Google DeepMind finanzia dottorati a Oxford ai futuri guru dell’intelligenza artificiale

La società britannica sta pagando borse di studio triennali per Phd all’Università di Oxford: una strategia per assicurarsi le migliori menti in azienda

Se in Italia si parla molto di cervelli in fuga e della difficoltà di fare ricerca, all’estero c’è chi fa a gara per aggiudicarsi le menti migliori in azienda. I giganti dell’industria tech selezionano le menti già nelle aule universitarie e ora hanno cominciato a sovvenzionare dottorati per fare ricerca su argomenti di loro interesse. DeepMind lo sta facendo con i cervelli di Oxford, pagando loro la retta per Phd sull’intelligenza artificiale nella prestigiosa università.

13877

DeepMind è la società britannica di AI che Google Alphabet ha acquisito nel 2014 per circa 400 milioni di sterline. Recentemente è stato pubblicato sul sito dell’Università di Oxford l’annuncio per 15 borse di studio a copertura totale per dottorati a partire da ottobre 2017, e tra gli sponsor c’era proprio DeepMind. Le borse di studio sono triennali e includono uno “stipendio” di almeno 14 mila sterline l’anno.

Per usufruirne, gli studenti dovranno studiare e fare ricerca sugli argomenti d’interesse di ogni sponsor. Naturalmente DeepMind è interessato ai settori dell’intelligenza artificiale, del machine learning, della sicurezza. Quello dell’AI è sicuramente uno dei temi emergenti dell’industria digitale e uno dei settori che caratterizzeranno le ricerche delle aziende per il 2017 e oltre (qui un’intervista a Kevin Kelly dove il guru indica l’intelligenza artificiale tra le tecnologie del futuro).

Per questo i giganti tech hanno antenne ben alzate verso tutti quei cervelli che potranno diventare gli esperti e gli innovatori di domani. DeepMind, che ha un ufficio a Londra con 400 persone, ha già assunto almeno una dozzina di ex alunni del dipartimento di Computer Science di Oxford e sembra voler proseguire questo metodo di reclutamento. Offrire una borsa di studio a copertura totale per tre anni è sicuramente un buon metodo per far entrare nel proprio laboratorio le menti migliori e toglierle dal mercato ad altri potenziali concorrenti come Facebook, Apple e Amazon che sono disposti a offrire a questi giovani ingegneri anche 100 mila sterline l’anno pur di assicurarsi talenti nei propri team.

@carlottabalena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La Spagna dice no al vino blu e multa la startup Gik

La bevanda, ottenuta con l’aggiunta di due pigmenti naturali, viene considerata una violazione alle regole del settore enologico. L’azienda ha deciso di cambiare leggermente la composizione del suo prodotto per aggirare il divieto di vendita