come la matematica, a qualcosa di fisico, come una fetta di torta o un biscotto, improvvisamente anche i numeri e le formule saranno più semplici da capire. E’ quanto sostiene Eugenia Cheng, insegnante 40enne inglese originaria di Honk Kong. Cheng è una professoressa associata di matematica pura all’Università di Sheffield, nel Regno Unito, e ricercatrice nella School of the Art Institute of Chicago.

eugenia

Biscotti in cattedra

Un giorno Eugenia Cheng era in classe e stava illustrando un teorema matematico. Per spiegarlo in maniera semplice ai suoi alunni ha usato come metafora la preparazione di alcuni biscotti. Tutti hanno capito subito il teorema e lo hanno ricordato facilmente. Così le è venuta l’idea che concetti matematici astratti potevano essere illustrati (e ricordati) più facilmente se gli studenti riuscivano a collegarli a un’esperienza fisica, come la preparazione di un dolce. In effetti, cucinare è un processo che ha a che fare con la chimica per quanto riguarda gli ingredienti, ma anche con la matematica per quanto riguarda le porzioni e i dosaggi.

Cheng ha trovato molteplici modi per insegnare problemi e teorie matematiche mettendo in cattedra torte, biscotti e creme. Qualche esempio? La formula perfetta per mettere il giusto quantitativo di marmellata o di crema in un cornetto, come si taglia una torta non rotonda in cinque o sette parti uguali, come si calcola la quantità di vino in due bicchieri diversi.

[youtube id=”g-X0rStVkkw” parameters=”https://www.youtube.com/watch?v=g-X0rStVkkw”]

Lezioni su Youtube

Molte di queste lezioni si trovano su Youtube nel canale dell’Università di Sheffield e la prof le ha raccolte in un libro pubblicato nel 2015 dal titolo “How to Bake Pi: An Edible Exploration of the Mathematics of Mathematics”, che ora è arrivato in Italia con la traduzione “Biscotti e radici quadrate: lezioni di matematica e pasticceria” edito da Ponte alle Grazie (qui un piccolo abstract in inglese di una lezione). Questo libro ha avuto un successo strepitoso, ed è stato tradotto in 6 lingue. “Il mio obiettivo – spiega la professoressa sul suo sito – è quello di diffondere la matematica a un pubblico più ampio possibile e di ridurre la fobia che molti hanno di questa materia. La chiave è rendere accessibili i concetti anche ai non esperti, di tutte le età, usando esempi comuni, come quelli culinari”. Per rendere la matematica, letteralmente, molto più digeribile.

@carlottabalena

eug

Google lancia Tez, l’app per pagare via smartphone (anche a ultrasuoni)

Esordisce in India una nuova app per pagare e trasferire denaro attraverso il conto bancario sfruttando le onde sonore che identificano il pagatore e il beneficiario. Presto la tecnologia arriverà in altri Paesi emergenti

Il brevetto di Harvard arriva in Italia con la batteria di Green Energy Storage

Il sistema, basato su una molecola estraibile dai vegetali, consente di accumulare energia, riducendo l’impatto ambientale e i costi di produzione. L’idea di business è diventata un caso di successo anche per l’overfunding su Mamacrowd

L’Open Innovation Contest 2018 di NTT Data fa tappa anche in Italia

Aperte fino al 10 ottobre le candidature per le startup che vogliano partecipare al processo di selezione italiano. Dieci imprese si presenteranno al pitch day del 16 febbraio 2018 a Milano e una sola arriverà alla finale del 22 marzo 2018 a Tokyo