La scuola dell’Università di Cambridge completamente a energia solare

La University of Cambridge Primary School è un campus alimentato a energia solare. Il progetto è stato ispirato dalle più recenti ricerche nel campo della formazione

Una scuola verde, in cui studiare all’aria aperta e in maniera ecologica. La Marks Barfield Architects ha completato l’innovativa University of Cambridge Primary School, un intero campus alimentato a energia solare. L’Università di Cambridge è la prima struttura dedicata alla formazione universitaria nata in Inghilterra.

H

Questa scuola primaria ha raggiunto l’eccellenza anche in termini di impatto ambientale, riducendo al minimo il consumo di energia, oltre a potenziare al massimo l’accesso alla luce naturale e alla ventilazione. La scuola, disposta intorno a un cortile verde centrale, ha una pianta circolare con le aule e gli spazi raggruppati insieme in tre blocchi.

Il progetto è stato ispirato dalle più recenti ricerche nel campo della formazione, con un notevole apporto d’importanti pedagogisti e insegnanti.

Il risultato è un ambiente educativo dove l’apprendimento può avvenire ovunque.

university-of-cambridge-primary-school-by-marks-barfield-architects-2

I tre blocchi della scuola comprendono sei classi, più un cluster per gli alunni più piccoli, che si aprono su uno spazio condiviso dove imparare all’aria aperta. Oltre a fornire un ambiente di apprendimento per i bambini in età scolare, la scuola facilita anche la formazione degli insegnanti e la ricerca educativa per la Facoltà di Scienze della Formazione. Questi obiettivi sono stati resi possibili dalla natura collaborativa del processo di progettazione: «La University of Cambridge Primary School è il risultato di un lavoro di squadra – spiega Julia Barfield, direttore di Marks Barfield Architects – ogni decisione è stata presa esaminando il contesto e le esigenze educative della scuola, attingendo alla guida e alla ricerca dei principali studiosi. Il risultato è una scuola in cui l’istruzione e l’architettura sono totalmente allineate in modo tale che l’apprendimento possa avvenire ovunque».

H

4 Commenti a “La scuola dell’Università di Cambridge completamente a energia solare”

  1. Ri Mirko

    ALTRO FENOMENO …ora questo ha scoperto i BITCOIN che ci sono da 3000 anni . .ma lui vorra’ fare la solita funzione agiuntiva ,cose prese qui e la.. qualche cosa per essere un minimo diverso da quello che in realta gia’ ce.. e questo vuol dire innovare??? MAH…

    Rispondi
  2. +++ CrowdfundingNews.IT +++

    mi piacerebbe creare un coso così, ma tutto per me, ho anche provato a
    raccogliere i fondi necessari con una campagna di crowdfunding ma il
    risultato è stato ZERO, adesso ci sto riprovando (indirettamente) con
    questa campagna patreon.com/gaetanomarano

    Rispondi
  3. Giovanni Iula

    Nutro profonda ammirazione per gli inglesi
    Ancora una volta ci ricordano che la FORMAZIONE, a tutti i livelli, dovrebbe essere considerata al pari di alcuni bisogni primari come RESPIRARE, NUTRIRSI, RIPOSARE, etc !
    Hanno capito da tempo che la FORMAZIONE è la chiave per farci RESPIRARE, NUTRIRE E RIPOSARE CON LA QUALITA’ CHE MERITIAMO !

    Rispondi
  4. Giovanni Iula

    Nutro profonda ammirazione per gli inglesi
    Ancora una volta ci ricordano che la FORMAZIONE, a tutti i livelli, dovrebbe essere considerata al pari di alcuni bisogni primari come RESPIRARE, NUTRIRSI, RIPOSARE, etc !
    Hanno capito da tempo che la FORMAZIONE è la chiave per farci RESPIRARE, NUTRIRE E RIPOSARE CON LA QUALITA’ CHE MERITIAMO !

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Banca etica stanzia 90K per progetti di promozione culturale (per il crowdfunding)

Fino al 26 maggio è possibile partecipare alla selezione di 15 progetti da inserire sulla piattaforma di Produzioni dal Basso. Il bando è aperto a proposte di produzioni culturali che promuovono la sostenibilità sociale, ambientale o nuove forme di cittadinanza attiva

Ocean Cleanup ripulirà il Pacifico dalla plastica a partire dal 2018

La startup di Boyan Slat ha implementato una barriera galleggiane in grado di concentrare tutto l’inquinamento plastico e permetterne il recupero. Il sistema sarà impiegato nel Great Pacific Garbage Patch, uno dei più consistenti accumuli di immondizia marina al mondo

Impact Hub Milano cerca 5 startup a impatto sociale. IHM Acceleration

Fino al 25 giugno l’incubatore milanese concentrato sull’impact investing seleziona i cinque migliori progetti d’impresa nel campo dell’impatto sociale e ambientale e beneficiare di risorse in denaro e servizi in cambio di equity