Due studenti di design hanno creato una presa a energia solare che si attacca su ogni finestra

Una presa che si attacca con una ventosa e immagazzina la luce solare trasformandola in energia: Kyuho Song e Boa Oh l’hanno presentata a Dubai

Trasformare ogni finestra in una presa elettrica da cui caricare lo smartphone o altro. Ci sono riusciti Kyuho Song e Boa Oh, due studenti dell’Istituto Samsung Art e Design di Seoul, che hanno realizzato una presa portatile che trasforma la luce del sole in energia semplicemente attaccandola con una ventosa alla finestra.

window-socket-3-1024x444

A Dubai la mostra delle scuole di design

I due studenti hanno presentato il loro dispositivo durante la Dubai Design Week, nell’ambito del Global Grad Show, che è considerata la più importante esposizione di creazioni provenienti dalle scuole di design di tutto il mondo. Il Global Grad Show si è svolto lo scorso 24 ottobre: vi hanno partecipato studenti da 50 diverse università del mondo, provenienti da 30 paesi e 6 continenti.

Pannelli solari e ventosa

Tra i 135 progetti presentati dagli studenti c’era anche la presa a energia solare di Kyuho Song e Boa Oh. Il suo funzionamento è semplice quando geniale. Da un lato ha piccoli pannelli solari che raccolgono l’energia, mentre nell’altro ha i buchi per inserire la spina. Quando fuori c’è il sole è sufficiente attaccare la presa alla finestra con una specie di ventosa, e lei inizierà ad immagazzinare l’energia. I raggi del sole verranno conservati nella batteria nel dispositivo.

20 ore di luce

Per caricare completamente la presa, servono dalle 5 alle 8 ore. Il prototipo presentato al Global Grad Show può contenere circa 1.000 mAh che è sufficiente per tenere accesa una lampadina da 60 watt per 2 ore, anche se non è abbastanza per caricare un iPhone completamente spento (un iPhone 5 ha una batteria di 1.440 mAh mentre il 6 ha bisogno di 2.915 mAh). I due studenti, però, stanno già studiando un modo per aumentare la portata della loro presa. Per ora la presa solare è solo un prototipo, i due studenti non stanno pianificando di venderla. Ad ogni modo sarebbe un dispositivo utile da avere quando il telefono è scarico, in giro non vedete prese ma tante finestre.

@carlottabalena

Il sequestro dell’intero dominio .cat in Catalogna, Flora: «Gravissimo e pericoloso» | Video

Più di 100 mila domini sotto sequestro: è l’effetto dell’irruzione della Guardia Civil spagnola nella Fundació puntCat. Obiettivo: oscurare i siti che promuovono il referendum per l’autonomia della Catalogna

Una startup slovacca produce su ordinazione case trasportabili. Ecocapsule

Questi moduli abitativi producono energia pulita e filtrano l’acqua piovana. Possono essere posizionati dovunque e offrono una soluzione a chi non vuole rinunciare né alla comodità né all’avventura dell’esplorazione