I Millennials decideranno chi sarà il nuovo presidente Usa. Sempre che vadano a votare

Un report ha analizzato le tendenze dei millennials riguardo a politica e voto, da marzo a oggi. I “giovani adulti” pendono verso Clinton, ma la percentuale di chi diserterà le urne è cresciuta mese dopo mese

Clinton vs Trump, è il gran giorno. Oggi si chiude una campagna spietata, come forse non si era mai vista: attacchi personali, indagini FBI, cartelle cliniche condivise online. Sembrava che nulla si meritasse di essere lasciato fuori dall’arena della campagna elettorale. Si è parlato dei vari “target” che potrebbero fare la differenza per l’uno o l’altra candidata: i latinos, le donne, i possessori di armi. C’è una categoria di persone, però, che potrebbe veramente fare da ago della bilancia in queste elezioni. A patto che vada a votare. Si tratta dei millennials: parola bruttina e forse anche equivoca, che serve a definire la categoria dei “giovani adulti”, cioè chi ha un’età compresa tra i 16 e i 35 anni. Ovvero la generazione più ampia e quella più presente nei posti di lavoro, la generazione che attualmente definisce i modi in cui si lavora, si comunica, si viaggia. E si vota. Il report “The millennial impact project 2016” ha provato a monitorare l’approccio dei millennials alla politica e al voto nei 6 mesi precedenti le elezioni, scoprendo alcuni trend interessanti. Uno fra tutti: se a votare alle elezioni fossero solo i millennials, probabilmente la candidata democratica avrebbe la strada spianata. Ma non è tutto: il numero di millennials che ha maturato la decisione di disertare le urne è cresciuto sempre di più nel corso dei mesi. Tutto quindi si riduce a una domanda: andranno a votare?

millennials-manual

Il report è stato condotto da Achieve con The Case foundation su un campione di circa 3 mila persone, suddivise in 3 gruppi, che hanno risposto alle stesse serie di domande ogni mese da marzo a agosto 2016. Dai dati emergono diversi trend. Vediamo.

1. Sempre più supporter dem, sempre più disertori di voto

Anche se oltre la metà degli intervistati ha dichiarato di voler andare a votare alle elezioni di oggi, in realtà la percentuale di chi ha risposto che diserterà le urne è cresciuta mese dopo mese, fino a raggiungere il 17%. Clinton raccoglie il 53% delle preferenze, mentre Trump si ferma al 21%. L’altra fetta si divide tra chi non sceglie alcun candidato e chi afferma che non voterà.

1 2 schermata-2016-11-07-alle-17-21-06

2. I millennials non credono di avere un impatto. Anche se non è così

A credere di avere un impatto “molto forte” sulle sorti degli Stati Uniti sono in pochi. La maggior parte dei millennials crede che le proprie azioni e il proprio voto abbiano un impatto “piccolo o moderato”, e un 9% pensa di non aver alcun impatto. Le donne hanno meno fiducia di riuscire a lasciare una traccia rispetto agli uomini.

4

3. Istruzione e salute sono i temi a cui tengono di più

Nel corso dei mesi non sono cambiati i temi che stanno più a cuore ai millennials quando si tratta del loro futuro. L’istruzione e l’assistenza sanitaria sono, rispettivamente, al primo e al secondo posto dei loro interessi sociali, mentre al terzo posto c’è il lavoro e l’economia.

4. I millennials si auto-definiscono conservatori invece che liberali

Se devono scegliere tra il definirsi più conservatori o più liberali, i millennials pendono per la prima ipotesi. Sebbene il report parli di “tendente a”, invece che offrire una definizione precisa, il 50% sceglie di inserirsi nella categoria dei tendenti-conservatori, mentre il 41% sceglie quella dei tendenti-liberali. Un dato interessante che emerge dalla seconda tabella di seguito, è che gli uomini sono più propensi delle donne a definirsi conservatori.

6

5

5. Facebook è la piattaforma più usata per condividere opinioni

Il social di Mark Zuckerberg si conferma il mezzo preferito dei millennials per condividere opinioni su quello in cui credono e a cui danno valore. Facebook resta la piattaforma principale per diffondere contenuti “meaningful”: ben il 91% degli intervistati lo usa per questo. Al secondo posto ci sono Twitter e Instagram, seguiti da LinkedIn.

@carlottabalena

7

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Giordania è stato realizzato il primo impianto fotovoltaico in un campo per rifugiati

I pannelli solari installati ad Azraq assicureranno elettricità 24 ore al giorno a circa 20mila persone e consentiranno di migliorare le loro condizioni di vita. L’obiettivo è portare questa innovazione anche in campi più grandi come quello di Zaatari

AXA Innovation Hub, la startup interna ad AXA che trasforma le idee in servizi concreti

20 collaboratori di AXA Italia diventano startupper e si mettono alla prova degli esperti del settore. Patrick Cohen “E’ un nuovo modo di lavorare agile e innovativo per liberare l’energia e la creatività. Senza paura di sbagliare”